Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Sesso virtuale: come fare sexting in sicurezza

La sicurezza è la prima regola del sesso virtuale, ecco come non cadere in alcune trappole

sesso virtuale come si fa
Getty Images

Tutti abbiamo fatto sesso virtuale e sexting almeno una volta, da quando il web è entrato a far parte delle nostre vite, trasformandoci in attori del loro set.

Dai fugaci sms bollenti alle più sofisticate app, dai messaggi testuali lasciati nelle vecchie chat alle foto che scompaiono dopo 24 ore, il sesso virtuale ha affrontato e superato alla grande tutti i cambiamenti tecnologici evolvendosi in base al costume e alle nuove tendenze.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Siti per sesso virtuale

All'inizio c'erano le chat di gruppo, poi si è passati a Second Life. Oggi più che di siti per sesso virtuale di dovrebbe parlare di app per il sesso virtuale, dato che tutto il sexting sembra essersi spostato sullo smartphone.

Da WhatsApp a Snapchat (a proposito, sai come usarlo?), passando per Messenger di Facebook e Skype, tecnicamente si può usare ogni sistema di comunicazione digitale per scambiarsi immagini e messaggi.

Come chat per sesso virtuale oggi c'è chi usa Chatroulette, un portale che mette in contatto in maniera casuale sconosciuti di tutto il mondo, anche se l'uso hard è vietato in maniera esplicita.

Ma in generale, per una maggiore sicurezza, è meglio scegliere app che cancellino i contenuti scottanti dopo un certo periodo di tempo o che li criptino come Dust, Confide, Signal e Kaboom.

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come fare sesso virtuale, consigli pratici

Non c'è bisogno di ricordarlo ma per fare sesso virtuale è necessario individuare il luogo più adatto. Da escludere categoricamente l'ufficio (perché sì, c'è chi lo fa in ufficio).

Prima di tutto perché è un comportamento decisamente non professionale durante le ore di lavoro, secondariamente perché in una rete aziendale tutto è rintracciabile. E' meglio farlo nella comodità di casa propria, al riparo da sguardi indiscreti.

Per quanto riguarda i messaggi da inviare puoi prendere ispirazione anche da alcune guide sul tema, dai titoli eloquenti come come Sexting: Simple Hot & Dirty Sexting Tips to Drive Your Partner Crazy, Inspire Creativity, Strengthen Romantic Relationship & Improve Your Love Life di Vanessa Faye.

L'elenco continua con Sexting: Use Texting to Attract Romantic Love and Get the Guy of Your Dreams di Nicole Nichols, Sexting Your Man - The Hottest Sexting Tips To Drive Any Man Crazy di Daniela Flores e101 Dirty Text Messages: Sexting & Dirty Text Messages For You To Get Naughty di Denise Brienne (tutti reperibili online su amazon.it anche in formato Kindle).

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Problemi con l'inglese? In Italia non abbiamo trovato una guida pratica al sexting, ma se vuoi farti un'idea sul tipo di messaggi che potresti inviare, tra quelli consigliati da GQ ci sono parecchie idee molto hot.

Alcuni esempi? «Stasera a casa ci vediamo insieme un vecchio film porno? Guarda che non sto scherzando», o «Quanto mi piacerebbe che adesso tu fossi qua. Farlo in tre sarebbe meraviglioso. Chiedo alla mia amica di restare finché torni?», o ancora «Che cosa ne dici di fare sesso all'aperto, magari al parco, stanotte? Mi eccita l'idea di poter essere scoperti».

Come fare sexting, la sicurezza

Non bisogna mai dimenticare l'aspetto principe del sexting, ovvero la sicurezza. È importante cancellare i dati delle immagini che si mandano, che rivelano dettagli privati come il luogo dello scatto (sullo smartphone si possono usare app come Exif Stripper e TrashExif, mentre pc e mac prevedono una funzione apposita).

La fretta poi è bandita: controlla sempre che il destinatario dei tuoi messaggi o delle tue foto sia quello giusto.

Ultimo aspetto, ma non meno importante: deve esserci una fiducia assoluta nel partner con cui si fa sesso virtuale. Attenzione quindi alla possibilità di cadere vittima di revenge porn, ovvero quando le foto e i filmati hot vengono messi in rete per ripicca (o per semplice mancanza di cervello di chi lo fa, ndr).

Meglio quindi preferire i portali e le app che fanno sparire i contenuti dopo poco tempo e valutare anche l'ipotesi di inviare immagini che non immortalano il volto o caratteristiche che facilitano l'identificazione. Non si sa mai.

Dipendenza da sesso virtuale

Come esiste la dipendenza da sesso reale, chiamiamolo così, esiste anche la dipendenza da sesso virtuale. Si tratta di una vera e propria malattia che come ogni dipendenza crea molti problemi soprattutto nelle relazioni quotidiane (anche di coppia).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come spiega ESC - Center for Internet Use Disorders (escteam.net) tra i sintomi più frequenti di questa dipendenza ci sono:

  • la quantità di tempo passato nelle chat
  • l'invio di messaggi privati con la richiesta di sesso virtuale
  • pensieri ricorrenti sulla ricerca di partner per le attività di sesso virtuale
  • tenere nascoste le attività online e provare sensi di colpa e vergogna

    Per uscirne è necessario rivolgersi a specialisti e psicologi, che con l'adeguata terapia sono in grado di curare questa dipendenza insidiosa.

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito
    Altri da Sesso