Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Allarme bambini: passano meno tempo dei detenuti all'aria aperta

Uno studio realizzato dal marchio di detersivi Persil dimostra che nel Regno Unito 1 bambino su 3 passa meno di 30 minuti all'aperto, meno di quanto è concesso a chi sta in carcere, e lancia l'hashtag #FreeTheKids

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

In Gran Bretagna, ma è probabile che accada anche in molti altri Paesi occidentali, 1 bambino su 3 passa all'aria aperta meno di 30 minuti al giorno, meno di quanto spetti a un carcerato. E ancora: il 18 % non trascorre, attenzione, nemmeno un minuto della giornata fuori di casa. Nemmeno un minuto di giochi al parco o nel cortile di casa per migliaia di piccoli. 

Questi i risultati a dir poco avvilenti di una ricerca commissionata dal brand di detergenti Persil. Ma il marchio è andato oltre e per acuire la sensazione di disagio e malessere scaturita da questi numeri, ha creato un video in cui dei veri detenuti spiegano quanto è per loro vitale il, pur poco, tempo all'aperto che gli è concesso. Guardate le reazioni dei carcerati quando gli si chiede come reagirebbero se dovessero vedersi ridotta l'ora d'aria. Lo sgomento, il visibile groppo in gola spiegano meglio di qualunque altra cosa il paradosso delle giornate in cattività dei più piccoli. 

E per fare sì che Internet, videogiochi, cellulari e televisione siano, almeno in parte, sostituiti da attività all'aria aperta è stata lanciata la campagna social #FreeTheKids dove i genitori possono trovare idee e spunti per far uscire i propri figli di casa. E provare ad opporsi a una tendenza che ci vuole davvero sempre più con gli occhi incollati a schermi piuttosto che a caccia delle bellezze del mondo. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Speciale bambino