Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Se ti bruciano spesso gli occhi, ecco i rimedi naturali per averli freschi e belli

Il bruciore agli occhi è un disturbo fastidioso che non incide solo sull'estetica del viso, ma può essere sintomo di stanchezza o di patologie come la congiuntivite

bruciore-agli-occhi-cause-rimedi-naturali
Getty Images

Il bruciore agli occhi è una sensazione di irritazione che può essere accompagnata da prurito e lacrimazione. L'occhio è un organo soggetto ad allergie e irritazioni per il semplice fatto che è una superficie costantemente a contatto con l'aria e con le sempre più numerose sostanze inquinanti presenti nell'ambiente, basti pensare alle polveri sottili.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

L'occhio inoltre è una superficie umida: i batteri si moltiplicano facilmente su questo tipo di superfici e possono causare una notevole irritazione. Alcune malattie provocate dai batteri possono dare sintomi che vanno oltre il semplice prurito e possono portare anche a sensazioni dolorose.

Getty Images

Bruciore agli occhi, le cause

Il bruciore agli occhi può essere causato da svariati fattori ambientali, tra i quali: aria secca; polvere; muffe; peli di animali domestici; polline, soprattutto quando c'è vento; smog; fumo.

Può anche dipendere da cause chimiche: per esempio, solventi per la pulizia della casa; trucco: ricordati sempre di toglierlo prima di andare a letto; creme idratanti; shampoo; sapone; sostanze irritanti contenute nella cipolla; acqua di mare quando si nuota per molto tempo; il cloro della piscina.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ma ovviamente il bruciore agli occhi può dipendere anche da malattie vere e proprie: allergie, herpes oculare, congiuntivite, infezioni delle vie respiratorie superiori.

Fattori che possono scatenare allergie

I più comuni allergeni dispersi all'aria aperta possono venire dall'erba, dagli alberi e dal polline. Le persone sensibili a questi allergeni soffrono di congiuntivite allergica stagionale, che è il tipo più comune di allergia agli occhi. Per quanto riguarda l'ambiente domestico, gli allergeni più comuni sono costituiti dai peli degli animali domestici, dagli acari e dalle muffe. Quando sono presenti all'interno degli edifici, questi allergeni possono innescare i sintomi per tutto l'anno, provocando una congiuntivite allergica perenne. Infiammazioni agli occhi possono essere provocate anche dagli scarichi dei motori diesel, dal fumo di sigaretta e dai profumi.

Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cause di allergia agli occhi

Le allergie agli occhi si sviluppano quando il sistema immunitario diventa ipersensibile e risponde in maniera eccessiva anche alle sostanze innocue. Una reazione allergica si può verificare ogni volta che un allergene entra in contatto con gli occhi. L'allergene provoca il rilascio di istamina e altre sostanze o prodotti chimici nell'occhio da parte di globuli bianchi chiamati mastociti. La conseguenza è che i vasi sanguigni negli occhi si gonfiano e gli occhi diventano rossi, danno prurito e lacrimano copiosamente.

Di solito le allergie dell'occhio, in particolare la congiuntivite allergica, non danneggiano la vista: possono essere estremamente fastidiose e causare disagi nelle attività quotidiane, ma niente più di questo. Tuttavia ci sono malattie rare legate alla dermatite atopica (eczema) e altre che possono causare infiammazioni e che possono colpire la vista. Allergie oculari croniche possono pure derivare dall'applicazione di collirio, creme e persino cosmetici.

I casi più gravi

In alcuni casi, il bruciore agli occhi può essere il sintomo di una malattia grave o pericolosa che deve essere immediatamente valutata in pronto soccorso. Tra queste ci sono: la cellulite periorbitale, che è un'infezione delle palpebre o degli altri tessuti molli intorno agli occhi; l'uveite e l'irite, che sono infiammazioni delle strutture dell'occhio.

Se si soffre spesso di bruciore agli occhi, ciò potrebbe essere sintomo di un'allergia o di un'infezione oculare. Una volta che si arriva alla diagnosi della causa, è importante seguire il piano di trattamento consigliato il medico per ridurre le possibili complicazioni, tra le quali vanno citate la perdita della vista e un'ulteriore diffusione dell'infezione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Getty Images

Gli occhi stanchi

Avere gli occhi stanchi vuol dire che le palpebre fanno fatica a stare aperte. La stanchezza si verifica come conseguenza di uno sforzo. Gli occhi stanchi possono indicare una malattia dell'occhio nei bambini o un problema agli adulti che hanno più di 50 anni di età. In altri casi, più rari, l'affaticamento è dovuto a una malattia o a una terapia medica. I sintomi dell'occhio stanco sono bruciore, pesantezza delle palpebre, irritazione, lacrimazione eccessiva, occhio secco, vista offuscata, una scomoda sensazione di pressione nell'occhio o nelle palpebre. A volte, l'affaticamento degli occhi può essere accompagnato da mal di testa, vertigini ed emicrania.

Cause dell'affaticamento dell'occhio possono essere: l'aria condizionata; il riscaldamento domestico; il fumo di sigaretta; la polvere industriale o altre polveri; il trascorrere diverse ore al giorno davanti al monitor del computer; il sonno insufficiente, in particolare in estate perché c'è più luce e si va a dormire più tardi; piangere eccessivamente; un insufficiente apporto di ossigeno alla cornea; sforzi della vista continuati per lungo tempo, ad esempio per leggere.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Le terapie per il bruciore agli occhi

Se la causa dell'irritazione è legata a un ambiente circoscritto, uscendo dagli ambienti o dalle situazioni che causano la sensazione di bruciore, si può avere un gran sollievo.

Possono lenire il bruciore e il prurito anche impacchi freddi sugli occhi. Anche le lacrime artificiali, utilizzate da quattro a sei volte al giorno, possono alleviare i sintomi. Fate attenzione ai colliri da banco: se contengono altre sostanze oltre alle lacrime artificiali, in caso di patologie o di ipersensibilità possono peggiorare i sintomi. Per le allergie generalmente il trattamento di elezione consiste nell'assumere antistaminici (pastiglie, colliri, pomate). Se si notano lacrime di tipo denso e verdognolo, si deve subito chiamare il medico. Se si soffre anche di fotofobia (ipersensibilità alla luce), dolore agli occhi o perdita della vista, il bruciore potrebbe essere il segno di un problema peggiore.

Rimedi naturali contro il bruciore agli occhi

Ci sono rimedi naturali che possono essere molto efficaci per alleviare i sintomi del bruciore agli occhi. Alcune semplici tecniche che si possono mettere in pratica a casa sono: utilizzare un umidificatore in casa o al lavoro se si sospetta che l'aria sia troppo secca; aprire le finestre per far circolare aria fresca nella stanza; evitare il fumo di sigaretta. Se si fuma, il bruciore agli occhi può essere il campanello d'allarme che finalmente ci spinge a smettere; chi vive con un fumatore dovrebbe invitare l'altra persona a fumare solo fuori casa; se si portano le lenti a contatto, bisogna rimuoverle quando si arriva a casa e mettere gli occhiali da vista: questo dovrebbe evitare la secchezza.

Altri consigli utili per alleviare o risolvere il problema possono essere quello di limitare il consumo di alcol che può lasciare gli occhi secchi, bere con moderazione può mantenere gli occhi umidi e prevenire l'irritazione. Se i sintomi sono gravi al risveglio e le lacrime artificiali non bastano più, chiedi consiglio al tuo oculista di fiducia. Applica impacchi freddi per dieci minuti in modo da ridurre il gonfiore delle palpebre e alleviare così il prurito.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute