Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Ognuno ha la cellulite che si merita

La cellulite, è risaputo, colpisce tutte le donne in modo democratico: ecco quattro categorie femminili precise, scopri la tua e tieni testa al problema con scelte sensate

disegno di Sara Not

Credo che la cellulite debba la sua fortuna mediatica al proprio nome d'arte perché se l'avessero chiamata con il termine scientifico (pannicolopatia edemato fibrosclerotica) temo che ce la saremmo tenuta pur di non doverla nominare. La cellulite, è risaputo, è democratica. E colpisce le donne di tutte le categorie e status sociali. Le more e le bionde. Le alte e le basse. Le lisce, le ricce e anche quelle con i capelli un po' così.

La parte divertente del mio lavoro di estetista è vedere come le donne reagiscano davanti allo sciagurato inestetismo. E così, mentre un alone di mistero circonda, da sempre, l'anatomia della nostra zona cosce/glutei e nessuno, in realtà, sappia ben definire cosa sia questa famigerata "cellulite", noi donne ci siamo organizzate per darne una nostra personale interpretazione.

La mia prolungata e accurata osservazione dell'universo femminile mi ha permesso di identificare quattro categorie precise, che affrontano la buccia d'arancia con spiriti diversi. Di seguito, le tipologie più frequenti e le dritte ciniche e scientifiche per fare un po' di chiarezza sull'oscura regione coscia/gluteo, tenendo testa al problema cellulite con scelte sensate.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
L'agnostica ipercalorica
disegno di Sara Not

Il suo mantra è ripetere che tutte hanno la cellulite, che non è curabile, che è inutile fare qualsiasi cosa per migliorarla, che è genetica. Questo genere di femmina preferisce spiegare le sue sicurezze alle amiche in pasticceria, magari il sabato mattina, davanti a una piccola brioche integrale. D'altronde è risaputo che, essendo integrale, fa meno male.

LA VERITÀ CINICA: Non tutte le donne hanno la cellulite, per fortuna. Purtroppo la sua genesi dipende dall'unione di fattori predisponenti (genetici ahimè) e fattori scatenanti (cattive abitudini). Non è vero che è incurabile e senza scampo, ma la brioche integrale non serve. Se volete mangiare una brioche, mangiatela normale che almeno vi dà soddisfazione. Ma sarebbe sicuramente meglio scegliere frutta con yogurt magro e cereali integrali e mantenere un'alimentazione alcalina, ricca di cibi di origine vegetale, che aiuta a ridurre l'infiammazione dei tessuti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
La fortunata seduta sugli allori
disegno di Sara Not

Lei è spesso una donna curvy che convive serena con il suo corpo, ma tiene a precisare che no, lei la cellulite NON CE L'HA, magari un po' di pancetta, ma la cellulite no. Perché mangia bene, non frigge e va sempre a camminare con Orazio, il suo beagle di 14 anni. Quindi non è come quelle ragazzine magrissime tutte piene di buccia d'arancia perché ingurgitano schifezze al fast food.

LA VERITÀ CINICA: sovrappeso e cellulite non sono necessariamente associati, quindi sì, esistono donne rotondette totalmente prive di cellulite e donne magre che ne sono, invece, colpite. Non dipende dalla sorte avversa, ma dalla cattiva circolazione delle gambe che va tenuta sotto controllo e contrastata con rimedi molto più semplici di quello che si possa pensare come, per esempio, verificare il proprio appoggio plantare. Camminare a passo sostenuto è un'ottima attività anticellulite, molto meglio che correre. Bisogna capire se Orazio regga il passo senza andare in sofferenza.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
La dea con il senso di colpa
disegno di Sara Not

È magra, è bella, ha il metabolismo fortunato e non le è mai venuto un brufolo nemmeno quando aveva 17 anni, ha fatto tre figli e porta una 38. Ma sospira che anche lei, come tutte, ha la cellulite; che la dovremmo vedere spogliata; che al mare si vergogna. E all'aperitivo, mentre noi umane sgranocchiamo una carota compulsivamente, chiedendoci se abbia fatto una liposuzione, lei mangia le patatine e sostiene di aver capito, dopo la maternità, che i valori delle vita sono altri e chissene della cellulite.

LA VERITÀ CINICA: gli alieni esistono e sono tra noi. La nostra forza è ignorarli e continuare con le carote che fanno bene e con un'alimentazione a bassissimo tenore di sodio. Almeno un giorno o due alla settimana, eliminate il sale del tutto e vi accorgerete di un immediato effetto drenante.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
L'integralista crudista biocertificata
disegno di Sara Not

La cellulite, sostiene convinta, la fanno venire le multinazionali, la soia mutata geneticamente e le scie chimiche. Sono gli ormoni della carne, sono le stesse creme anticellulite a far venire la cellulite per creare un mercato. Lei si massaggia con l'olio di una pianta asiatica che compra solo online da una comune di monaci vegani. E le sue chiappe non si arrenderanno al consumismo inquinante.

LA VERITÀ CINICA: le creme anticellulite non servono a molto. E non esistono rimedi magici segreti che l'industria cosmetica tenga nascosti per poche adepte. La cellulite dipende da un difetto del microcircolo, quindi più che ai miracoli è sensato affidarsi alla scienza e imparare a guardare con obiettività le proprie gambe e rivolgersi ad esperti competenti. I primi stadi della cellulite sono completamente reversibili se trattati in maniera adeguata. Sì ai massaggi, ai fanghi e all'uso, durante l'inverno, di calze a compressione graduata se si avvertono fastidiosi gonfiori alle caviglie.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il libro dell'Estetista Cinica

Guida cinica alla cellulite, Mondadori, € 14,90, è il libro di Cristina Fogazzi ed Enrico Motta che rivoluzionerà il vostro approccio ai punti critici. Con ricette e rimedi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Summer beauty