Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

È il momento della dieta detox, per disintossicarsi in soli 10 giorni

Via le zavorre! Con cibi e drink per depurare il corpo, ritrovare energia e bruciare i grassi, per navigare leggere verso l’estate

Rawpixel / Unsplash.com

Siamo nel clou della primavera: nel corpo si risveglia l’energia, il metabolismo accelera, il sangue irrora meglio gli organi regalando la sensazione di vitalità e rinascita. Ma non per tutti è così: c’è chi si sente abbattuto, stanco e soffre per tanti piccoli disturbi, dal mal di testa alle difficoltà digestive. Spesso, poi, in questa stagione ci si ritrova a fare i conti con qualche chilo in più e un fastidioso senso di gonfiore e pesantezza, eredità dell’inverno non ancora “smaltito”. La differenza è legata allo stato di benessere del nostro organismo. Se è intossicato dalle scorie, il processo di rinnovamento stagionale diventa un percorso a ostacoli, e la stanchezza può arrivare a livelli insopportabili: ci si sente pesanti, nervosi, insonnoliti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Che fare? Disintossicarsi, agendo sugli organi deputati alla pulizia dell’organismo: fegato, reni e intestino, per riportare in equilibrio l’intero sistema mente-corpo, nelle sue componenti fisiche, emotive ed energetiche. Un obiettivo facile da raggiungere seguendo un’alimentazione specifica e bevendo acque e tisane ricche di attivi preziosi. Ecco come procedere.

Dieta deep cleansing

«Un percorso di pulizia interna permette di riavviare radicalmente l’interno organismo», spiega il dottor Mark Hyman, pioniere della medicina funzionale e autore del libro La dieta detox in 10 giorni. Il programma per ristabilire l’equilibrio glicemico, bruciare i grassi e perdere peso (Mondadori, € 17). «Con la giusta combinazione di cibi efficaci, si riesce inoltre a bloccare l’azione dell’ormone che presiede all’accumulo di grasso e a ridurre l’infiammazione che contribuisce a far aumentare il peso. Un programma di disintossicazione alimentare consente a chi ha bisogno di dimagrire, quindi, di centrare l’obiettivo con rapidità e facilità, acquisendo energia, riuscendo a dormire meglio e ad avere un umore migliore». Cosa si mangia? Soprattutto cibi d’origine vegetale: cereali integrali in chicco (come riso ben cotto e miglio) abbinati a proteine verdi a ogni pasto: per esempio due cucchiaiate di fagioli cotti in acqua con semi di cumino; più abbondante verdura e frutta scelte tra le varietà che assicurano un maggior contenuto di antiossidanti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

«Una dieta verde ben variata funziona molto meglio di qualsiasi integratore detox», spiega la dottoressa Vesanto Melina, docente di nutrizione alla British Columbia University e coautrice del libro Mangio crudo e vivo meglio (Macro, € 19). «Il processo di eliminazione delle scorie può avvenire correttamente solo se riforniamo l’organismo di vitamine del gruppo B assieme a sostanze fitochimiche come i flavonoidi». Quali sono i cibi da preferire? «Quelli con proprietà antiossidanti più elevate. In cima alla tabella che abbiamo stilato, svettano i fagioli rossi secchi seguiti da fagioli borlotti, mirtilli rossi, carciofi, more, prugne, lamponi, fragole, mele red delicious e granny smith, noci pecan, patate crude (si possono bere sotto forma di centrifugato), ciliegie, fagioli neri, mele gala, noci, mele red delicious, golden e fuji, datteri e avocado».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Infine, è importante consumare verdure dal sapore amaro (come carciofi, radicchi e tarassaco) che contengono principi protettivi e in grado di stimolare le funzioni naturalmente depurative del fegato.

Germogli di vitalità

Un altro trucco consiste nell’aggiungere ai piatti crudi e cotti erbe aromatiche ad azione depurativa: aneto (diuretico, depurativo, antigrasso), crescione (ricco di provitamina A, vitamine B e C, ferro, iodio e zolfo, si può tritare e mixare con una punta di senape per insaporire i piatti rinunciando a olio e sale), fieno greco (diuretico, rivitalizzante e ricostituente grazie al contenuto in vitamina B3) e scalogno (antigonfiore, aiuta ad eliminare i ristagni di tossine e liquidi).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Un aiuto validissimo sono i germogli: non solo disintossicano, ma risvegliano la rigenerazione cellulare. Il processo di germinazione innesca importanti modifiche in tutti i semi: migliora la qualità delle proteine (attraverso un aumento degli amminoacidi essenziali); aumenta notevolmente la quantità delle vitamine A, C e del gruppo B; migliora la biodisponibilità dei minerali (ferro in particolare).

