Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Come non rovinare (in vacanza) i risultati della dieta

Dopo tanti sacrifici è importante prestare attenzione all'alimentazione, per non tornare a casa con qualche chilo di troppo

Dieta in vacanza
Getty Images

In vacanza le tentazioni alimentari sono dietro l'angolo: tra buffet, sagre di piatti tipici e pasti all inclusive infatti è facile concedersi un po' troppe eccezioni tra un assaggino e l'altro, che rischiano solo di farti tornare a casa con un bagaglio ingombrante (e non stiamo parlando di valigie).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Se poi durante l'anno hai seguito una dieta dimagrante, sotto stretto controllo medico, che ha comportato molti sacrifici grazie ai quali sei riuscita a ottenere, con costanza e fatica, dei risultati tangibili, e gratificanti (diciamolo), sarebbe proprio un peccato mandare tutto a monte per qualche distrazione ipercalorica.

Per questo la dottoressa Roberta Martinoli, nutrizionista di Roma di MioDottore.it (miodottore.it) ha messo a punto qualche consiglio utile per valorizzare e mantenere gli obiettivi fisici raggiunti durante l'anno, indicando anche come gestire gli sfizi e l'attività fisica lontano da casa.

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cosa mangiare prima di partire

«Nei giorni che precedono la partenza vale la pena seguire un regime alimentare leggermente ipocalorico e ricco di valore antiossidante», suggerisce Martionoli, «in particolare di beta-caroteni per preparare la pelle all'esposizione solare». Inoltre inserisci la frutta nella tua alimentazione fin dal mattino, e negli spuntini tra un pasto e l'altro.

Fai sempre movimento

La sedentarietà è la tua peggior nemica in vacanza: senza strafare, cerca di fare sempre movimento quando sei via. Se non sei sportiva puoi iniziare anche solo con una passeggiata sulla spiaggia nelle ore meno calde oppure con un po' di trekking, mentre se sei abituata ad andare in palestra puoi dedicarti agli esercizi di potenziamento muscolare abbinati ad un allenamento aerobico. Da evitare invece gli esercizi saltellati (compresa la corsa) perché tendono ad affaticare il sistema venoso e linfatico.

Sfizi sì ma con criterio

Anche di fronte alle trasgressioni culinarie l'importante è mantenere un atteggiamento consapevole mangiando tutto ciò che può stuzzicare rispettando però sempre il senso di fame e sazietà imparato durante i mesi di dieta.

Abbonda con le verdure

Le verdure non devono sicuramente mai mancare sulla tavola vacanziera, sia a pranzo sia a cena, in quanto le fibre riducono l'assorbimento di grassi e carboidrati, danno una sensazione di maggior sazietà e contribuiscono a mantenere una regolarità intestinale. Accompagnale con cereali integrali, carne e pesce magri.

Alimenti da evitare

Durante i pasti è meglio non assumere più fonti di carboidrati: se decidi di mangiare un primo piatto evita il pane e il dessert. Inoltre, per sostenere il fegato (in quanto è in grado di eliminare gli estrogeni in eccesso, responsabili del deposito di grasso sulle cosce), la dieta ideale deve essere povera di zuccheri semplici (dolci) e grassi saturi (fonti animali).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute