5 consigli molto intimi e molto utili che miglioreranno la tua sensibilità (e la sua)

Tutti gli accorgimenti da mettere in atto per preservare l'igiene, stimolare la percezione e archiviare fastidi e infiammazioni

image
Rodolfo Sanches Carvalho / Unsplash

L'igiene intima sia maschile che femminile è molto importante per prevenire le infezioni e i piccoli fastidi, che possono avere un impatto non solo sulla vita quotidiana ma anche sulla sfera sessuale (e il benessere della coppia). Del resto si sa, con l'arrivo della primavera, anche grazie all'aumento dei livelli di dopamina e alle variazioni dei livelli ormonali, l'organismo va incontro a grandi cambiamenti che coincidono anche con un maggiore desiderio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come ha spiegato il dottor Enrico Semprini, ginecologo e immunologo riproduttivo: «Molte donne tollerano ripetuti episodi di infezioni genitali o delle vie urinarie, come se questi inconvenienti fossero una normale componente della loro vita sessuale. In realtà il tratto genitale è designato per natura alla vita sessuale e queste infiammazioni hanno quasi sempre un'origine infettiva, che deve essere diagnosticata e curata. La vagina ha caratteristiche anatomiche e microbiologiche che la portano a essere un eccellente terreno di crescita per le infezioni fungine».

Per questo motivo, per ridurre la frequenza delle infezioni, è necessario osservare una rigorosa igiene intima quotidiana femminile. Senza dimenticare ovviamente controlli periodici dal ginecologo «quando insorgono vaginiti o cistiti che richiedono una diagnosi e una terapia risolutiva».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Igiene intima maschile e femminile: 5 consigli

Per mantenere le nostre parti intime in perfetta salute il dottor Semprini consiglia 5 buone pratiche da tenere sempre a mente:

1. Cambiare subito gli indumenti bagnati

Dato che le infezioni si sviluppano solo in presenza di umidità bisogna evitare il contatto prolungato con gli indumenti bagnati (ad esempio il costume da bagno in spiaggia o in piscina). Stessa regola durante il ciclo mestruale: è consigliabile cambiare l'assorbente almeno due volte al giorno.

2. Scegliere la biancheria intima giusta

La biancheria intima deve essere di cotone e va cambiata rigorosamente ogni giorno. Il lavaggio a mano o in lavatrice può essere eseguito anche a basse temperature, per eliminare i residui su cui possono sopravvivere batteri e virus da contatto. I soggetti allergici devono scegliere detersivi semplici senza profumo o ammorbidenti, per ridurre il rischio di allergia da contatto.

3. Lavarsi le parti intime almeno una volta al giorno

Il lavaggio quotidiano deve essere effettuato scegliendo prodotti detergenti delicati: la vagina sana ha un ph acido (4,5) che riduce la crescita batterica, per questo anche i saponi liquidi per l'igiene intima devono avere lo stesso tipo di ph. E' necessario anche lavarsi dopo ogni minzione o evacuazione: «Il comune sapone può andare bene se l'uso è personale, in quanto eventuali scaglie cornee possono essere terreno di crescita per batteri o virus. Un dispenser di sapone liquido può essere una soluzione per ovviare a questa possibile forma di contaminazione, ma deve contenere prodotti specifici per l'igiene intima, perché i normali detergenti contengono tensioattivi molto aggressivi che possono disidratare eccessivamente le delicate mucose genitali».

4. Asciugarsi con cura

In seguito al lavaggio le parti intime devono essere asciugate correttamente (vedi il punto 1).

5. Lavarsi sempre le mani

Prima di toccare le aree genitali bisogna sempre lavarsi le mani, e bisogna ricordarsi dell'igiene intima specialmente prima e dopo un rapporto sessuale, e questo vale sia per lei ma anche per lui.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo