"Ho visitato quasi 60 paesi in un anno e ora posso dirti dove vale la pena andare"

Stacey Flinner, interior designer con la passione per i viaggi, ha mollato tutto e per un anno ha viaggiato in più di 60 Paesi

image
Dmitry Kotov / Unsplash.com

Un anno in viaggio. 12 mesi con la valigia in mano con l'ansia di arrivare in un luogo sconosciuto prima, la bellezza di averlo fatto dopo, e di aver assaporato una cultura, di aver conosciuto e memorizzato panorami visti solo in cartolina. 365 giorni di scoperte, sorprese, fatica ma soprattutto meraviglia. Chiedetelo a Stacey Flinner, interior designer che, concluso il contratto di affitto, insieme al marito David, ha messo tutti i suoi beni in un deposito e si è imbarcata nell'avventura di una vita: un viaggio lungo un anno che ha toccato più di 60 Paesi. Un «giornale fotografico» raccontato, sviscerato, documentato sul suo blog stacieflinner.com, e sui suoi profili Instagram. Stacey e David si sono crogiolati sotto il sole in Grecia, hanno ammirato i ghepardi in Sud Africa e si sono meravigliati davanti ai maestosi palazzi dell'India, e non potrebbero essere più soddisfatti. «Sono una decoratrice d'interni e amo stare a casa, quindi pensavo di sentirne la nostalgia, ma David ed io siamo rimasti entrambi sorpresi dalla rapidità con cui abbiamo trovato il nostro groove, mi è davvero piaciuto stare on the street», ha raccontato a mydomaine.com ricordando il suo invidiabile giro del mondo. Ora che l'avventura è finita, Flinner ha stilato la lista delle destinazioni che l'hanno maggiormente colpita, e dove è pronta a tornare prima di subito.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Argentina
«Abbiamo visitato Buenos Aires, il paese del vino di Mendoza e la Patagonia, ma il mio ricordo preferito delle nostre cinque settimane in Argentina è quello di un weekend trascorso a giocare a polo a Orense, una piccola città a sette ore a sud di Buenos Aires. Edgardo Llambi, un giocatore di polo professionista ci ha insegnato come cavalcare e giocare a polo nella fattoria dove allena i suoi cavalli. In serata, ci siamo uniti ai ragazzi delle stalle per un asado tradizionale (barbecue argentino) e vino sotto le stelle».

Botswana
«Quando visiti il Delta dell'Okavango per un safari, il tuo lodge (tipico alloggio per turisti presente nel sud-est dell'Africa generalmente ubicato all'esterno di parchi nazionali o riserve di caccia ndr) sarà gran parte della tua esperienza, quindi sceglilo saggiamente! Siamo stati in due campi di Sanctuary Retreats e non vediamo l'ora di tornare a Chiefs Camp durante la stagione delle piogge per sperimentare il delta quando è inondato. Il Botswana è ancora relativamente selvaggio e ci siamo spesso sentiti come dei primi esploratori».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Luang Prabang, Laos
«Il Laos era precedentemente una colonia francese, e Luang Prabang era la sede amministrativa della regione, quindi la piccola città è una meravigliosa destinazione multiculturale dove brillano templi buddhisti accanto a case in stile francese con pareti bianche e persiane pastello, che ti aspetteresti di vedere in Provenza. Oltre a una miriade di alberghi e caffè a prezzi accessibili, molte delle principali attrazioni di Luang Prabang sono gratuite, tra cui la visita dei templi buddisti dorati, del mercato notturno dei mestieri, delle cascate del Kuang Si e del Monte Phousi nel centro città, dove si può ammirare l'alba. Quello per cui svuoti volentieri le tasche sono gli splendidi tessuti Lao, molti dei quali fatti a mano nelle vicinanze e fatti con il cotone e la seta più morbida che ci sia».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Egitto
«Abbiamo trascorso solo un giorno al Cairo, in una sosta tra il Kuwait e il Marocco, ma siamo riusciti a visitare i primi tre posti della mia wish list nel poco tempo che abbiamo avuto a disposizione: le Grandi Piramidi e la Sfinge di Giza, Khan el-Khalili (il più antico mercato all'aperto del Medio Oriente) e il Museo delle Antichità Egiziane. C'è qualcosa di speciale nel visitare le destinazioni iconiche di cui hai sempre sentito parlare, sebbene siano antiche, abbagliano e mistificano i visitatori oggi come ieri. Mi piacerebbe tornare per un periodo più lungo per un tour con un archeologo per approfondire dettagliatamente la storia dell'Egitto. Le piramidi erano impressionanti, ma il Museo delle Antichità Egiziane al Cairo è stata una vera sorpresa».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Grecia
«Abbiamo visitato sia Santorini che Paros e abbiamo amato di più Paros. A Paros c'è lo stesso cielo blu, il mare profondo, le case imbiancate a calce e le chiese greco-ortodosse con la cupola blu, ma senza la folla. Abbiamo affittato un Airbnb nel villaggio di Lefkes e abbiamo apprezzato il fatto di aver sentito parlare solo greco durante il soggiorno. Puoi anche passeggiare per la città portuale di Naoussa nel pomeriggio e farlo quasi in solitudine, mentre il resto della città è in spiaggia o fare un pisolino pomeridiano. Alle 18:00, tutti si riuniscono nei ristoranti sul lungomare creando un'atmosfera frizzante. Santorini è sicuramente bellissima, ma ti consiglio vivamente di non visitarla durante l'alta stagione».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi