Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Ma davvero la legge per il congedo mestruale è una buona idea?

In Italia potrebbe arrivare presto una legge che prevede il congedo mestruale - 3 giorni di permesso pagati al mese - per chi soffre di dismenorrea, ma per le donne è davvero una cosa buona e giusta?

Getty Images

La notizia è che il 13 marzo 2017 quattro deputate del PD hanno depositato in parlamento una proposta di legge per introdurre in Italia il congedo mestruale, ovvero 3 giorni di permesso pagati al mese per quelle donne (che i dati danno intorno al 60% della popolazione femminile italiana in età fertile) che soffrono di dismenorrea. Ergo, dolori molto forti che per il 30 di chi ne è vittima diventano addirittura invalidanti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Getty Images

Se, quindi, più o meno tutte subiamo ogni dannato mese la non simpaticissima sindrome pre mestruale, alcune di noi un po' più sfortunate devono pure fare i conti con, concedete il francesismo, un male boia che non dà tregua per i terribili primi 3 giorni di ciclo. Ecco perché, pur non riferendosi a malattie tremende come l'endometriosi, le deputate hanno ritenuto giusto chiedere questo congedo per le lavoratrici sia del settore pubblico che privato, con contratto a tempo indeterminato, subordinato e parasubordinato, full o part time.

Eppure parecchie donne hanno storto il naso. Perché è una misura portata avanti da pochissimi Paesi nel mondo (Giappone, Taiwan, Indonesia, Sud Corea), che lo fanno in modo apertamente paternalistico, perché nessuno di questi Paesi è un caso di successo, né in termini di occupazione femminile né per le pari opportunità, e infine perché un congedo mestruale alimenterebbe inoltre la percezione, o quanto meno consentirebbe a molti di ribadire, che per alcuni giorni al mese, tutti i mesi, le donne siano psicologicamente più labili, meno produttive e meno razionali.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Insomma, quello che agli occhi di alcune è una grande notizia, sinonimo di progresso e sostenibilità sociale, per altre è una trappola insidiosa che ridà slancio a vecchi stigmi. E capire da che parte schierarsi, confessiamo, non è poi così semplice.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute