Parto in situazioni "speciali" ovvero le complicazioni mediche più comuni

Esiste un certo numero di circostanze mediche che possono condizionare il modo in cui il bambino nascerà. Scopri quali sono le più comuni

Donna incinta
Getty Images

Possibili situazioni compromesse

Con l'imminente arrivo del parto, è normale che appaiano dubbi e timori, soprattutto se è la prima volta che si sta per diventare mamma o se si rientra in una di queste categorie "speciali". La maggior parte delle nascite nel nostro paese, il 72% secondo l'Istituto Nazionale di Statistica, avviene per via vaginale. Il resto sono cesarei, la maggior parte dei quali sono programmati in anticipo quando si prevede che il parto possa compromettere la salute del bambino o della futura madre. "Questi interventi e induzioni vengono eseguiti circa 38 settimane per evitare situazioni che possono rappresentare una situazione di emergenza ostetrica", afferma Jackie Calleja, ostetrico e ginecologo e medico aggiunto del servizio di Ginecologia della Fondazione Jiménez Díaz di Madrid. Tuttavia, anche se ti hanno diagnosticato complicazioni nella gravidanza che potrebbero influenzare la nascita, è possibile che il tuo ginecologo aspetti fino a quando non appariranno i primi segnali, e che tenga conto di altre variabili (età, condizione fisica, se è il primo parto o se ci sono segni di sofferenza fetale...), per decidere se il parto vaginale è fattibile oppure occorre fare il taglio cesareo. In ogni caso, cerca di stare più calma possibile, perché il tuo atteggiamento giocherà un ruolo molto importante. E fidati del tuo ostetrico, è lui che sa meglio di chiunque cosa fare in qualsiasi situazione, anche nelle circostanze seguenti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ho una miopia elevata

Con alta miopia (più di sei diottrie), c'è il rischio che la retina si stacchi con le contrazioni del parto. Se durante l'esame del fondo oculare alla fine della gravidanza, l'oftalmologo verifica che è in buone condizioni, si può tentare un parto vaginale (probabilmente con l'applicazione di un forcipe o ventose nella fase espulsiva, per ridurre al minimo il danno oculare). In caso contrario, verrà eseguito un taglio cesareo.

È una gravidanza multipla

Non è sempre necessario eseguire un taglio cesareo. Per valutarlo, verrà preso in considerazione se la madre ha una cicatrice nell'utero (per esempio, se le hanno rimosso dei miomi, o se ha avuto precedenti tagli cesarei...), la dimensione dei bambini e la posizione in cui si trovano. Se il primo è podalico o trasversale, si opta per un taglio cesareo, e se è cefalico, per un parto naturale. Una volta che il primo bambino è nato, la posizione del secondo bambino non è così importante; se è podalico o trasversale, l'ostetrica cercherà di cambiare la sua posizione o addirittura continuare con il parto vaginale senza fare alcuna manovra.

Ho il diabete gestazionale

Non vi è alcun problema per il parto vaginale se il diabete è sotto controllo, a meno che non vi sia ipertensione (più comune nelle mamme diabetiche), ma dalla 37ima settimana, se il bambino è maturo, il parto viene indotto per prevenire un'ulteriore crescita fetale, che renderebbe necessario eseguire un taglio cesareo.

Mi è stato diagnosticato un herpes vaginale

Il virus dell'herpes simplex (che causa l'herpes vaginale) può contagiare il bambino mentre attraversa il canale del parto e, nei casi estremi, causare l'encefalite neonatale o la sepsi erpetica che colpisce diversi organi. Per evitare questo, si sceglie di eseguire un taglio cesareo se la madre ha contratto il virus nell'ultimo trimestre o se ha lesioni vaginali sospette di essere attive (vescicole, pustole...). Essendo un'infezione ricorrente, una volta che il virus viene contratto, la mamma diventa portatrice e appariranno pustole più o meno frequentemente.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Pertanto, se sei una portatrice ma il virus non è attivo, lo specialista raccomanderà un trattamento antivirale dalla settimana 36 per prevenire un focolaio e optare per il parto vaginale.

Mi sono comparse vene varicose importanti

La priorità è impedire alla madre di subire una trombosi profonda e che il coagulo si sposti in altri organi (polmoni, cuore e cervello), causando un'embolia. Per ridurre questo rischio, la donna incinta viene solitamente trattata con anticoagulanti (eparina), che vengono interrotti quando si avvicina il parto, al fine di prevenire le emorragie. Contando sulla raccomandazione dello specialista vascolare, la nascita può essere vaginale, ma con l'uso di calze a compressione o fasciatura delle gambe. Una volta che il bambino è nato, è importante che la neomamma cammini il prima possibile per evitare la formazione di nuovi coaguli nelle gambe.

Ho la preeclampsia

Le donne incinte che hanno la pressione alta e perdono troppe proteine nelle urine (preeclampsia), hanno maggiori probabilità di subire un distacco della placenta o incidenti vascolari man mano che la gravidanza si avvicina alla fine. Per evitare ciò, il parto viene solitamente indotto (il momento dipenderà dalla gravità) una volta che il bambino è in grado di sopravvivere al di fuori dell'utero materno.

Soffro di insufficienza cardiaca

Con ogni contrazione del travaglio, il cuore deve pompare il 20% in più di sangue, quindi è molto importante valutare accuratamente se questo sforzo sarà eccessivo per una donna con patologie cardiache. In generale, per evitare rischi, si opta per un taglio cesareo programmato. Ma se l'insufficienza è lieve, è possibile eseguire un parto vaginale con epidurale, assistito con forcipe o ventosa, per evitare che la donna faccia grandi sforzi in fase di espulsione.

Ho avuto precedenti tagli cesarei

Più del 60% delle madri che hanno avuto un figlio da un parto cesareo ha in seguito parti vaginali senza complicazioni, secondo l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Per valutare se questo è fattibile, l'ostetrico studierà i motivi per cui l'intervento pregresso è stato eseguito.

Se le cause non si ripetono, se sono trascorsi almeno due anni dal precedente cesareo e se l'incisione eseguita sull'utero (non sulla pelle) è stata trasversale e quasi all'altezza del bacino, si opterà per un parto vaginale. Altrimenti, oppure se hai già avuto due tagli cesarei, ne verrà programmato un altro per evitare il rischio di rottura uterina durante le contrazioni.

Ho la placenta previa

Quando alla 36ima settimana di gestazione viene confermato dall'ecografia che la placenta sta ostruendo la cervice in tutto (placenta previa occlusiva totale) o in parte (occlusiva parziale), non vi è altra alternativa che programmare un taglio cesareo. Tuttavia, se la placenta previa è marginale (confina con il collo, ma non lo ostruisce), si opta per il parto vaginale, a volte accelerato con ossitocina (specialmente nelle primipare, in cui il parto è più lungo) per prevenire che la placenta si stacchi e provochi un'emorragia nella madre.

Via: Crecer feliz

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute