Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Inventarsi un nuovo lavoro: fotografa di ritratti

Valentina Riccardi è volata a Ibiza per scattare foto creative alle persone con una photobox costruita a mano: scopri la sua storia, tra fai da te e vintage

Alessandro Vecchi

«Sono pazza di Ibiza e dell'atmosfera che si respira qui. Cercavo un motivo per trasferirmi e l'ho trovato. Per me che amo fotografare le persone è il posto giusto: riesco a scattare ritratti meravigliosi, in linea con lo spirito del luogo», dice Valentina Riccardi, 28 anni, italobelga. Dopo gli studi di fotografia all'International Center of Photography di New York e un passato da freelance sempre in viaggio, Valentina ha scelto Ibiza per sperimentare. E adesso scatta ritratti con una photobox costruita a mano, uno strumento dal fascino particolarissimo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ci può spiegare meglio la tecnica?

Ho scoperto che questo tipo di apparecchiatura veniva utilizzata dai fotografi di strada a fine '800. È una tecnica artigianale che va scomparendo, diffusa soprattutto in Oriente. In Afghanistan, per molte generazioni, è stato l'unico modo per avere fototessere, fino a quando i talebani hanno messo al bando la fotografia. Oggi è una tecnica che sopravvive in alcuni Paesi, come Mali, Cuba e India, grazie a community di appassionati. L'attrezzatura consiste in una grande scatola di legno che è al tempo stesso macchina fotografica e camera oscura, con la quale si sviluppano foto in bianco e nero. Si mettono in posa i soggetti, si mette a fuoco, si scatta e si sviluppa: in dieci minuti la foto è pronta.

Come è nata l'idea?

Avevo visto su Kickstarter, il sito di crowdfunding che finanzia progetti creativi, una campagna che spiegava come costruire da soli un'Afghan box camera, in spagnolo Minutera. L'idea mi ha affascinato, così tre anni fa, con il mio ex compagno, ho provato a costruirla. In quel periodo ero a Ibiza e mi divertivo a creare ritratti con la mia nuova photobox nel mercatino hippie di Las Dalias. È stato un successo, tanto che mi sono ritagliata una postazione fissa per lavorare.

Valentina Riccardi al lavoro.
Alessandro Vecchi

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Perché proprio Ibiza?

Sono venuta in ferie sull'isola nel 2004 e me ne sono innamorata. Adoro la gente, lo stile di vita, il clima: è un posto speciale, mi ha regalato l'ispirazione giusta.

Chi sono le persone che fotografa?

I miei clienti sono davvero vari: coppie, famiglie, amici, giovani, vecchi. Per lo più sono turisti affascinati dalla mia «scatola magica», ma anche tanti amici che vengono a trovarmi. Oltre a Las Dalias, lavoro da Heart, il ristorante-cabaret appena aperto dai cuochi Ferran e Albert Adrià insieme a Guy Laliberté, il fondatore del Cirque du Soleil. Poi mi chiamano per eventi, feste private, matrimoni, festival. Ora ho anche una socia, Viviane Vazquez Dalmau, un'impiegata che lavora con noi e due photobox.

Quanto ha dovuto investire per cominciare?

Circa 2.000 euro per il materiale che è servito a costruire l'apparecchio. A livello personale mi sono documentata molto per far funzionare la photobox come volevo e realizzare il tipo di scatti che avevo in testa.

Uno scatto di Valentina Riccardi.

Quanto guadagna?

Dipende, la mia è un'attività stagionale. Lavoro a Ibiza sei mesi all'anno, mentre gli altri sei me ne sto tranquilla a godermi l'isola o parto per un viaggio. In media riusciamo a guadagnare dai 4 ai 5.000 euro lordi al mese. Ora vorremmo ampliare l'attività anche fuori stagione.

Altri progetti per il futuro?

Continuare a crescere, avere piú clienti, viaggiare con la photobox in altri Paesi. Mi piacerebbe girare l'Europa con una sorta di studio ambulante, un carro-macchina fotografica tirato da un cavallo.

Vuoi provare anche tu?

Numerosi progetti si occupano di tenere viva questa forma artistica. A Ottawa, la School of the photographic arts organizza workshop in cui si insegnano i processi di ripresa, sviluppo e stampa legati a questo mezzo, ma anche il metodo per costruire la propria camera box (spao.ca). Molte notizie interessanti sulla cultura dell'immagine, le possibilità artistiche, i preziosi documenti  etnografici si trovano in Afghanboxcamera.com. In Italia è molto attiva Cuartonigro Photolab, un'associazione che organizza eventi e corsi e che potete trovare su Facebook.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Trend