Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Un vaccino antinfluenzale e un milione di dubbi! Quindi devo farlo? Quando? Quanto costa?

Per scoprire se devi fare o meno la vaccinazione contro l'influenza stagionale il Ministero della Salute ha pubblicato un utile vademecum

Inverno non ti temo! Per scongiurare il nemico numero uno di questa stagione: ciao influenza, da qualche settimana è disponibile il vaccino antinfluenzale 2017. Ma chi può vaccinarsi? Ci sono controindicazioni? Come bisogna comportarsi? Abbiamo raccolto per te le risposte alle domande più comuni grazie ad un prezioso vademecum diffuso dal Ministero della Salute (salute.gov.it).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Chi deve fare il vaccino antinfluenzale 2017

Il vaccino antinfluenzale 2017, che può essere somministrato dalla metà di ottobre fino a dicembre, è indicato per tutti coloro che vogliono evitare la malattia, ma è raccomandato alle persone che possono andare incontro a complicanze e ad alcune particolari categorie di lavoratori tra cui:

  • persone di età pari o superiore a 65 anni
  • bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza
  • chi è affetto da malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio, dell'apparato cardiocircolatorio, diabete mellito e altre malattie metaboliche, insufficienza renale/surrenale cronica, malattie del sangue e del sistema immunitario, patologie infiammatorie croniche e tumori
  • medici e personale sanitario
  • familiari e contatti di soggetti ad alto rischio
  • forze di polizia e vigili del fuoco
  • donne che all'inizio della stagione epidemica si trovano nel secondo e nel terzo trimestre di gravidanza

    Chi appartiene a una di queste categorie potrà sottoporsi al vaccino gratuitamente, mentre gli altri devono acquistarlo (il costo dipende dalla tipologia scelta, ma in ogni caso è intorno ai 12/18 euro). Per quanto riguarda le controindicazioni invece il vaccino antinfluenzale non deve essere somministrato ai bambini di età inferiore ai 6 mesi e ai soggetti che abbiano manifestato reazioni di tipo anafilattico ad una precedente vaccinazione o ad uno dei componenti del vaccino. Per qualsiasi dubbio e per avere ulteriori chiarimenti ti consigliamo di rivolgerti al tuo medico curante.

    In ogni caso...come evitare il contagio (o almeno provarci)

    Quando fa freddo, si sa, i virus circolano più del solito perché l'influenza si trasmette per via aerea. Gli uffici open space ad esempio sono un ambiente perfetto per il contagio, così come i mezzi pubblici e i luoghi affollati. Per questo, per evitare di ammalarsi, è importante lavarsi spesso le mani con acqua e sapone, o con un apposito gel disinfettante, in particolare dopo avere tossito e starnutito. Se non hai le mani pulite non toccarti occhi, naso e bocca, e getta immediatamente i fazzoletti di carta usati nella spazzatura.

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito

    E se mi ammalo lo stesso?

    Se nonostante tutte queste precauzioni l'influenza (che puoi riconoscere dalla comparsa di febbre, malessere, stanchezza, mal di testa, dolori muscolari, tosse o mal di gola) arriva inesorabilmente, cerca se possibile di rimanere a casa, perché puoi essere contagiosa fin dal periodo di incubazione della malattia. Così, se ti concedi un un po' di sano riposo, con l'aiuto di qualche rimedio naturale infallibile, nel giro di qualche giorno sarai di nuovo in forma!

    Foto di Eduard Militaru su Unsplash

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito
    Altri da Salute