Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Pronta per il #tiramisuday? Si festeggia il 21 marzo e qui ci sono 3 ricette innovative

Per festeggiare l'arrivo della primavera puoi affondare il cucchiaino nel dessert italiano più conosciuto al mondo? Però noi ti proponiamo qualcosa di un po' diverso dalla tradizione: dalla ricetta di Iginio Massari a quella di Davide Oldani

Getty Images

Lasciamoci alle spalle il grigiore dell'inverno con dolcezza: il 21 marzo è il #tiramisuday. Quale modo migliore per festeggiare l'arrivo della primavera che affondare il cucchiaino nel dessert italiano più conosciuto e più apprezzato al mondo?

L'idea è dei due foodwriter Clara e Gigi Padovani, nata dopo il successo del loro libro Tiramisù. Storia, curiosità, interpretazioni del dolce italiano più amato (Giunti, 2016): perché, si sono chiesti, nel calendario mondiale che celebra ogni giorno un prodotto, un cibo, un piatto, non dedicare una data anche al tiramisù?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E per la sua prima edizione, il #tiramisuday ha trovato un partner d'eccezione: Eataly, con i suoi 34 stores in Italia e nel mondo, dal Giappone, a Dubai, agli Usa. I festeggiamenti sono cominciati proprio a New York, a Eataly DownTown domenica 19 marzo 2017, con uno special party ccon golosi assaggi, laboratori e un Taste Talk condotto da Gigi Padovani e dall'autrice e scrittrice Francine Segan sulla storia e le origini di questo dolce semplice ma amatissimo.

Volete celebrare anche voi a casa il #tiramisuday? Qui la ricetta (semplificata e tratta dal libro di Clara e Gigi Padovani) di un grande della pasticceria, Iginio Massari e infine due speciali variazioni sul tema di 2 protagonisti della cucina e della cioccolateria: Davide Oldani e Guido Castagna (ma se preferisci la versione tradizionale qui trovi i consigli per farlo perfetto).

Il tiramisù di Iginio Massari

Per Iginio Massari il tiramisù è tradizione, e ne fa addirittura una torta: la torta tiramisù. Dice: «Se si vuole fare un buon dolce, occorre un'attenta preparazione. Il fatto che il tiramisù sia oggi di così largo consumo non vuol dire che la sua ricetta sia da sottovalutare: occorre sempre usare ingredienti di qualità».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Per la composizione potete usare una zuppiera o una pirofila in vetro, oppure collocare una fascia d'acciaio removibile su un piatto di portata. Ed ecco la ricetta.

Stendete uniformemente un primo strato di savoiardi ben inzuppati con la bagna al caffè (per 6 persone:100 ml acqua; 75 g di zucchero; 15 ml liquore al caffè, 5 ml caffè liofilizzato), poi uno strato di 2 cm di crema tiramisù (preparata con 280 g di mascarpone; 370 ml di panna liquida; 100 g di tuorli d'uovo g 100, 125g di zucchero e 5 fogli di gelatina ammorbidita in acqua) stesa con l'aiuto di un sac-à-poche con bocchetta liscia (scegliete la n.10). Sopra adagiate un secondo strato uniforme di savoiardi inzuppati al caffè e ricoprite completamente con la crema. Decorate la superficie del dolce con la medesima tasca e bocchetta, formando degli spuntoni tondi e lisci di crema. Completate con una spolverata di cacao.

Il Tiramisù di Davide Oldani

Il Tiramisù di Davide Oldani è invece light e candido: «Ho in mente quello che preparava mia zia, con i Pavesini. Io l'ho interpretato in una maniera un po' innovativa, pensando anche al benessere di chi lo mangia, perché è alleggerito. Ho mantenuto il biscotto, il mascarpone, la panna, ma con un aspetto diverso, in bianco». Colore dato dalla mousse al caffè bianco, appunto, che sostituisce quello classico della moka: si prepara con chicchi di caffè lasciati in infusione per 30 minuti nel latte.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il tiramisù Up del cioccolatiere Guido Castagna

Infine il tiramisù Up del cioccolatiere Guido Castagna, volto noto al pubblico televisivo della Prova del cuoco. «Ricordo il tiramisù di mia nonna. Io guardavo estasiato quell'uovo che diventava una crema». Ma la sua versione è in chiave moderna: la crema «up» è senza uova, «ma ha una consistenza, a base di cioccolato bianco fuso e panna semimontata, che ricorda molto quella del tiramisù tradizionale: è adatto anche ai celiaci, perché privo di glutine».

Anche la presentazione conta: ecco perché sono nati nuovi modi di presentare questo dessert: provali tutti!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cucina