Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

13 cose che i designer d'interni notano appena entrano in una casa

In un paio di minuti hanno già spostato mentalmente tutti i tuoi mobili: ecco i loro consigli per fare casa più bella con poco sforzo

13 cose che gli arredatori d'interni notano non appena entrano in una casa

La prima regola del design è: ognuno ha i propri gusti. Ma gli interior designer conoscono così bene le tendenze e lo stile che non possono fare a meno di dire la loro (nel bene e nel male!) quando entrano in una casa. Ecco una serie di dettagli che in genere i professionisti del settore notano non appena varcano la soglia di una casa. Magari può tornarvi utile se avete in mente qualche cambiamento nella vostra abitazione.

1 di 13
<p>When <a href="http://www.scotmeachamwoodhome.com/" target="_blank">designer Scot Meacham Wood</a> first visits a client's home, he always picks out what isn't working (usually the layout and room function). Why? So he can offer solutions, of course. "If we're doing construction, I look for architectural errors that we could fix, like poorly aligned doorways and oddly placed overhead lighting," he says.</p>
Getty
Il layout della stanza

Quando l'arredatore Scot Meacham Wood visita per la prima volta la casa di un cliente, segna subito quello che non funziona (solitamente si tratta del layout e dell'utilizzo della stanza). Perché? Per offrire soluzioni, naturalmente. «Cerco gli errori architettonici da sistemare: tra i più comuni, porte mal allineate e luce ambientale strana», spiega.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 di 13
<p>Within minutes of walking into a room, Sarah Vaile of <a href="http://sarahwhit.com/" target="_blank">Sarah Whit Interior Design</a> says she's already reconfigured the furniture in her head. "Nothing drives me crazier than a sofa against the wall in a large room," she says. Often, she finds her clients have good taste, but just don't know how to lay the pieces out.</p>
Getty
Se il divano è addossato al muro

Dopo pochi minuti in una stanza, Sarah Vaile di Sarah Whit Interior Design ha già cambiato mentalmente la disposizione di tutti i mobili. «Niente mi corruccia di più che un divano contro la parete in una stanza grande», afferma. Spesso scopre che i suoi clienti hanno buon gusto, ma non sanno tirarlo fuori.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 di 13
<p>Small accents can say a lot, which is why CeCe Barfield Thompson of <a href="http://www.cecebarfieldinc.com/" target="_blank">CeCe Barfield Inc</a> always takes note. "Little touches help a space feel like a home," she says, like flowers by the door, an organized-but-used entry way and a easily accessible bar, of course.</p>
Getty
Se ci sono o meno fiori

I dettagli sono fondamentali, ed è quello che nota CeCe Barfield Thompson di CeCe Barfield Incalways. «Piccoli tocchi al posto giusto aiutano a sentire uno spazio come casa», spiega. Come, per esempio, dei fiori vicino alla porta, un ingresso ben organizzato e un bar facilmente accessibile.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 di 13
couch pillows
Getty
Il numero di cuscini sul divano

In questo caso, Vaile sostiene che più ce ne sono e meglio è: «È bruttissimo quando ci sono solo due cuscini su un divano». Anche perché più cuscini rendono il divano accogliente.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 di 13
<p>The smallest items in the room catch <a href="http://www.echemartinez.com/" target="_blank">interior designer</a> Eche Martinez's attention: "I'm obsessive about spaces being uncluttered and personally prefer minimal styling," he says. "So many times I walk into beautiful homes only to encounter endless tiny memorabilia sitting on the mantle gathering dust!" Permission to ditch those 10-year-old crafts, granted.</p>
Getty
Tutti i piccoli oggetti

