Se cerchi una meta per vacanze al mare tra movida e natura la Catalogna in Spagna è il place to be

La regione della Catalogna, in Spagna, ha da offrire un autentico caleidoscopio di proposte per vivere l'estate al mare a 360 gradi

La Catalogna offre spiagge e vita notturna
Getty / David Quintana

Vacanze in Spagna. Sì, anchelast minute. Mondanità e natura, vita notturna e grande arte, vaste spiagge e baie isolate, techno disco e danze tradizionali, Spagna e secessione. Una vacanza al mare in Catalogna è tutto questo. La costa Brava, a nord di Barcellona, è alta e rocciosa, la costa Daurada, a sud di Barcellona, ha grandi spiagge di sabbia. Località alla moda come Cadaqués e Sitges richiamano un turismo cosmopolita, mentre i catalani parlano fieri la loro lingua e danzano le loro danze. Ecco le località di mare della Catalogna dove trascorrere una splendida estate.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

A Cadaqués, sulle tracce di Dalì

Cadaqués al tramonto
Getty

Matisse, Picasso, Chagall, Duchamp… tanti sono gli artisti ammaliati dalla bianca Cadaqués. Però è al nome di Salvador Dalì che è più legata la cittadina della Costa Brava dove l'artista ha vissuto per oltre 50 anni nella villa-labirinto sul mare (da visitare). Del resto questa è la sua terra: Dalì era nato a Figueres, nell'interno, dove ha costruito il suo teatro, mentre a Pùbol (una ventina di chilometri più a sud) ha creato il castello che ha dato in dono a Gala, moglie e musa. Tra le cose da non perdere in Catalogna, la visita notturna al castello di Pùbol: solo in agosto e riservato a gruppi di 20 persone.

Lloret de Mar, fieramente catalana

Il litorale di Lloret de Mar, in costa Brava a nord di Barcellona
Getty

Tra Girona e Barcellona, a Lloret de Mar trovate scogliere alternate a belle cale di sabbia e mare cristallino. Lloret è una città fieramente catalana, una delle capitali della Sardana, la danza tradizionale catalana che si balla in gruppo tenendosi per mano (trovate anche un monumento bronzeo alla Sardana), ricca di architettura modernista (il municipio, Can Font, il cimitero). Da vivere di giorno come di notte.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Sitges, l'Ibiza in salsa catalana

Sitges, una delle più note località della Catalogna
Getty

C'è chi la chiama Ibizia in miniatura, chi la St Tropez di Spagna. Sitges non è una località qualsiasi: ha attirato una colonia di artisti all'inizio del '900, durante il Franchismo è stata uno dei rari luoghi di controcultura e tolleranza, poi una delle città più gay-friendly di Spagna. Delle sue 17 spiagge, 3 sono riservati ai naturisti. La vita culturale è accattivante come quella notturna: sei musei, 12 gallerie d'arte, un ricchissimo cartellone di eventi. Per chi ha già fatto programmi per l'estate, un'occasione per venire a Sitges è il carnevale, uno dei più trasgressivi d'Europa.

Tarragona, archeologia & cucina

L’Anfiteatro romano di Tarragona, in Catalogna
Getty

Tarragona è una bella città catalana dove trascorrere qualche ora a passeggiare nella Rambla Nova, a visitare la Cattedrale romanica, nella parte vecchia della città, per scendere verso il mare dove si trova l'Anfiteatro romano e uno splendido lungomare. La mattina non perdetevi il Mercato Centrale, in un bell'edificio Modernista, e nemmeno il Serallo, il quartiere dei pescatori dove il pesce si vende all'asta non mancano i ristoranti per tutte le tasche con il pescato del giorno.

Delta dell'Ebro, un ponte in mezzo al mare

Il Delta del fiume Ebro, in Catalogna
Getty

Il Delta dell'Ebro è uno dei luoghi più affascinanti della costa Catalana per i suoi spazi immensi, gli specchi d'acqua che riflettono la luce in ogni direzione, e quella sottile lingua di sabbia che separa il mare aperto dalla laguna di acqua salmastra, dove è possibile passeggiare per ore come su un ponte. Portatevi acqua e quanto occorre per godervi una spiaggia naturale e semi-deserta.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi