Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Le tappe dello sviluppo del bambino: guida completa alla crescita dei neonati dalla nascita ai 18 mesi

Il suo sviluppo è sorprendente. E in gran parte è grazie a te, che gli dai da mangiare, che favorisci il suo riposo, lo stimoli etc.

Travis Grossen/ Unsplash

Le tappe dello sviluppo del bambino: guida completa alla crescita dei neonati dalla nascita ai 18 mesi.

Come sta crescendo!

I neonati tendono ad avere una lunghezza tra i 48 e i 52 centimetri e un peso tra i 3200 e i 4000 grammi. Se alla nascita il tuo bambino misurava 50 cm e pesava 3.500 g, sarai sorpresa di sapere che a 5 mesi avrà quasi raddoppiato il suo peso e che im 1 anno può raggiungere i 75 cm di altezza. In ogni caso, non ossessionarti e non pesare o misurare il bambino ogni settimana.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Controlli periodici

Per controllare la sua crescita, sono sufficienti le visite effettuate dal pediatra e dall'infermiera nei centri di salute. Di norma, vedono il bambino tra 7 e 15 giorni dopo la nascita, il successivo appuntamento è tra 15 e 30 giorni e poi lo vedranno a 2, 4, 6, 10, 15 e 18 mesi. L'infermiera misura il bambino, lo pesa, controlla la sua circonferenza cranica e registra i risultati nelle tabelle percentili (maschili o femminili), per verificare che il ritmo di crescita sia normale. "La curva della lunghezza deve essere sempre crescente. Ma il peso può avere fluttuazioni", spiega Verónica Gómez, infermiera. Nei primi sei mesi i controlli sono più frequenti al fine di controllare il peso e assicurarsi che lo stato nutrizionale del bambino sia buono. Se la nutrizione non è corretta e non aumenta di peso, a lungo andare può influire anche sull'altezza", afferma Beatriz García Cuartero, endocrinologa pediatrica dell'Ospedale Severo Ochoa di Madrid.

Quanto misurerà il mio bambino?

La dimensione con cui nasce il bambino non indica la statura che raggiungerà maggiore: "Questa dimensione dipende esclusivamente da fattori materni, vale a dire, la dimensione della cavità uterina e la nutrizione che ha avuto durante il periodo fetale", spiega l'endocrinologa. Quindi, non pensare che se è un neonato grande sarà un adulto alto, o che se è piccolo sarà basso. Ci sono bambini che crescono molto nei primi due anni e poi meno. Ad esempio, i bambini provenienti dai paesi sudamericani tendono ad essere più grandi e più grossi, ma dopo 2 anni la loro crescita rallenta, quindi sono più bassi dei bambini spagnoli. "Questo è dovuto a fattori genetici e alle diverse abitudini alimentari sin dalla nascita", spiega Verónica Gómez.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

La crescita del bambino dipende da fattori intrinseci (geni, ormoni) e fattori ambientali (nutrizione, salute, esercizio fisico, affetto, ecc.). I geni determinano la sua altezza massima, ma raggiungerla o meno dipenderà da altri fattori come prevenire le malattie, seguire una dieta adeguata, dormire abbastanza o sentirsi amato. Pertanto, se i genitori sono bassi, è molto probabile che anche il bambino lo sia, ma potrebbe superare le misure dei genitori se le condizioni ambientali saranno favorevoli.

E per quanto riguarda il peso?

Quello che ha raggiunto alla nascita non determina ciò che sarà da grande. In questo caso incidono i fattori ereditari (la costituzione dei genitori), ma i fattori ambientali (dieta, esercizio, autostima...) sono ancora più determinanti. Infatti, ci sono bambini e adolescenti che sono obesi non perché hanno ereditato i geni dei loro genitori, ma a causa di abitudini alimentari scorrette e di uno stile di vita sedentario.

Curve percentili

Precisiamo: ciò che conta è che il tuo bambino guadagni lunghezza e peso in modo costante e armonico, il che si rifletterà nel grafico dei percentili.

Così si valutano

Per capire questi grafici, immagina di allineare 100 bambini con dimensioni e pesi diversi (tutti all'interno del "normale", statisticamente), dal più alto al più basso, o da quello che ha il peso maggiore a quello che ne ha meno. E immagina che tuo figlio sia uno di loro.

Se si trova nel 97° percentile di altezza, significa che ci sono solo tre bimbi più alti di lui (che, peraltro, sono fuori dalle curve "normali", che vanno da 3 a 97). E se è nel 25° percentile di peso significa che 75 bambini pesano più di lui, e 24 pesano di meno.

Cosa incide sull'alimentazione nello svezzamento

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

I bambini di oggi nel nostro paese sono più alti di quelli di decenni fa principalmente a causa di fattori nutrizionali. "La dieta della popolazione è migliore ora di quanto non fosse 40 o 50 anni fa. E lo è anche il controllo della salute e la prevenzione delle malattie", afferma l'endocrinologa Beatriz García Cuartero. Ecco perché è molto importante seguire le raccomandazioni fornite dal pediatra o dall'infermiera in merito alla nutrizione e alla cura del bambino.

Buone linee guida

La cosa consigliabile è che tu gli dia il seno fin da quando nasce e che lo allatti a richiesta (quando il bambino ha fame). Non essere preoccupata per il fatto che lui sia ben nutrito o meno: il latte materno è il cibo migliore per il tuo bambino. Inoltre, se lo specialista rileva nelle visite che è necessario integrare la sua dieta, te lo dirà. "Si sa che c'è bisogno di una integrazione quando c'è una stagnazione nella curva del peso", spiega Verónica Gómez. Va tenuto presente che i bambini nutriti con l'allattamento al seno possono avere peso e altezza inferiori a quelli nutriti con latte artificiale e che dopo circa 6 mesi la crescita nei bambini viene eguagliata dall'introduzione dell'alimentazione complementare. Tuttavia, ciò che conta davvero è la progressione continua delle curve di crescita, vale a dire che il bambino cresca e prenda peso rimanendo in un percentile più o meno stabile, senza improvvisamente passare ad un altro molto più basso o più alto.

E quando arrivano i nuovi alimenti...

Fino a quando non raggiungerà i 6 mesi, il tuo piccolo sarà nutrito solo con latte e da quel momento dovrai includere altri alimenti nella sua dieta. Introduci prima i cereali senza glutine, poi i passati di verdure e carne, i frutti, in seguito i cereali con il glutine, il pesce bianco e l'uovo (le linee guida su come e quando introdurli nella dieta del tuo bambino te le daranno il pediatra o l'infermiera), così che quando avrà 1 anno sarà in grado di mangiare quasi tutto.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Certamente, il latte continuerà ad essere un alimento molto importante perché fornisce calcio, un minerale essenziale per la crescita. Il bambino dovrebbe prenderne mezzo litro al giorno (compresi altri latticini), cioè due bicchieri grandi. Per calcolarlo, tieni presente che un bicchiere di latte equivale a 2 yogurt, a una "cagliata" o a due formaggini o 40 g di formaggio magro o 80 g di formaggio tipo burgos.

Non metterlo a dieta!

Ci sono bambini che crescono paffutelli, ma gli specialisti di solito non vedono questa situazione come un problema. "Nei primi 18 mesi alcuni possono essere grassi, senza presentare alcuna alterazione della base, normalizzando il loro peso quando imparano a camminare", dice l'endocrinologa.

I genitori dovrebbero incoraggiare il bambino a giocare e fare esercizio fisico, ma non a seguire una dieta. "Se i bambini hanno un'obesità significativa, consigliamo ai genitori di non superare la quantità di alimenti giornalieri raccomandati per la loro età, di ridurre l'assunzione di cereali nella pappa, sempre sotto la supervisione del pediatra, e di incoraggiarli a muoversi", sottolinea Beatriz García Cuartero.

Altri fattori importanti

Crescere un bambino non vuol dire solo nutrirlo e metterlo nella culla, devi parlare con lui, dargli affetto e fargli sentire che sei con lui", consiglia l'endocrinologa. Pertanto, l'affettività, l'amore e il contatto sono fondamentali. Infatti, le unità neonatali stanno imponendo la canguro-terapia, attraverso la quale le madri (e anche i padri) mettono il neonato prematuro sul petto, pelle a pelle, dal momento che è noto che questa pratica favorisce la maturazione e la crescita.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il sonno, fondamentale

