Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Bi Happy: ecco la campagna per l'accettazione della bisessualità

Serenità, felicità, libertà, bisessualità, visibilità: le parole chiave della campagna #BiHappy per smetterla di stigmatizzare la bisessualità.

Campagna «BiHappy»
Alberto Still

Qualche tempo fa il professor Umberto Veronesi dichiarò che nel futuro «l'umanità sarà bisessuale» e che «si farà l'amore per affetto e non per riprodursi». Questo, secondo il professore «è il prezzo positivo pagato dall'evoluzione naturale della specie». Una rivoluzione biologica e culturale, secondo Veronesi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Non sappiamo come sarà l'umanità del futuro: forse avrà ragione Veronesi o forse no. Quello che sappiamo, però, è che oggi la bisessualità – uno degli orientamenti sessuali dell'essere umano – è ancora un po' vista in tralice. Molte persone (tanto eterosessuali quanto omosessuali) ritengono che quella della bisessualità sia una fase transitoria o, peggio, che chi si dichiara bisessuale lo fa perché «non ha il coraggio» di dirsi gay. Le cose non stanno così: le persone bisessuali esistono e «bisogna farsene una ragione», per richiamare un celebre slogan di una campagna pro LGBT.

Per questo motivo il coordinamento internazionale 2016 delle associazioni bisessuali (un Comitato spontaneo di associazioni e gruppi LGBTQ di diverse nazioni europee) ha stabilito che questo anno sia dedicato « all'accettazione serena e felice della propria sessualità, primo passo per consentirne l'accettazione anche da parte del "altro", per porre fine alle discriminazioni, e combattere la bi-fobia (fobia nei confronti del bisessuale)». A tal proposito, in occasione della recente Giornata Mondiale della Bisessualità è stata lanciata la campagna Bi Happy 2016-2017. Giocando sulle parole Be Happy (sii felice) e Bi Happy (dove Bi sta per bisessuale) si è scelto di mettere in evidenza come la felicità, in fin dei conti, derivi dal fatto di essere se stessi. Primo passo per essere felici è accettarsi. Poi, tutto il resto.

Bi Happy: lo slogan per la campagna contro la discriminazione delle persone bisessuali
Alberto Still

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Per la prima volta la Giornata Mondiale della Bisessualità del 23 settembre è stata celebrata anche in Italia e italiano è il fotografo che ha realizzato la campagna Bi Happy. Si tratta di Alberto Still, che divide la propria attività tra l'Italia e il Regno Unito. 

La campagna – che va dal 23 settembre 2016 allo stesso giorno del 2017 ed è in inglese, spagnolo, francese e italiano – mostra la «felicità» attraverso sorrisi e risate di ragazze felici di essere vicine e abbracciate. Ha commentato Alberto Still: «L'energia è il filo portante di questa campagna. Le risate e il colore si rafforzano reciprocamente in un'esplosione di felicità. Riassumere i concetti della campagna in due singole inquadrature, è stata una sfida che ho raccolto con piacere potendo fornire alle associazioni del materiale visivo di impatto per un progetto così ambizioso».

Be/Bi Happy, allora.

Serenità, felicità, libertà, bisessualità, visibilità: parole chiave della campagna Bi Happy
Alberto Still

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Trend