Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Queste foto dimostrano che non esistono sport da maschi

Ragazze che fanno skateboard, basket, football, hockey su ghiaccio: il progetto fotografico She Plays We Win, dedicato alle atlete che praticano sport considerati da maschi, spazza via i pregiudizi e aumenta l'autostima

Sport per bambine, She Plays We Win.
Getty Images

Sport da maschio e sport da femmina. Il pregiudizio di genere ancora esiste? Quante volte ti è capitato nella vita che ti dicessero «Quella cosa non la puoi fare, è da maschio»? O peggio, che usassero l'espressione «è da femmina» in senso dispregiativo. Come se essere una donna fosse una qualità inferiore, come se l'essere femmina ci privi di qualità particolari.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Profondamente ingiusto vero? Specialmente perché ricordi di quando ti interessavano attività e sport solitamente affollati dall'altro sesso, e tu avevi tanta voglia di praticarli. È proprio per questo che è nato il progetto fotografico She Plays We Win (sheplayswewin.com) ideato da Christin Rose, fotografa americana, e dedicato alle bambine sportive.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Accanto ad attività come il basket o il calcio, che negli ultimi decenni si sono più colorati di rosa, ci sono anche skateboard, rugby (come le Lady Lovers mamme rugbiste a Milano), hockey sul ghiaccio, pugilato e motocross. Una campagna per abbattere tutti gli stereotipi legati agli sport perché le donne, e le bambine, possono fare tutto quello che vogliono senza essere giudicate. E perché non esistono sport da maschi e altri in cui relegare le ragazze.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Minna Stess ad esempio ha solo 10 anni, ma va in skateboard da 8 anni e mezzo. Racconta: «non potrei immaginare la mia vita senza lo skateboard. Mi ha insegnato che è necessario continuare a provare e lavorare nonostante le difficoltà, e andare avanti nonostante il dolore e le delusioni».

Praticare sport, tutti gli sport, insomma aiuta a migliorare l'autostimae la considerazione di sé. Per cui la prossima volta che diranno a te o a tua figlia che non si può fare una cosa perché «è da maschio» beh, saprai cosa rispondere!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito