5 cose da sapere sull'allattamento al seno

Guida all'allattamento al seno in 5 consigli: dalla dieta per la mamma allo svezzamento del bambino

image
Getty Images

Di allattamento al seno si parla spesso ma nonostante questo l'Italia non è ancora un Paese per mamme (che allattano): una volta uscite di casa infatti sono ancora troppo poche le strutture per così dire baby friendly, fornite di tutto quello che può servire ad un bebè come un fasciatoio oppure un luogo tranquillo per allattare. Di questo e molto altro si parla dall'1 al 7 ottobre, quando sarà di scena la WABA - World Breastfeeding Week, che in Italia è Sam - Settimana per l'Allattamento Materno, appuntamento coordinato nel nostro Paese dal MAMI (Movimento Allattamento Materno Italiano) che propone iniziative, dibattiti, flash mob ma anche tavole rotonde con la partecipazione di mamme che allattano, future mamme, papà, bimbi e di chiunque voglia sostenere l'allattamento al seno. Ecco quindi alcune cose utili da sapere a riguardo!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Allattamento al seno: posizioni
Getty Images

Per allattare al seno ci sono tantissime posizioni, ma prima di tutto devi cercare sempre la posizione che per te è più comoda. Sono tre le posizioni più usate:
- la posizione a culla, che è quella più diffusa e in questo caso bisogna stare attente che la punta del naso del bambino si trovi allo stesso livello del capezzolo
- la posizione straiata di lato, molto comoda per allattare sdraiata durante la notte. Bisogna posizionare il piccolo o la piccola più in basso al tuo seno, pancia contro pancia
- la posizione a palla da rugby, con il bimbo appoggiato sull'avambraccio e la sua testina sorretta con la mano corrispondente
In ogni posizione controlla sempre l'attaccamento al seno del bambino, così da evitare l'insorgenza di problemi come le dolorose ragadi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Allattamento al seno: cosa mangiare
Getty Images

Non esiste una vera e propria dieta dell'allattamento al seno (con dieta intendiamo alimentazione ovviamente): durante l'allattamento si possono infatti mangiare tutti i cibi, stando attente a seguire - ma questo vale per sempre non soltanto per questo periodo della vita - un'alimentazione sana ed equilibrata. E' vero che alcuni alimenti possono modificare il sapore del latte materno ma molti bambini reagiscono bene a questi piccoli e temporanei cambiamenti. Se sei vegetariana o vegana, oppure segui regimi alimentari particolari, chiedi sempre consiglio al tuo medico per capire come è meglio comportarsi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Allattamento al seno: dove farlo
Getty Images

A parte qualche raro (e vergognoso) caso in cui una mamma che allattava è stata allontanata da un locale pubblico o invitata a coprirsi, l'allattamento al seno si può fare ovunque, ed è proprio questa la sua comodità. Per incoraggiare le mamme a uscire senza preoccuparsi di quando avverrà la prossima poppata, la community di Baby Pit Stoppers ha dato vita ad un'app (www.babypitstoppers.com) che mira a facilitare la vita dei neogenitori, suggerendo tramite una pratica mappa i posti più vicini in cui si può cambiare il pannolino, fare la poppata o scaldare la pappa per i bimbi più grandi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Allattamento al seno: fino a quando
Getty Images

L'Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce alcune linee guida sulla durata dell'allattamento al seno, che è consigliato in maniera esclusiva fino al compimento del 6° mese di vita del bambino. E' importante che il latte materno rimanga la scelta prioritaria anche dopo l'introduzione degli alimenti solidi fino ai due anni di vita e oltre, finchè la mamma e il bambino lo desiderano.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Allattamento: fai la scelta migliore per te
Getty Images

C'è una cosa che non devi dimenticare: prima dei consigli, delle linee guida, di ogni altra cosa ci sei tu e c'è il tuo bambino o la tua bambina. Solo tu puoi decidere quello che è meglio per voi, anche nell'eventualità in cui il tuo pediatra ti proponesse di alternare il tuo latte con quello artificiale, oppure se tu non potessi - o non volessi - proprio allattare al seno. Nessuno può e deve giudicarti su un argomento tanto personale, e allo stesso tempo, torniamo ad essere solidali tra donne, imparando a rispettare, anche se non siamo d'accordo, le scelte di tutte le altre mamme (sia nella vita reale ma anche sul web e sui social network).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Speciale bambino