Ma oltre a dare amore e seguire buone abitudini alimentari e di igiene, è importante che il bambino si muova e sia attivo (non deve stare tutto il giorno nel passeggino) e che tu faccia attenzione al suo riposo. Non dimenticare di stabilire una routine al momento di andare a letto, poiché la produzione di ormone della crescita è maggiore durante la prima fase del sonno. E ricorda che riposare abbastanza ore non solo li aiuta a crescere "in altezza", ma può anche prevenire l'obesità (il 7% dei bambini tra 3 e 5 anni sono obesi e l'11% è sovrappeso, secondo la Fondazione spagnola di nutrizione). Diversi studi sottolineano la relazione tra obesità e mancanza di sonno, associando la privazione del riposo a una maggiore assunzione di cibo nel giorno successivo. E altri studi collegano la mancanza di attività fisica durante il giorno con un cattivo riposo notturno: lo stile di vita sedentario peggiora la qualità del sonno perché il bambino non si stanca abbastanza. In breve, "il tuo bambino dovrebbe giocare e divertirsi, fare esercizio fisico, dormire le ore giuste e mangiare bene. È ottimale per la crescita", afferma García Cuartero.

Sviluppo psicomotorio

Oltre a monitorare che altezza e peso siano corretti, è anche importante controllare lo sviluppo psicomotorio. Questa è l'evoluzione generale dei bambini, ma ricorda che ogni bambino ha il suo ritmo e che non devi preoccuparti se il tuo non soddisfa questi riferimenti alla lettera. In ogni caso, se qualcosa ti preoccupa, dillo al pediatra, che ti dirà se tutto sta andando bene.

- Da 0 a 3 mesi. Dai primi giorni riconosce la tua voce e il tuo odore. Mettilo sul tuo petto così che possa sentire il battito del tuo cuore. A 2 mesi forse ti seguirò con gli occhi se gli parlerai mentre ti muovi. A 3 mesi, riesce a sollevarsi sulle braccia e ad alzare la testa se lo metti a pancia in giù. Posizionalo così per pochi minuti (solo quando è sveglio).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

- Da 3 a 6 mesi. Gioca mettendolo sopra di te, ridi, solleticalo... Sorride? Presto riderà forte. Offrigli dei giocattoli per fargli cercare di prenderli e mettilo a pancia in giù (occhio, mai quando dorme) sul pavimento su una coperta in modo che impari a girarsi.

- Da 6 a 9 mesi. Dagli giocattoli da manipolare e per scoprire trame e suoni. E durante il giorno, sdraialo sulla coperta sul pavimento per un po', a pancia in giù, mettendogli davanti un giocattolo perché lui cerchi di gattonare e raggiungerlo.

- Da 9 a 12 mesi. Forse gattona, il che giova al suo sviluppo psicomotorio. Inoltre, essere in grado di muoversi e scoprire "nuovi orizzonti" gli apre la mente. Incoraggialo a esercitarsi in un ambiente sicuro. E dagli i suoi giocattoli con i quali può costruire torri e mettere cubi l'uno dentro l'altro.

- Dai 12 ai 18 mesi. A questa età molti cominciano già a camminare, aggrappati ai mobili e poi si lasciano andare. Stai davanti a lui, chiamalo e prendilo, così acquisisce sicurezza. Lascialo mangiare con il suo cucchiaio in modo che diventi più autosufficiente. Non dimenticare di giocare con la palla: lanciagliela e digli di restituirtela: gli insegnerà a coordinare molti movimenti. Soprattutto, rendilo felice.

E se non cresce bene?

"Le alterazioni più frequenti che influenzano la crescita nei primi 18 mesi sono le carenze nutrizionali e affettive per problemi sociali, le alterazioni genetiche (bambini con sindromi), cardiopatie congenite (dalla nascita), le malattie metaboliche e l'insufficienza renale" spiega Beatriz García Cuartero. E anche la celiachia può manifestarsi con un'alterazione della crescita.

Eccezionalmente può esserci un deficit nella secrezione dell'ormone della crescita o una condizione come la sindrome di Turner, che richiederà la somministrazione dell'ormone della crescita. Questo ormone viene iniettato sottocute ogni sera e, di norma, i genitori lo fanno a casa. È un trattamento che richiede un rigoroso controllo analitico del sangue, ogni 4 o 6 mesi, tra le altre misure.

Il caso di bambini prematuri Alcuni bambini, come i bambini prematuri, che nascono troppo presto, hanno una crescita inferiore rispetto agli altri, cosa che di solito si risolve col tempo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Benessere