Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Se la primavera ti mette ko, prova le cure dolci per ritrovare l'energia

Il cambio di stagione in primavera, complici l'ora legale e le temperature più miti, porta con sé stanchezza, insonnia e cattivo umore: ecco come affrontarlo con i rimedi naturali e omeopatici

cambio-di-stagione-primavera-disturbi-rimedi-naturali
Getty Images

Il cambio di stagione ti mette ko? Non sei la sola. Perché se da un lato la primavera porta con sé più ore di luce, temperature miti e la bellezza della natura che fiorisce, dall'altro in questo periodo è molto comune dormire male e sentirsi stanche e di cattivo umore!

Per ritrovare l'energia, alimentazione e attività sportiva sono importanti; un aiuto in più può arrivare anche dalle cure dolci. Ce ne parla la dottoressa Manuela Gozzi, farmacista di Carpi (Modena).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

I rimedi dolci se dormi male

«L'arrivo della primavera coincide con il ritorno dell'ora legale; si tratta di un cambiamento che influenza il ciclo del sonno, alterando i ritmi sonno-veglia e causando difficoltà ad addormentarsi, risvegli notturni e sensazione di stanchezza già alla ripresa delle prime attività quotidiane», spiega la farmacista. «Se fatichi ad addormentarti per agitazione fisica e se il sonno è interrotto più volte da uno stato di iperattività mentale, prova Coffea cruda 30 CH, 3 granuli prima di andare a letto». Se i disturbi del sonno riguardano la difficoltà ad addormentarsi per una sorta di agitazione, può risultare utile Datif PC, 2 compresse, 3 volte al giorno. Anche le tinture madri di Valeriana, Biancospino e Passiflora, da sole o in associazione, contribuiscono a rilassare i muscoli, stabilizzare il battito cardiaco ed accompagnare nel sonno. «Si possono assumere fino a 30 gocce, la sera, prima di coricarsi. È indispensabile ricordare però che le tinture madri non sono prive di effetti collaterali e serve cautela se vengono associate a una terapia farmacologica», precisa la dottoressa Gozzi. Per questo, è importante informare il proprio medico o farmacista nel caso di assunzione concomitante di altri farmaci.

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

I rimedi dolci contro la stanchezza da cambio di stagione

Il termine stanchezza è molto ricorrente, ma poco indicativo. Occorre che ciascuno lo dettagli in maniera personale fornendo sintomi caratteristici che sono essenziali. China rubra 30 CH aumenta la vitalità contrastando la "voglia di far niente", l'indifferenza, l'ipersensibilità e l'irritabilità. Sepia officinalis 30 CH è indicato invece se l'apatia e la debolezza si accompagnano a una condizione di abbattimento con desiderio di solitudine. Ne vanno assunti 3 granuli, 3 volte al giorno.

«Per la stanchezza al risveglio, suggerisco una fiala di oligoelementi Rame Oro Argento, tre volte alla settimana per un paio di mesi, associata alla tintura madre di Eleuterococco, 30 gocce al mattino in poca acqua per venti giorni», indica la farmacista.

Come avere una pelle bella in primavera e combattere dermatiti ed eczemi

Per chi soffre di problemi alla pelle, la primavera è la stagione in cui i sintomi tendono a peggiorare, complici anche il cambiamento delle condizioni di calore e umidità dell'aria e delle abitudini alimentari. Questi fattori spesso si vengono a sommare con fenomeni di iperreattività stagionale: possono quindi riacutizzarsi dermatiti ed eczemi. «In questi casi, il suggerimento è quello di combinare l'assunzione di un medicinale omeopatico con un'attenta cura del benessere intestinale e con una maggiore attenzione alle norme igieniche», chiarisce la dottoressa Gozzi. «Consiglio l'uso di Graphites 30 CH in presenza di eczemi che compaiono soprattutto nelle pieghe, in particolare dietro alle orecchie, con pelle secca. Anche Petroleum 30 CH è indicato nelle problematiche cutanee, specie se l'eruzione si caratterizza per la presenza di piccole vescicole molto pruriginose, che nel rompersi creano frequentemente delle dolorose ragadi difficili da cicatrizzare». Entrambi possono essere assunti nell'ordine di 3 granuli, 2 volte al giorno. Il macerato glicerico di Ribes nigrum, 50 gocce, 2 volte al giorno, risulta un prezioso alleato per le sue spiccate proprietà antiinfiammatorie.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Getty Images

Quando il cambio di stagione prende lo stomaco

Durante i cambi di stagione, i soggetti predisposti tendono a riacutizzare alcuni disturbi. Se il problema è la lentezza del processo digestivo, se sono presenti bruciore e marcato gonfiore allo stomaco, e prevale un continuo stato di sonnolenza, accompagnata da cefalea e naso chiuso, può essere indicato Lycopodium 30 CH, 3 granuli, 3 volte al giorno. Per chi soffre di bruciori di stomaco e acidità, è adatto Argentum nitricum 30 CH, 3 granuli, 3 volte al giorno, per ridurre l'infiammazione della mucosa gastrica. Puoi provare anche i macerati glicerici di Tilia tomentosa e Ficus carica. La prima svolge un'azione quasi "ansiolitica", intervenendo sull'aspetto emotivo del disturbo, la seconda contrasta iperacidità e gastrite ed è un valido alleato anche nel trattamento sintomatico del colon irritabile. Ne vanno assunte 50 gocce in poca acqua, 2 volte al giorno.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute