Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Sbagliare è umano, sbagliare la dieta anche no! Gli errori detox più comuni dai quali tenersi alla larga

Dal digiuno a breve termine all'assenza totale di grassi, i consigli per evitare il flop

La dieta crash è un'idea terribile. Ma l'intenzione alias la voglia di rientrare in quel vestito, a volte è così trascinante da spingerci a commettere più errori del previsto. Gli stessi che possono compromettere il percorso che come unico obiettivo ha: la perdita di peso. La nutrizionista Jackie Lynch illustra alcuni fra i più comuni errori nella dieta e ci suggerisce come evitarli per perdere peso in modo corretto e salutare.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

1. Saltare i pasti

Questa potrebbe sembrare una soluzione veloce e logica, ma, al contrario, saltare regolarmente i pasti crea squilibri al tuo metabolismo e, a lungo termine, potrebbe portare a un aumento di peso. Il nostro comportamento alimentare è controllato da ormoni come la leptina, che dice al cervello quando bisogna smettere di mangiare o quando, invece, si può continuare a mangiare, e la grelina che gestisce l'appetito. Il digiuno a breve termine porta a una caduta pericolosa dei livelli di leptina, il che indica al cervello che ci trova in uno stato di carestia e provoca, come risposta, lo stimolo per l'appetito. Saltare la prima colazione può sembrare un modo intelligente per evitare un apporto di calorie, ma uno studio recente pubblicato nell'American Journal of Clinical Nutrition suggerisce che coloro che evitano la prima colazione mangiano molto più nel corso della giornata, mentre chi fa regolarmente la prima colazione, mantiene inalterati i livelli di grelina.

Soluzione. Secondo la ricerca, una colazione proteica è la chiave per gestire i livelli di grelina: preferire un uovo e aggiungere delle noci e dei semi al porridge o ai cereali potrebbe fare differenza nel controllo dell'appetito.

2. Porzioni eccessive

Calcolare male la quantità di cibo è uno degli errori più comuni quando si cerca di mantenere il peso ideale. Ad esempio, una porzione di cereali standard è compresa tra i 30-50 g, ma la maggior parte delle persone ne mangia molti di più. Non si tratta solo di una dieta equilibrata, è essenziale calcolare le proporzioni corrette di ciascun gruppo alimentare all'interno della dieta. È facile controllare l'aumento o la perdita di peso - se questo è il tuo obiettivo - senza eliminare interi gruppi alimentari, ma semplicemente limitandone le porzioni.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Soluzione. Dedica un po 'di tempo a misurare e registrare mentalmente le dimensioni corrette delle porzioni dei tuoi cibi preferiti, in modo da sapere cosa metti nel piatto quando hai fretta o mangi fuori. Recentemente è stato lanciato sul mercato il MealKitt, un apparecchio che è in grado di controllare sia la preparazione dei pasti che le porzioni.

3. Lo zucchero nascosto

Non è difficile individuare ed evitare zucchero raffinato, ma è un errore comune pensare che gli zuccheri definiti "sani" vadano bene. Nell'aumento di peso il primo e più grande colpevole è l'eccesso di zucchero in qualsiasi forma esso si presenti, in quanto genera il rilascio di insulina che spinge il corpo a creare depositi di grasso. Prodotti quali miele, frutta secca e succo di frutta sono delle vere e proprie trappole perché contengono quantità enormi di zuccheri anche in piccole dosi.

Soluzione. Quando si tratta degli zuccheri della frutta, mangiate pure tutta la frutta ma evitate i succhi. La frutta è naturalmente ricca di fruttosio, che è lo zucchero della frutta, ma contiene anche molta fibra che aiuta a bilanciare gli altri zuccheri

4. Non mangiare abbastanza grassi

L'idea che "mangiando grassi si ingrassi" è la più comune delle perversioni. Quando facciamo la spesa riempiamo automaticamente il carrello con prodotti a basso contenuto di grassi, supponendo che questo gioverà alla perdita di peso. Lo scopo del grasso non è quello di farti ingrassare, ma al contrario garantire una serie di funzioni come il bilanciamento degli ormoni, sostenere cervello e funzione cardiaca, garantendo l'assorbimento di alcune vitamine e la produzione degli ormoni sessuali. È anche responsabile di gran parte del sapore del nostro cibo e di conseguenza, se si eliminano i grassi, è opportuno correggere il sapore dei cibi aggiungendo sale o zucchero. Questo è un vero problema, in quanto lo zucchero in eccesso è il fattore più pericoloso quando si tratta di aumento di peso.

Soluzione. Guardiamo da vicino le etichette di tutti i prodotti a basso tenore di grassi per assicurarci che non stiamo introducendo troppi zuccheri nella dieta. Un cucchiaino di zucchero è approssimativamente 4g, quindi è abbastanza semplice fare i calcoli.

Jackie Lynch è nutrizionista e ambasciatrice nutrizionale per Mealkitt.

Foto di Kawin Harasai su Unsplash

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Diete