Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

La dieta estiva di cani e gatti: i consigli della veterinaria

Quando fa caldo, anche per i nostri animali domestici l'alimentazione è particolarmente importante: la veterinaria ci spiega quale cibo scegliere, come evitare errori e avere cani e gatti in salute durante la bella stagione

cani-gatti-alimentazione-estate-consigli
Getty Images

Se d'inverno l'amico a quattrozampe riesce a gestire meglio un'alimentazione non proprio variegata, d'estate è più difficile. Dunque, come nutrire al meglio i nostri cani e gatti quando fa caldo? Ecco i suggerimenti per la dieta antiafa a misura di pet di Benedetta Giannini, veterinario responsabile ricerca e sviluppo di Almo Nature e a capo del team di ricercatori che per sei anni ha lavorato su un'innovazione mondiale, la prima crocchetta in assoluto che non contiene farine né disidratati di carne, ma carne solo fresca e riso e in origine destinati al consumo umano.  

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

«La prima regola è quella di nutrire i nostri amici a quattro zampe nel modo giusto: spesso per comodità si tende ad alimentare il cane e il gatto solo con crocchette. Il petfood deriva da scarti alimentari industriali cui vengono aggiunti conservanti, additivi e altre sostanze che alla lunga danno fastidio. Da qui il boom di patologie dermatologiche e gastrointestinali a cui stiamo assistendo. Molti proprietari di cani o gatti sostengono che l'animale sia allergico, mentre in realtà le allergie rappresentano meno dell'1%. Nella maggior parte dei casi in cui il cane o il gatto presenta forfora, prurito o dermatiti siamo di fronte a una fase di intolleranza, di stanchezza dell'organismo nei confronti di una sostanza che può essere anche un appetizzante, un conservante, o un alimento».

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cosa fare allora? «Per quanto riguarda il cane è importante unire al cibo secco due cucchiai di umido, fortemente idratante. È consigliabile preferire il pesce alla carne perché ricco di Omega3 fondamentale per la pelle e il pelo».

Nel caso del gatto, invece, «secco e umido non andrebbero mai mescolati perché le crocchette inumidite si ammorbidiscono troppo e il gatto le rifiuta. Non solo: il micio deve poter avere sempre la ciotolina di crocchette a disposizione perché necessita di fare molti piccoli pasti, anche 10-12 al giorno, mentre il cibo umido deve essere consumato al momento - possibilmente mattina e sera - altrimenti potrebbe rovinarsi col caldo».

Per il cane via libera a verdure come zucchine, carote, cetrioli tagliate a pezzetti e unite al cibo. Mentre è meglio evitare la frutta per via dello zucchero che porta a un aumento di peso dei cani che d'estate si muovono meno. Inoltre, in generale è meglio evitare pasti troppo abbondanti la sera, mentre fondamentale - anzi vitale - è l'acqua, deve essere sempre a disposizione e non deve mai essere calda o fredda di frigo.

Getty Images

Per cani e gatti attenzione ai fuori pasto, specie durante le cene estive in compagnia, chiedete a bambini e amici di non far cadere accidentalmente il cibo, il rischio è quello di provocare un mal di pancia al nostro piccolo amico somministrandogli alimenti che non deve assolutamente mangiare, e che a volte sono addirittura tossici.

Attenzione anche a colpi di sole e di caldo: «Vietate assolutamente la terrazze al sole, le macchine chiuse - nemmeno per cinque minuti - e i giardini senza zone d'ombra, in spiaggia non fategli mai mancare un ombrellone!».

Il bagno rinfrescante va bene ma non deve mai essere una doccia gelida. Se si usa uno shampoo specifico, delicato, inoltre si può lavare il cane anche di frequente.

Infine, le corse in spiaggia e i bagni in mare fanno la gioia di qualsiasi cane in vacanza, ma state attenti che non mangi sabbia, perché rimane tutta nello stomaco.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Eco