Calo del desiderio maschile: che cosa fare quando è lui a non voler fare l'amore?

Non è frequente, ma capita: anche gli uomini perdono il desiderio sessuale e, sì, possono anche arrivare a rifiutare la propria partner, ma prima che quel no diventi un mostro a tre teste mantenete la calma e iniziate, magari, da quella cosa sempre utile che che è parlarne

image
Getty Images

Ci si potrebbe scherzare su e annegare tutto sotto secchiate di gelido sarcasmo, ma la verità è che quando succede che sia lui a dirvi, e dimostrarvi in modo lampante, che di fare sesso proprio non ne ha voglia, beh la cosa fa male, un male cane. Perché se da un lato il calo del desiderio detto anche sexout in una donna è considerato una cosa che rientra perfettamente nella norma (e in effetti dei rosponi che tocca mandare giù a lui non ci si preoccupa granché), dall'altra il rifiuto del partner apre una crisi di portata catastrofica. Perché ci sentiamo immediatamente dei cessi a sonagli, perché lo spauracchio del tradimento fa subito capolino, perché, magari non ai livelli di John Legend e consorte, ma insomma tutto funzionava piuttosto bene... . Quindi che fare?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Getty Images

Occorre, prima di tutto, fare una distinzione: se si tratta di un episodio isolato, la cosa più sensata sarebbe quella di non andare in panico e provare, almeno per il momento, a lasciar correre. Sì, è dura, ma ripetete dopo di me: «Proverò a lasciar correre». Magari, buttiamo lì, la volta dopo ci si può approcciare a lui con qualche ideuzza di preliminare stuzzicante in più, invece di uno scazzatissimo «ti va stasera?». Altro discorso, invece, se invece gli episodi sono già diversi: allora sì che partire da un tentativo di chiarimento sarebbe opportuno, cercando, ovviamente, di tenere a bada la vostra soglia di aggressività (perché è ovvio che siete offese a morte) e lasciando spazio, ma davvero, alle sue spiegazioni. Ci saranno silenzi lunghissimi? Molto probabile: sappiate gestirli.

Getty Images

Che cosa potrebbe saltare fuori? Beh, un universo sterminato di ragioni, alcune delle quali del tutto plausibili. Magari il lavoro gli sta dando dei problemi, ed essendo comunque un essere di sesso maschile non gli è venuto così automatico confidarsi con voi, e quell'ansia non comunicata ha dato origine a uno stop al desiderio. Oppure, dovete mettere in conto anche questo, la vostra vita sessuale non stava vivendo il suo periodo più eccitante e sfrenato, d'altronde Andy Wharol ha sempre sostenuto che «il sesso è molto più eccitante sullo schermo o nelle pagine che tra le lenzuola», e allora qualche dritta su come vivacizzarla potrebbe essere sufficiente ad aggiustare le cose. Ma qualunque sia la causa, più o meno profonda, del disagio che la vostra coppia sta vivendo, c'è una cosa fondamentale da tenere a mente: non incolpatevi a tutti i costi. Non ionizzate quel masochistico meccanismo per cui noi donne siamo così perfettamente portate per cui di certo, in qualche modo, siete voi ad avere la responsabilità del suo blocco. Eh no, ha ragione l'esperta di life coaching Ilaria Cardani quando dice che «Quando lui non vuole fare l'amore devi mettere in seria discussione la relazione e non te stessa. Devi considerare che il segnale che lui ti sta inviando è forte e importante e non riguarda te, ma lui e la qualità del rapporto con lui. Non solo dal punto di vista sessuale, ma da tutti i punti di vista.».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Emozioni