Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Save the children per i bambini della Siria: domenica 12 marzo tutti a Milano

Cesare Bocci, Isabella Ferrari e Giovanni Allevi raccontano in parole e musica la drammatica quotidianità di milioni di bambini siriani

Getty Images

Con Ferite di guerra, domenica 12 marzo 2017 a Milano, Save the children accende ancora una volta i riflettori sui bambini della Siria. Per farlo chiede aiuto al musicista Giovanni Allevi e agli attori Cesare Bocci e Isabella Ferrari: l'appuntamento è a Milano, in Galleria Vittorio Emanuele, alle 17.30. In scena, la quotidianità dei bambini siriani raccontata attraverso i testi di Simona Angioni a sei anni dall'inizio del conflitto, una cruenta guerra civile iniziata il 15 marzo 2011 che ha già causato 4,9 milioni di rifugiati, la metà dei quali sono proprio bambini.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Milioni di loro vivono ancora sotto i bombardamenti. Almeno tre milioni hanno sei anni oggi, e nella loro vita hanno conosciuto solo la guerra. Più di due milioni hanno lasciato la Siria in cerca di sicurezza, affrontando viaggi molto pericolosi in cerca di un futuro migliore; quelli rimasti non possono più andare a scuola, e per sopravvivere sono costretti a lavorare nei mercati, o come ambulanti. Un bambino su 4 ha seri disturbi mentali per via del conflitto. I più sfortunati sono quelli che vengono reclutati dai gruppi armati; e poi ci sono i casi di molte bambine date in sposa dai genitori a uomini molto più grandi di loro. Sei milioni di bambini siriani, oggi, hanno un grande bisogno di aiuto. A oggi Save the children ha raggiunto in Siria più e nei Paesi vicini oltre 3,8 milioni di persone, di cui 2,4 milioni sono bambini, garantendo cure e assistenza sanitaria, fornendo cibo, acqua, riparo e generi di prima necessità, ma anche gli Spazi a misura di bambino, dove i più piccoli possono superare il trauma giocando e imparando.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Trend