Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Cosmetici bio, impariamo a leggere l'etichetta

Come imparare a leggere l'Inci dei cosmetici bio per capire gli ingredienti, scegliere i prodotti più adatti alla tua pelle e scongiurare il rischio di allergie

Pixabay

Sempre più presenti nella beauty routine delle donne, i cosmetici bio hanno quell'aura di candore propria dei prodotti naturali. Ma quanto c'è di realmente organico nei cosmetici che acquistiamo? Come distinguere un vero prodotto biologico e naturale dalla miriade di prodotti che si spacciano per green? Il primo passo è quello di saper leggere l'etichetta, ovvero l'Inci (International Nomenclature of Cosmetics Ingredients), l'elenco degli ingredienti presenti all'interno del prodotto. Si tratta di nomenclature per lo più in inglese e latino, per cui è necessaria una mini guida all'etichetta.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cosmetici bio, l'elenco degli ingredienti

Gli ingredienti sono inseriti in base alla loro concentrazione all'interno del prodotto, in ordine decrescente. L'acqua, ad esempio, è spesso il primo componente della lista perché, tranne rare eccezioni, è presente in alte concentrazioni in tutti i cosmetici. Gli ingredienti la cui concentrazione è superiore all'1% si trovano nella parte superiore dell'Inci o nella parte centrale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cosmetici bio, che tipo di alcool contengono?

C'è differenza tra alcool e alcohol: il primo è il comune alcol etilico, che in etichetta si trova sotto il nome di Alcohol Denat e viene utilizzato come solvente o antisettico, mentre il secondo è una nomenclatura generica per indicare delle sostanze grasse utilizzate per dare consistenza alle creme.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cosmetici bio, come riconoscere gli ingredienti naturali

Gli ingredienti naturali sono facilmente riconoscibili, perché riportano il nome in latino della pianta da cui derivano (per esempio l'aloe vera è Aloe barbadensis) e sono seguiti dal nome in inglese della parte della pianta che viene utilizzata e dal nome del composto, sempre in inglese (ad esempio oil). Naturalmente, più ingredienti naturali sono presenti nell'INCI, più biologico sarà il cosmetico.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cosmetici bio, i coloranti artificiali

I coloranti artificiali fanno riferimento alla scala cromatica denominata Color Index e si riconoscono dalla sigla CI, a cui si accompagna un numero a 5 cifre che ne identifica la tonalità. Gli estratti naturali, invece, sono indicati sempre con la nomenclatura in latino e se provengono da agricoltura biologica viene specificato con un asterisco.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cosmetici bio, gli ingredienti da evitare

Quali sono gli ingredienti nemici di un prodotto bio? Sicuramente i tensioattivi chimici (come il Sodium laureth sulfate, il Sodium lauryl sulfate, l'Ammoniun lauryl sulfate) e i derivati dal petrolio (Paraffinum Liquidum, PEG e PPG, Mineral Oil, Petrolatum). Poi alcuni conservanti, la formaldeide e i siliconi, che creano su pelle e capelli una pellicola anti traspirante. Ecco quache nome tecnico incriminato: Triclosan e Imidazolidinyl urea, DMDM Hydantoin, Methylisothiazolinone, Methylchloroisothiazolinone, Poliquaternium-80, Dimethicone e Amodimethicone.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Cosmetici bio, i profumi allergizzanti

Ultimo ingrediente sulla lista dei componenti, ma non per importanza, è il profumo, denominato genericamente dall'INCI parfum o fragrance. Potrebbe sembrare innocuo, non fosse per gli oli essenziali contenuti al suo interno, che per natura sono potenzialmente allergizzanti. Ad eccezione dell'olio essenziale di patchouli, che non contiene allergeni.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Eco