Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Cistite: sintomi, cause e cure di questa fastidiosa infezione

Quali sono i sintomi, le cause e le cure della cistite e i rischi derivanti dai rapporti sessuali e da una scarsa igiene intima

cause e rimedi della Cistite
Getty Images

Ci sono patologie che hanno una «preferenza» per il gentil sesso. Lo sanno bene le donne che nel corso della loro vita sono state colpite dalla cistite. Si stima che circa il 30% delle donne tra i venti e i quarant'anni ne abbia conosciuto le caratteristiche in prima persona e circa un quarto di queste abbia persino dovuto combattere con il ripresentarsi della stessa infezione delle vie urinarie entro un anno dalla prima comparsa.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Va meglio agli uomini: che, stando alle statistiche, solo il 2% di essi viene colpito da cistite maschile e solo dopo i cinquant'anni.

Cosa è la cistite?

La cistite è un'infiammazione o flogosi delle basse vie urinarie. Sia chiaro: nulla di grave, ma è importante conoscere della cistite sintomi e cause per riconoscerla subito e curarla velocemente.

Curare subito questa infezione è essenziale per evitare che una banale cistite si trasformi in una ben più dolorosa e fastidiosa cistite emorragica (cioè una cistite con sangue).

Curarla bene è importante per evitare che una cistite acuta si trasformi in cistite cronica o in cistopielite, che è una infezione allargata anche al bacinetto renale. Chi soffre di cistiti ricorrenti, quindi, non dovrebbe sottovalutare queste infezioni ma curarle al meglio e in fretta.

La discrepanza tra l'incidenza nel genere femminile e quello maschile è rintracciabile in questioni anatomiche: la distanza media tra l'uretra e l'ano risulta più elevata tra gli uomini.

Cause della cistite

Ci sono molti aspetti che possono creare un terreno fertile per le cistiti: ad esempio un'alta frequenza dei rapporti sessuali che, naturalmente, favoriscono l'ingresso di batteri a livello della vescica, così come l'utilizzo di metodi contraccettivi che possono alterare l'ecosistema vaginale: la crema spermicida e il diaframma sono gli esempi più indicativi.

Per cui non è sempre corretto affermare che la cistite si sia sviluppata dopo un rapporto, alla luce delle possibili concause che possono coesistere. In taluni casi conta persino l'ereditarietà: una madre che soffre di cistite potrebbe «trasmettere» il fastidio alla sua prole quando questa crescerà.

Bere molta acqua per pulire le vie urinarie è uno dei consigli terapeutici contro la cistite.
Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Uno sconsiderato utilizzo di antimicrobici, inoltre, potrebbe alterare la flora batterica favorendo la colonizzazione ad opera di vari agenti patogeni: per un favore nome noto si può fare quello dell'Escherichia coli, responsabile nel 70% dei casi.

È proprio l'azione di fattori come questi a determinare lo sviluppo della malattia. Essi, la cui origine può essere indistintamente uretrale, vaginale o fecale, risalgono verso la vescica e generano la patologia e, dunque, il fastidio.

Cistite: sintomi più diffusi

Individuare i sintomi della cistite non è facile perché non sono sempre caratteristici, sebbene possano essere considerati di tipo irritativo e quindi problemi acuti. La minzione frequente è spesso un primo segnale, il bruciore quando si urina il secondo.

Si parla, infatti, di stranguria quando la normale minzione viene accompagnata bruciore, dolore e persino brividi di freddo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

L'aumento della funzionalità giornaliera dell'apparato urinario è un altro campanello d'allarme (pollachiuria), così come la riduzione della frequenza delle minzioni. Le urine possono risultare torbide e, in molti casi, maleodoranti.

L'eventuale insorgere della febbre può indicare una diffusione avanzata delle vie urinarie fino a quelle alte. Tuttavia, fate attenzione: si può anche soffrire di cistite senza bruciore che, però, va curata lo stesso se si riscontrano altri sintomi di infezione alle vie urinarie.

Come si diagnostica la cistite?

Attraverso l'esame delle urine che metterà in rilievo nelle stesse la presenza di flora batterica, leucociti e tracce di sangue. Starà al medico stabilire l'eventuale necessità di effettuare un'urinocultura, finalizzata all'identificazione specifica dell'agente patogeno, o di effettuare uno studio ecografico dell'apparato urinario.

Cistite: rimedi farmacologici e rimedi naturali

Come curare la cistite? Essendo la malattia molto nota, diffusa e studiata per fortuna esistono numerosi rimedi contro la cistite efficaci.

Si tende a privilegiare una terapia a base di farmaci antimicrobici in maniera continuativa per quattro cinque-giorni. Curarla in uno stadio poco avanzato scongiura la possibilità di ricadute, per le quali bisogna stare sempre all'erta.

Recenti studi, inoltre, hanno dimostrato l'efficacia del D-Mannosio, una sostanza il cui uso può essere ritenuto «finalizzato all'immobilizzazione dei batteri».

Tra i consigli terapeutici figura quello di bere molta acqua per pulire le vie urinarie e anche i rimedi naturali contro la cistite possono aiutare. Bere molto è un'abitudine consigliabile anche come strumento di prevenzione del fastidio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ma non è la sola informazione di cui si è a conoscenza quando non si è stati ancora colpiti. Trattenere l'urina è un fattore di rischio, così come mangiare e bere alimenti che potrebbero irritare l'intestino o indossare biancheria intima che non sia in fibre naturali. I medici, inoltre, consigliano di consumare mirtillo rosso e soprattutto di curare con attenzione l'igiene intima.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute