Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Matrimonio felice? Sì, se elimini queste 8 cattive abitudini

Primo non parlare male del partner alle sue spalle e poi altre cattive abitudini da eliminare per non minare le fondamenta del tuo matrimonio 

Ci sono 8 cattive abitudini che possono rovinare la vita di coppia e il matrimonio ma che se eliminate possono portare invece alla felicità. Un recente sondaggio ha rilevato che le coppie sono più propense a cercare di risolvere le cose e a rompere con le cattive abitudini che hanno sviluppato di quanto non lo fossero fino a 10 anni fa. Insomma, si cerca di tenere l'avvocato fuori casa si prova a scongiurare con tutti i mezzi una separazione o il divorzio. Quindi, ecco 8 cattive abitudini da eliminare subito per avere una vita di coppia felice e appagante.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Non parlare male del partner alle sue spalle
Everett

Per esempio, evita di sfogarti con le tue amiche per la sua mania per Star Wars. Ti sembra un consiglio troppo elementare?. E invece, parlare male del partner alle sue spalle è una cattiva abitudine molto frequente nelle coppie. Spiega Carrie Cole, terapista di coppia e certificata Master Trainer Gottman presso il Center for Relationship Wellness in Houston:

«Le donne possono cadere in questa abitudine se sono circondate da persone che fanno la stessa cosa. Se il tuo gruppo di amiche parla costantemente male dei loro mariti, allora ti sembrerà che farlo sia normale e dirai: Pensi che tuo marito sia il peggiore? Ascolta cosa ha fatto il mio! In realtà questo atteggiamento mostra mancanza di rispetto per lui e innesca un modello di confronti negativi che possono portare ancora più critiche e disprezzo ». E ancor prima di rendertene conto fai precipitare il tuo rapporto verso il basso.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
2 Non fare confronti
Everett

Sia che ricordi con nostalgia ricordi quanto è stata divertente la relazione con il tuo ex o di quanto è elegante il marito della tua migliore amica, ricorda che il confronto negativo verso tuo marito altro non è che il sottile bacio della morte.

« Anche se sono solo pensieri che passano solo nella tua mente, così facendo, a lungo andare, rischi di rovinare la relazione » dice Cole e ricorda che n on sempre l'erba del vicino è la più verde perché non esiste una persona perfetta (d'altronde non lo sei neanche tu). Non c'è nulla di male se vuoi cambiare alcune sue cattive abitudini (come la sua tendenza a spendere troppo, ad esempio) e Cole suggerisce di usare un approccio dolce, e a fine della giornata, concentrarsi sul bene che provate per l'altro.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
3 Mettersi nei panni dell'altro
Everett

Gli esperti sono ampiamente d'accordo sul fatto che gli uomini tendono ad avere più difficoltà con una abilità chiamata "influenza del partner", che significa avere la capacità di capire il punto di vista dell'altro anche se non si è d'accordo. Gli uomini devono combattere di più per sviluppare questa abilità, mentre le donne tendono ad essere più empatiche, grazie alle differenze biologiche e neurologiche tra i due sessi. Ma solo perché è più difficile da fare non significa che non sia da fare. Infatti, « i matrimoni in cui gli uomini non accettano l'influenza dalle loro mogli rischiano molto di più il divorzio » , dice Diane Gehart, docente in terapia familiare alla California State University di Northridge. Inoltre, secondo una ricerca condotta dal Gottman Institute è emerso che se gli uomini non tengono conto del punto di vista della moglie hanno l'81 per cento di probabilità di veder fallire il loro matrimonio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
4 Emotività stai alla larga
Everett

Ti è mai capitato che mentre chiacchieri con tuo marito passi da calma piatta a nervosismo a fior di pelle? Questo non è un buon segno perché così facendo vi allontanate sempre di più. Spiega Gehart: « Si arresta immediatamente la possibilità di avere una conversazione produttiva. E purtroppo sono le donne le principali colpevoli, poiché di solito sollevano le questioni in modo più aggressivo rispetto agli uomini ». Il perché è presto detto: gli uomini si calmano più in fretta e riescono a analizzare le situazioni senza farsi coinvolgere emotivamente, come rivela uno studio pubblicato recentemente. Ok è più facile a dirsi che a farsi, e lo sappiamo, ma se urli ogni volta che discuti con tuo marito non fai altro che innescare i suoi meccanismi di difesa il che gli impedirà di parlare con te apertamente e onestamente

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
5 Riconoscere quando è il momento di dire basta
Everett

Una volta innescata una discussione può essere difficile riprendere il controllo, ma ritrovare la calma è chiari aiuta a risolvere i problemi. Se non fai la pace, subito, lo sai ci sono i musoni lunghi, i pianti e quella certa freddezza che complica notevolmente il riavvicinamento. Spiega Cole: « Quando dopo una discussione o proprio una litigata ci si chiude a riccio, di solito i battiti cardiaci sono al di sopra di 100 al minuto, ossia si è pronti per la lotta o la fuga. In questa circostanza perdiamo l'accesso a una parte del cervello, il lobo frontale, ossia non siamo più in grado di comunicare. Così a volte non si riesce più a parlare in maniera coerente . Quindi l'unica soluzione è prendersi una pausa e riprendere la discussione a mente fredda».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
6 Anche se stai discutendo mantieni il sorriso
Everett

Nonostante tutti gli sforzi di mantenere la calma il corpo tradisce le vere emozioni: pupille dilatate, voce che dai toni bassi tende ai toni acuti, il viso che si arrossa, movimenti rigidi. I classici segnali di chi è sopraffatto dalle emozioni. Spiega Sue Johnson, Ph. D., autore di Hold Me Tight: Sette conversazioni per una vita d'amore: Così non puoi entrare in sintonia con il partner per avere un dialogo sereno e rischi di far creare un modello di rifiuto per ogni tua richiesta.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
7 Non rinunciare a combattere
Everett

Ci sono coppie che sembrano essere d'accordo su tutto, ma attenzione non è un buon segnale e gli esperti ribadiscono che se non si discute allora la relazione è destinata a finire per morte lenta. Se non ti preoccupi di portare fuori tutti i bug che vivi nella tua coppia vuol dire che non ci stai mettendo interesse, energia e amore.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
8 Non aspettare troppo per affrontare i problemi di coppia
Everett

Ricorda, più aspetti a affrontare una questione più tempo ci vorrà per risolverla. E se devi chiedere aiuto a qualcuno fallo in accordo con tuo marito, perché certi problemi potreste non essere in grado di risolverli da soli; chiedere aiuto è un passo versa la soluzione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Emozioni