Una coppia su due litiga a causa di un tatuaggio legato all'ex: ma ne vale la pena?

Si chiama Love tattoo-changing e sta impazzando da qualche tempo: di che cosa si tratta? Della modificazione di un tatuaggio dedicato ad un precedente amore e che, a quanto pare, è argomento di lite per più del 50% delle coppie

image
Getty Images

Purtroppo è lì, visibile, lampante e soprattutto indelebile. Parliamo di un tatuaggio, tanto romantico, e in questo David Beckham sono anni che impartisce lezioni a tutti, quanto insopportabile, perché non è a noi bensì all'ex che è dedicato. Ora, quale moglie o fidanzata potrà essere mai così di ampie e morbidi vedute da tollerare che sulla pelle della propria metà campeggi una dedica d'amore, che di questo si tratta, a un'altra? Suvvia. E se proprio prima delle vacanze i pentiti di un disegno indelebile ricorrono alla modifica o cancellazione perché se ne vergognano, è altrettanto vero la metà delle coppie italiane litiga furiosamente proprio a causa di quel marchio che solo con grande fatica se ne va via.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E i numeri non sono roba da poco: a fare i conti, con furore, con i fantasmi del passato, secondo una ricerca condotta da Renaissance Lab, è 1 coppia su 2 (54%), che rischia di scoppiare proprio a causa del tatuaggio che a questo punto andrebbe di diritto inserito nei segnali evidenti che qualcosa nella relazione non va. La soluzione per far tornare il sereno, per il 32% è di rimuovere o modificare il tattoo. Una tendenza definita dagli esperti Love tattoo-changing, che vede noi comuni mortali in compagnia di un nutrito gruppo di celeb. Vi ricordate, per esempio, dei tormenti del buon vecchio Johhny Depp, che dopo quello dedicato alla nostra amata Winona, ha poco elegantemente deciso di modificare anche il tatuaggio per l'ex moglie Amber Heard? Per non dire delle ex coppie composte da Britney Spears e Kevin Federline, Gwyneth Paltrow e Chris Martin, e ancora Melanie Griffith, che si è tolta dal braccio e dalla vita Antonio Banderas, e Belen Rodriguez, che ci ha messo più tempo a fare quel disegno sulla spalla che a far durare il suo matrimonio con Stefano de Martino.

Getty Images

Insomma, pentirsi del proprio tatuaggio è sempre più comune: lo confermano i dati diffusi dall'Istituto Superiore della Sanità secondo cui su oltre 7 milioni di persone tatuate in Italia, circa 1 milione e 200 mila, si pente della scelta fatta. Ma quali sono i tatuaggi di coppia più rimossi? Principalmente si tratta di un nome o di un'iniziale (67%), segue una frase romantica dal significato speciale (59%) o una figura divisa a metà come un cuore (55%) o un lucchetto con la chiave (53%). Ergo, tutto ciò che può mandare ai pazzi un fidanzato o una fidanzata non in odore di santità.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Emozioni