I più piccoli oggetti nella stanza catturano l'attenzione dell'interior designer Eche Martinez. «Sono ossessivo sul fatto che gli spazi debbano essere in ordine e per questo preferisco uno stile minimalista», spiega. «Tante volte vedo bellissime case in cui trovo tanti piccoli oggetti che sembrano messi a caso».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
6 di 13
<p>Apparently, how you organize your books says a lot — at least, according to <a href="http://frankbostelmann.com/" target="_blank">interior designer</a> Frank Bostelmann. "Books stacked in piles generally show that no one is reading them and they are there as decorative props," he says. Personally, he likes his collection of hardbacks to be more accessible.</p>
Getty
Come sono organizzate le librerie

A quanto pare, il modo in cui si sistemano i libri la dice lunga, almeno così sostiene il designer Frank Bostelmann. «I libri accatastati in pile generalmente mostrano che nessuno li sta leggendo e che stanno là solo in bella mostra», afferma. Lui preferisce le collezioni di libri con copertine rigide.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
7 di 13
<p>We're talking the trim, crowns and other millwork casings on your walls. "Investing in well-proportioned trims can establish the look and foundation of a room," says Bostelmann. But a cheap stock trim or casing can't be hidden, he warns. </p>
Getty
Il legno sulle pareti

Parliamo di finiture, cornici e le altre parti in legno che possiamo trovare sulle pareti. «Investire in finiture ben proporzionate è la base per l'arredamento di una stanza», chiosa Bostelmann. Ma, ci tiene a precisare, che materiale dozzinale non può essere certo nascosto tanto facilmente.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
8 di 13
<p>It's all about the clients for <a href="http://www.amyberrydesign.com/" target="_blank">interior designer</a> Amy Berry. "Design is so personal and ultimately I hope to create spaces that reflect the people and families that inhabit them," she says. The clues she's looking for? The size of the family, if they entertain and what's on their wish list.</p><p><span></span></p>
Getty
Chi vive effettivamente in casa

È tutta una questione di clienti, secondo Amy Berry. «L'arredamento è molto personale e, per questo, spero di creare spazi che riflettono le persone e le famiglie che li abitano». Quali indizi cerca? La dimensione della famiglia, il modo in cui passano il tempo libero e quello che c'è sulla loro lista dei desideri.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
9 di 13
candles
Getty
Di cosa profuma una casa

Le candele hanno il loro perché, ma Barfield sostiene che non c'è niente di peggio di una fragranza troppo forte non appena si entra in casa. «Sia che si tratti di troppe candele, o di un diffusore come anche di incenso, non posso fare a meno di chiedermi cosa stiano cercando di nascondere».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
10 di 13
curtains
Getty
Se le tende toccano il pavimento

Vi sembrerà un dettaglio trascurabile, ma molti arredatori, sfortunatamente per noi, notano anche queste cose: «Sono sempre iperconsapevole delle cose che non sono al loro posto», dice Berry.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
11 di 13
bathroom soap
Getty
Cosa c'è nel bagno

Per Barfield, il sapone per le mani e gli asciugamani puliti non sono solo dettagli eleganti, ma importanti. «Da neomamma l'igiene è molto importante nella mia mente e per questo noto tali dettagli nel bagno».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
12 di 13
bedroom
Getty
Se l'arredamento è monocromatico

Per Berry, non è una questione di gusti personali, ma il tono su tono proprio non va bene. «Non si tratta di un giudizio, ma di un segnale che mi indica la direzione da seguire».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
13 di 13
<p>Here's proof a designer's mind never stops working: "When I walk into a friend's home for the first time, I'm rarely (if ever) aware of their belongings," admits Wood. "In my mind, I'm always trying to decide how I would arrange my furniture in their house — not their furniture." Talk about passion for the job.</p>
Getty
La giusta posizione dei mobili

Ecco la prova che la mente di un professionista non smette mai di lavorare. «Quando sono a casa degli amici per la prima volta, loro non sanno cosa si scatena dentro di me» spiega. «Nella mia mente, sistemo sempre i miei mobili (non i loro!) nelle loro case». Quando il lavoro è anche una passione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fai Da Te