Placenta accreta: cos'è il disturbo che ha colpito (anche) Kim Kardashian

Durante la gravidanza può mettere in pericolo la mamma e il nascituro: tutto quello che c'è da sapere sulla placenta accreta

image
Getty Images

Kim Kardashian e Kanye West non hanno rinunciato al loro sogno di avere una famiglia numerosa e per avere il loro terzo figlio, stando a quanto riportano i media internazionali (anche se manca ancora la conferma dei diretti interessati), avrebbero deciso di ricorrere alla maternità surrogata. Questo perché Kim ha scoperto in occasione delle altre gravidanze di soffrire di placenta accreta, un fattore che può costituire un grave pericolo nel caso in cui rimanesse nuovamente incinta.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Normalmente infatti la placenta, che è l'organo che si forma durante la gestazione per alimentare il bambino, ad un certo punto deve smettere di crescere. Nelle persone che soffrono di placenta accreta (si tratta di un caso ogni 500 gravidanze) invece la crescita continua, e la placenta può espandersi non solo all'interno dell'utero, e in questo caso si tratta di placenta increta, può anche oltrepassarlo fino a raggiungere gli organi interni vicini, come intestino o vescica, e si parla quindi di placenta percreta.

Getty Images

Fatta eccezione per un sanguinamento vaginale anomalo durante il terzo trimestre, che deve far scattare un campanello d'allarme, purtroppo non ci sono altri sintomi particolari che possano segnalare fin dall'inizio le anomalie nella crescita della placenta, ma è possibile diagnosticare la placenta accreta con alcuni esami prenatali accurati come un'ecografia o una risonanza magnetica. Una volta effettuata la diagnosi si potranno prevedere, con largo anticipo, tutte le misure necessarie da prendere in vista del parto, che possono anche salvare la vita della mamma.

Infatti se nella maggior parte dei casi, dopo che è nato il bambino, la placenta viene regolarmente espulsa dall'organismo, in caso di placenta accreta questo non accade perché le sue radici sono troppo profonde: per questo motivo solitamente si procede con un taglio cesareo, perché potrebbero verificarsi delle gravi emorragie (potenzialmente fatali).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ma il taglio cesareo comporta un ulteriore problema da tenere presente per il futuro: la cicatrice che rimane dopo l'intervento potrebbe fare da base per sviluppi anomali di placenta, e il rischio aumenta ogni volta. Forse per questo motivo ai Kimye, che hanno già due figli ovvero North e Saint, sono state sconsigliate ulteriori gravidanze, ma la coppia, a quanto pare, non si è lasciata abbattere!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute