Design, 15 pezzi iconici che devi conoscere per fare bella figura con gli amici

Mobili che non passano mai di moda, riedizioni speciali, icone di stile da conoscere assolutamente: ecco come il design diventa mito

Si sceglie un mobile sperando che duri nel tempo e si adatti a ogni ambiente. E le icone del design superano questa sfida. Sono pezzi cult entrati nella nostra quotidianità e/o diventati così famosi da esserci quasi familiari: non stancano, non deludono ma anzi, ci seguono attraverso le mode e gli stili. I mobili scandinavi degli anni '30 e '40 ci hanno educato alla sobrietà. Le rivoluzionarie produzioni in serie degli anni '50 e '60, insieme alle curve ammorbidite, ai colori accesi e alle materie plastiche, hanno portato nelle case la praticità. Dagli anni '70, poi, il design è diventato spettacolare, talvolta irriverente o portavoce di ideali importanti, come l'emancipazione della donna nella società. Godetevi questa piccola celebrazione dedicata ai pezzi cult, icone di stile che hanno fatto la storia del design e hanno riscritto il nostro modo di abitare. Restando sempre contemporanei (e qui trovi la nostra guida al Salone del Mobile e al Fuorisalone 2017, per scoprire tutto quello che c'è di nuovo nel design, senza dimenticare gli eventi legati alla moda e i ristoranti di Milano imperdibili per una sosta cool).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Sexy

Bocca, il divano di Studio 65, anno 1970, si ispira al quadro Il volto di Mae West di Salvador Dalì e alle labbra delle dive hollywoodiane. Nella versione più moderna, del 2008,  ha un look dark con tanto di piercing (gufram.com)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Postmoderna

La prima poltrona Proust è stata realizzata a mano da Alessandro Mendini nel 1978: un tripudio di colori rinforzato dall'accostamento a un finto stile Settecento. Multicolor anche la riedizione del 1993, la Proust Geometrica (nella foto, cappellini.it).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Razionale

Progettata nel 1962 da Achille e Pier Giacomo Castiglioni, la lampada Arco ha una base in marmo con un foro fatto  per infilarci un bastone  e spostarla. L'asta curva, lunga due metri, la rende molto versatile (flos.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Ironica

Con un interruttore facile da trovare e un riflettore orientabile, Elmetto, disegnata nel '76 da Elio Martinelli, è la lampada da notte ideale. Qui nella versione rosso rubino, limited edition in occasione dei suoi 40 anni (martinelliluce.it).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Archetipo

Atollo, la lampada da tavolo disegnata nel 1977 da Vico Magistretti, è geometrica  ed essenziale. La calotta semisferica sembra sospesa  e crea un gioco di luce suggestivo (oluce.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Sinuosa

La poltroncina DU 55 P, creata nel 1954 da Gastone Rinaldi, oggi si chiama Letizia
e conserva tutte le sue qualità originali, come l'equilibrio formale tra pieni e vuoti
e la leggerezza data dal profilo slanciato (poltronafrau.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Flessibile

Progettata nel 1993 da Ron Arad, Bookworm è una libreria da parete in Pvc che consente di modellarne la forma a piacere. È anche super resistente: regge fino a 10 kg di libri per ogni modulo (kartell.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altruista

Nel 1932 il grande maestro Alvar Aalto costruisce la poltrona Paimio per un ospedale finlandese: la sua struttura curva senza interruzioni tra  gambe e braccioli è nata per far stare comodi i pazienti (artek.fi).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Intelligente

La Conica di Aldo Rossi è la caffettiera più elegante conosciuta nel mondo. Prodotta dal 1984, in acciaio inox, ha un fondo in rame funzionale per esaltare l'aroma del caffè senza bruciarlo (alessi.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Top Model

Conosciuto come il cavatappi dalle sembianze antropomorfe, Anna G è stato creato nel 1994 da Alessandro Mendini. Il suo vivace vestito in resina serve da base d'appoggio (alessi.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Play Time

La lampada Toio di Achille e Pier Giacomo Castiglioni, 1962, è un giocattolo per adulti: il fanale d'auto è montato con i passanti da canna da pesca e il piedistallo rosso laccato. Per un effetto molto particolare (flos.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cocoon

È chiamata così la tecnica a spruzzo innovativa che nel 1960 ha permesso ad Achille e Pier Giacomo Castiglioni di realizzare la lampada Gatto: la resina nebulizzata sulla struttura metallica delinea la forma dell'oggetto (flos.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Monopezzo

La Panton Chair Classic è un progetto di Verner Panton del 1959/60. Viene prodotta ancora nella versione originale, laccata lucida. È realizzata con un unico foglio di poliuretano leggermente flessibile (vitra.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Buongiorno!

La caffettiera per eccellenza, sempre uguale dal 1933, anno in cui Luigi De Ponti e Alfonso Bialetti la idearono. Moka Express ha rivoluzionato il modo di preparare il caffè a casa (bialettigroup.it).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Innovativa

La seduta 720 Lady del 1951, design Marco Zanuso, vanta primati in materia di comfort: è stata la prima poltrona rivestita in gommapiuma e dotata di molleggio con stringhe elastiche (cassina.com).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Trend