I vasi low cost che ti permettono di realizzare un orto in casa senza bisogno della terra sono davvero una buona notizia

L'idroponica a portata di tutti (i portafogli)

image
Jens Johnsson / Unsplash.com

Cibi che fanno male, coltivati con fertilizzanti chimici, di cui non si conosce la reale provenienza, e che spesso sono più belli che buoni. E se il biologico corre in nostro aiuto assicurando una minore concentrazione di pesticidi nel nostro piatto, avere la possibilità di coltivare da sé lattuga e pomodori, ed essere (per davvero) sicuri di cosa si stia realmente mangiando, sarebbe il non plus ultra (senza contare che curare le piante è meglio del Prozac). Ma per realizzare un orto vero e proprio serve tanto spazio (problema in parte risolto grazie all'orto verticale), tempo, dedizione, denaro. Ma la coltivazione indoor ha trovato un alleato mica male: l'idroponica (o idrocoltura), ovvero la possibilità di coltivare un orto in casa, partendo dal principio di far crescere le piante nell'acqua e non nella terra.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Nella coltivazione idroponica (dal greco hidro = acqua e ponos = lavoro) la terra è sostituita da un substrato inerte (argilla espansa, perlite, vermiculite, fibra di cocco, lana di roccia, zeolite, etc). In pratica, si usano delle vasche in cui le piante vengono immerse per farne sviluppare le radici per poi lasciarle aggrappare al substrato naturale e studiato apposta per sorreggerle. Quindi, serve pochissima acqua e pochissima manutenzione. La pianta può essere annaffiata anche una volta al mese, che è una buona notizia per gli smemorati ma soprattutto per l'ambiente. Ma gli strumenti per mettere in atto un sistema di idrocoltura non sono proprio cheap, ahimè.

Come riportato da goodnewsnetwork.org però, esiste un'azienda, la Aggressively Organic, che ha pensato a dei vasi Plan Pods adatti per la coltivazione idroponica che sono davvero economici e ancor più facili da mantenere. I vasi low cost sono stati progettati in modo che costino «meno del prezzo di una pizza XXL» con un'attenzione particolare alla sostenibilità (no pompe, no elettricità, poca plastica per la realizzazione). Sono costruiti usando fodere di cartone, un disco di cocco in cui sono piantati i semi, tazze riciclate che trattengono la pianta e una soluzione nutritiva adatta gli ortaggi. Oltre a essere economico, da mantenere e produrre, le verdure nelle Plans Pods sono ovviamente anche più sane e nutrienti. Altro che km 0.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Eco