Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Vacanza a Paestum, vacanza dell'anno: 10 modi (servono?) per convincervi che questa è la meta dell'estate 2018

Scopri il mare di Paestum, in provincia di Salerno e organizza le tue vacanze estive in Italia tra bellissime spiagge di sabbia, il parco nazionale del Cilento e i famosi Templi greci, per goderti le ferie all'insegna del relax, della bellezza e della cultura.

Geoffrey Arduini / Unsplash.com

Vacanze estive? Scegli Paestum: mare, cultura e natura qui non hanno rivali. Tra bellissime spiagge di sabbia, il parco nazionale del Cilento e i meravigliosi templi greci hai soltanto l'imbarazzo della scelta. Ecco perché le vacanze a Paestum hanno qualcosa di speciale: semplicemente, perché hai tutto a portata di mano.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come puoi notare scrutando una cartina della Campania, la provincia della bellissima Paestum è Salerno, da cui dista appena 30 km. Da Napoli invece dista meno di 100 km. Subito a sud di Paestum, che è situata all'imboccatura della piana del Sele, inizia il litorale del Cilento, un mare limpido e cristallino che incontra placidamente una successione impressionante di spiagge e spiaggette di una bellezza straordinaria.

Getty

Guida per le vacanze a Paestum

Con la nostra mini guida ti suggeriamo 10 mete per le ferie a Paestum e dintorni. Magari potresti scoprirle una per una durante il tuo soggiorno

  1. Spiagge – Frazione del comune di Capaccio, Paestum si affaccia sul Tirreno per circa 13 km. La spiaggia è costituita da sabbia chiara, finissima e i grandi stabilimenti come il Lido Mediterraneo Beach, Lido Mec (Paestum), Lido Paestum, Nausica, Lido del Villaggio e Campeggio Nettuno si alternano a tratti di spiaggia libera. Il mare a Paestum è favoloso e non mancano le strutture alberghiere e ricettive, villaggi turistici e più di un campeggio.
  2. Mare a Paestum o Agropoli? - A una manciata di km da Paestum, la vicina Agropoli è un'altra splendida località di mare dalla movida frizzante e dalle mille attrazioni. La Baia Trentova è una famosa spiaggia della Campania chiamata così perché in passato furono ritrovate, in una grotta, trenta uova di gabbiano o di tartaruga marina. Qui il mare assume mille tonalità e colori e lo scoglio di San Francesco, altro mitico posto da scoprire, dista poche centinaia di metri.
  3. Castellabate – In tutta la provincia di Salerno il mare è stupendo e la spiaggia di Punta Licosa, presso Castellabate, è una perla unica. Costituita da sabbia dorata, proprio di fronte all'isola di Punta Licosa, è un vero e proprio paradiso per gli amanti di snorkeling e immersioni. Nei fondali si possono ammirare vari tipi di pesci, oltre che le ampie distese di posidonie. Da vedere è un'altra spiaggia nei paraggi, quella del Lago di Castellabate.
  4. Acciaroli – Altra mitica località non troppo distante da Paestum, Acciaroli è uno dei luoghi simboli del Cilento. Probabilmente qui si può assaporare il più bel mare di Campania e non è un caso che la spiaggia di Acciaroli, di sabbia bianca che si alterna a piccoli ciottoli, abbia vinto il titolo di Spiaggia più bella d'Italia nel 2011 e sia ormai insignita regolarmente della Bandiera Blu, come del resto quasi tutte le spiagge cilentane.
  5. Paestum: mare, lidi... e Templi – Patrimonio mondiale dell'Umanità dal 1998 (ma in realtà... da più di 2500 anni), l'area archeologica di Paestum è delimitata da 5 km di mura ed è costituita da tre grandi templi perfettamente conservati (di Atena, Hera e Poseidone), quattro porte, 28 torri, l'antica agorà, un anfiteatro, diverse case (tra cui una con piscina) e vari edifici come l'ekklesiasterion e l'heroon, la tomba dell'eroe. Tutti i reperti e i cimeli trovati nei dintorni sono conservati nel Museo Archeologico Nazionale.
  6. Il centro storico di Paestum– Anche il nucleo principale della città moderna presenta meraviglie da vedere assolutamente, come la Basilica della Santissima Annunziata, risalente al V secolo d.C.. Più volte sottoposta a restauri e rifacimenti, ha assunto un aspetto barocco ma all'interno dei pilastri è possibile ammirare le colonne originarie della struttura classica, mentre il pavimento originale di 1500 anni fa è a due metri di profondità ed è riemerso grazie agli scavi.
  7. Velia – Altra splendida area archeologica cilentana è quella di Velia, dal greco Elea. Da Paestum dista un'oretta in auto, ma lo spettacolo val bene una passeggiata. Si possono ammirare infatti l'area del porto, due porte, le antiche terme romane ed ellenistiche e diversi quartieri della città, in cui nacquero due tra i filosofi più celebri dell'antichità: Parmenide e Zenone.
  8. Il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano – Il secondo parco nazionale italiano per dimensioni abbraccia un'area vastissima che va da Paestum e dal litorale fino alle zone interne dell'appennino lucano. Nel suo territorio si possono apprezzare 1800 specie diverse di piante autoctone e diversi esemplari di animali rari come l'Aquila reale, il lupo e la lepre.
  9. Le Grotte di Pertosa – Altra meraviglia della natura sono le Grotte di Pertosa-Auletta, nel cuore dei Monti Alburni, l'unico sito speleologico europeo dove è possibile navigare un fiume sotterraneo, il Negro. Le Grotte si estendono per 3000 metri e al loro interno presentano stalagmiti e stalattiti di ogni forza e dimensione.
  10. La Certosa di Padula – Patrimonio Unesco, la Certosa di San Lorenzo è stata fondata nel 1306 e vanta un primato mondiale: suo il chiostro più grande che esista, che si estende per 12mila metri quadrati ed è delimitato da 84 colonne. Da Paestum dista 106 km: un'oretta di viaggio per ammirare le 320 stanze della struttura, che ospita anche il Museo archeologico provinciale della Lucania, ricco di reperti provenienti dal territorio circostante.
    Pubblicità - Continua a leggere di seguito
    Altri da Viaggi