Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Il segreto di Kate e William per far dormire il principe George

Per far addormentare il piccolo George Kate e William devono usare uno stratagemma, efficace ma poco ecologico

principe george e charlotte
Instagram @KensingtonRoyal

Che bravo papà, il principe William. È stato durante un recente evento charity che vede coinvolta la famiglia reale che ha rivelato lo stratagemma grazie al quale lui e Kate Middleton riescono a far addormentare il piccolo George

Sembra infatti che il futuro re fin dalla nascita abbia dato parecchi grattacapi notturni alla coppia reale. In poche parole, non voleva saperne di dormire, al punto che, presi dalla disperazione, William e Kate dopo molti tentativi hanno scovato uno stratagemma che funziona: aprire il rubinetto e lasciar scorrere l'acqua. Probabilmente ipnotizzato dal rilassante suono, il principino alla fine si addormenta. Tanto efficace quanto poco ecologico.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

William ha anche aggiunto che la piccola Charlotte si comporta meglio, ma che lo stratagemma dell'acqua che scorre lui e Kate lo utilizzano per addormentare entrambi i bambini. Certo che, ha aggiunto, a suo tempo gli avrebbe fatto parecchio comodo Baby Buddy,l'app nata per per guidare i neo genitori dalla gravidanza ai primi sei mesi del bambino che William, Kate e Harry sponsorizzano con la loro campagna charity Heads Together, nata per portare l'attenzione sull'importantissimo tema della salute mentale.

[instagram ]

[/instagram]

Heads Together lavora con diverse realtà no profit, tra cui Best Beginnings, legata all'app Baby Buddy e nata proprio per aiutare i neo genitori più o meno in difficoltà: «Il problema è che molte persone sottovalutano quello che provano e non cercano aiuto per malattie come la depressione post partum, o addirittura ignorano di soffrirne», ha spiegato Kate.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ecco dunque come il tema della salute mentale va a legarsi anche con quello della maternità: se è vero che una donna su sette soffre di depressione post partum, molti neo genitori non capiscono perché si sentano tanto ansiosi e depressi. Eppure, basterebbe la giusta terapia.

Dunque, grazie a William e Kate, che non solo hanno svelato il loro tenero trucchetto per far addormentare i bambini, ma che soprattutto hanno acceso i riflettori su un argomento tanto importante quanto - forse - sottovalutato come quello della depressione post partum.

[instagram ]

The Duchess of Cambridge does boxercise at the #HeadsTogether launch event Mind charity - one of the 7 #HeadsTogether charities - is promoting the benefits of physical activity for mental wellbeing.Un video pubblicato da Kensington Palace (@kensingtonroyal) in data: 16 Mag 2016 alle ore 03:34 PDT

[instagram ]

The Duke of Cambridge is welcomed to CALM's tea and secrets tent at #HeadsTogether Getting male suicide on the mental health agenda as part of the #HeadsTogether conversation.Una foto pubblicata da Kensington Palace (@kensingtonroyal) in data: 16 Mag 2016 alle ore 04:04 PDT

[instagram ]

Prince Harry plays mental health jenga with Young Minds - one of 7 charities leading the #HeadsTogether conversation on mental wellbeing.Una foto pubblicata da Kensington Palace (@kensingtonroyal) in data: 16 Mag 2016 alle ore 04:13 PDT

[/instagram]

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Speciale bambino