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Per beneficiare del loro effetto booster basta assumerne una cucchiaiata tre volte al giorno: i germogli si possono centrifugare con altre verdure a colazione; aggiungere ai contorni, utilizzare come condimento per i primi piatti (per esempio dopo averli frullati con polpa di avocado); sono ottimi centrifugati come aperitivo o aggiunti nelle zuppe, a fine cottura. Quali semi si prestano alla germogliazione casalinga? Tutti! Ma i più facili da ottenere sono quelli di frumento, erba medica, alfalfa, miglio, crescione, fagiolo, fieno greco, grano saraceno, lenticchie e senape.

10 piccoli pasti

Come consumare i cibi detox? «Il trucco è fare 10 mini-pasti al giorno, trasformando i vegetali in creme, centrifugati e secondi piatti», spiega il dottor Maurizio Grassetto, specialista in Scienza dell’alimentazione e direttore sanitario dei centri benessere dei GB Thermae Hotels. «Così lo stomaco non rimane mai vuoto e non si ha fame. In una settimana il corpo si purifica e alleggerisce; gli organi digestivi vengono messi a riposo e i risultati si vedono: vi sveglierete con la lingua “pulita” e un fresco senso d’energia, mentre la pancia – dopo un primo senso di gonfiore - si appiattirà e la pelle apparirà più luminosa».

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come si procede? In due fasi, sempre sotto la guida di un medico o di un nutrizionista: «Si inizia con un weekend di semidigiuno liquido a base di centrifugati e frutta, per risvegliare l’attività dei reni e dell’intestino. Poi, durante la settimana, si segue questo programma giornaliero: sveglia con 1 bicchiere d’acqua oligominerale alcalina (pH superiore a 7), colazione con un centrifugato di carote e mele, alle 11 e alle 17 una spremuta, prima di cena un centrifugato di sedano e carote. Iniziare i pasti principali con 250 g di mele o frutta di stagione senza buccia, proseguire con una crema d’ortaggi, una ciotola di riso basmati e un contorno di verdure crude e cotte condite con succo di limone, un filo d’olio extravergine d’oliva e poco sale.

Coccole per gli organi

Per favorire i processi digestivi e quelli di eliminazione delle scorie, è essenziale aiutare gli organi emuntori con attivi che stimolano la funzionalità epatobiliare, la motilità intestinale e le funzioni renali. Le erbe, da secoli regine in questo campo, si possono consumare sotto forma di tisane.

Per fegato e intestino

Fatevi preparare questo mix dall’erborista: 30 g di tarassaco, 15 g di carciofo, 20 g di bardana, 15 g di boldo e 15 g di salsapariglia. Portate a ebollizione una tazza d’acqua, versatevi 1 cucchiaio raso di tisana, fate bollire per tre minuti, spegnete e lasciate in infusione per altri cinque. Filtrate, addolcite con miele e sorseggiate alla sera prima di dormire. Oltre a depurare e rinfrescare l’organismo, ha un lieve effetto lassativo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Per i reni

Vi serve un mix composto da un terzo di barbe di granturco, un terzo di uva ursina e un terzo di gramigna. Portate a ebollizione una tazza d’acqua, versate un cucchiaio di tisana, spegnete il fuoco e lasciate in infusione per 5-6 minuti. Filtrate e bevete al mattino appena svegli o a metà pomeriggio, per stimolare l’attività depurativa dei reni.

Getty Images

L’acqua che purifica

Fresche, dissetanti, ricche di sali minerali, vitamine e attivi naturali che aiutano a depurare e stimolare l’organismo. Sono le acque detox, preparate con
frutta e verdura fresca lasciata a macerare in acqua minerale scelta a seconda dell’effetto che si desidera ottenere. Gli ingredienti? Frutta dalle proprietà antiossiodanti e depurative mixata a piacere: limone e pompelmo, cetriolo e finocchio, kiwi e ananas, fragole e mirtilli. Per insaporire: pezzetti di radice di zenzero
o foglioline di menta. Basta tagliare i vegetali a pezzi in una brocca di vetro e poi aggiungere acqua minerale fredda. Lasciati ben coperti in frigorifero per tutta
la notte, si trasformano in un drink sano e rinfrescante, da sorseggiare per tutto il giorno. Per amplificare i benefici, si possono scegliere acque minerali dalle proprietà specifiche: ricche di bicarbonato per facilitare i processi digestivi; sulfuree per la loro
azione antiossidante; con quantità di magnesio elevate per facilitare il lavoro dell’intestino.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Diete