Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Perché controllare la pressione durante la gravidanza è essenziale affinché tutto fili liscio

Monitorare la pressione è essenziale affinché la gravidanza arrivi al nono mese senza problemi. Misurala frequentemente e segui queste linee guida

Controlla la tua pressione durante la gravidanza
Getty Images

La pressione sanguigna (o tensione) è la forza con cui il cuore spinge il sangue attraverso le arterie. Quando il cuore si contrae e spinge il sangue, raggiunge il suo livello massimo (tensione massima o sistolica). Quando il cuore è tra due contrazioni, è al suo livello minimo (tensione minima o diastolica). A livello internazionale, è stato stabilito 140/90 mm Hg (o, che è lo stesso, 14/9) come valore standard. Questa cifra può variare in ogni persona, nell'arco del giorno e in base a determinate circostanze, come la gravidanza. In generale, se il valore è 9/6 o inferiore, è considerata ipotensione (bassa pressione sanguigna) e si manifesta con vertigini, pallore, vomito, nausea e difficoltà respiratoria; è fastidiosa, ma non comporta rischi particolari. Al contrario, quando viene superato il valore standard, possono comparire problemi importanti (ictus, infarti, ecc.). Se l'ipertensione è precedente alla gravidanza e persiste anche al di là di essa, viene definita ipertensione cronica. Invece, se l'aumento si verifica durante la gravidanza, parliamo di ipertensione gestazionale, un problema che di solito scompare dopo il parto, anche se c'è una tendenza a recidivare.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Perché aumenta la pressione durante la gravidanza?

Non succede spesso, ma è uno degli inconvenienti importanti che possono comparire in gravidanza. L'età avanzata della donna nella sua prima gravidanza, le gestazioni multiple, molte delle quali derivano dalla fecondazione in vitro, il diabete, l'obesità o l'aumento di oltre 2 chili al mese, sono fattori che predispongono a soffrire di ipertensione gestazionale.

Come sottolinea il dottor Nieves Martell, specialista dell'Unità di Ipertensione dell'Ospedale Clinico di Madrid, il controllo della pressione in gravidanza è molto importante: "Durante il primo trimestre c'è un abbassamento fisiologico della pressione arteriosa, che aumenta invece dopo il quarto mese, fino a raggiungere nel terzo trimestre i valori che c'erano prima della gravidanza. Ma può succedere che la pressione non diminuisca nel primo trimestre, come consueto, o addirittura che si alzi leggermente. Questi dati dovrebbero già metterci in allerta, perché la probabile evoluzione è che continui ad aumentare e che la gravidanza si concluda con una possibile complicazione. Da qui l'importanza di misurare la pressione alla gravida almeno una volta al mese". Ed è altrettanto importante che la futura mamma conosca i propri valori di pressione di prima che rimanesse incinta.

Principali conseguenze dell'ipertensione

Tra i disturbi derivati dall'aumento della tensione in gravidanza ci sono la preeclampsia e l'eclampsia. Il primo è caratterizzato da una pressione del sangue superiore a 14/9, accompagnata dalla eliminazione di proteine attraverso le urine (proteinuria) e dalla marcata ritenzione di liquidi (edema). Le conseguenze per il bambino sono che si chiudono i vasi sanguigni dell'utero che forniscono ossigeno e cibo e, a causa di ciò, la sua crescita e il suo peso possono esserne affetti. Un altro problema potrebbe essere il distacco prematuro della placenta dalla parete uterina. La preeclampsia, che colpisce il 5% delle donne in gravidanza ed è più comune nelle primipare, può verificarsi dalla settimana 20 di gravidanza e persistere fino alla fine della prima settimana dopo il parto. Non influisce sull'allattamento al seno, tranne quando l'ipertensione è così grave da richiedere molti farmaci per controllarla dopo il parto. Solo nello 0,5% dei casi la situazione non è controllabile e porta all'eclampsia, una forma più grave che provoca convulsioni alla madre o addirittura il coma. Le cause che la determinano sono sconosciute. Tuttavia, non c'è ragione per cui questo ti accada. Nella maggioranza dei casi, la gravidanza può concludersi positivamente se si ascoltano le raccomandazioni del proprio medico.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il medico controlla che tutto vada bene

Quando vai dal tuo ginecologo per la prima volta, vorrà sapere qual è la tua pressione, se hai una storia familiare di ipertensione e di quali malattie hai sofferto. Di prassi, prenderà la tensione in ogni visita. In caso di valore elevato, il dottor Martell chiarisce che "in generale, è necessario confermare l'aumento di pressione in almeno tre consultazioni, distanziate di diversi giorni e in ciascuna delle quali va misurata la pressione almeno tre volte. Se viene confermata l'ipertensione, si raccomanderanno misure alimentari speciali. Se ancora non basta per controllare la pressione, verrà prescritto un farmaco antipertensivo adatto alle donne in gravidanza". In breve: se hai intenzione di rimanere incinta e sei ipertesa, vai dal medico e chiedigli consiglio.

Quando dovresti andare dal dottore?

Le future mamme che erano già ipertese prima della gravidanza, le adolescenti o ultraquarantenni, le diabetiche, le obese, quelle con storia familiare di ipertensione, quelle con un alto livello di acido urico e coloro che aspettano gemelli, devono prestare particolare attenzione alla loro pressione, poiché in questi soggetti è più probabile che compaia la preeclampsia.

Ma, indipendentemente da queste circostanze, dovresti andare da un medico se compaiono questi sintomi:

  1. Ipertensione arteriosa.
  2. Aumento di peso repentino ed esagerato.
  3. Gonfiore alle estremità e al volto che non scompare dopo il riposo notturno.
  4. Intenso mal di testa
  5. Sensazione vedere punti luminosi.
  6. Forte dolore addominale (non correlato alla stitichezza).

    E cosa faccio per prevenirla?

    Prevenire l'ipertensione durante la gravidanza è possibile se si adottano diverse misure. Per riuscirci:

    • Se hai una storia familiare di ipertensione, fai particolare attenzione nel controllare la tua tensione. E informa il medico, poiché è più probabile che tu soffra del problema.
    • Controlla il tuo peso, l'obesità non ti aiuterà affatto.
    • Evita uno stile di vita sedentario e conduci una vita sana con esercizio fisico, come camminare ogni giorno per un'ora.
    • Esegui i controlli che il medico ti dice di fare e segui le sue raccomandazioni alla lettera.
    • Il fumo, in ogni caso, è vietato in gravidanza, ma soprattutto dinanzi a un problema di pressione.
    • Al momento dei pasti, alleati con verdure e legumi.
    • Riduci l'assunzione di sale ai pasti (ma non eliminarla del tutto). Neanche i grassi vegetali sono raccomandati.

      Via: Crecer feliz

      Pubblicità - Continua a leggere di seguito
      Altri da Salute