Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

15 domande a Tania Cagnotto, atleta hair addicted

La campionessa di tuffi che lava i suoi lunghi capelli in un modo speciale, si concede una birra e consiglia la danza classica

Orgoglio nazionale, Tania Cagnotto, prima donna italiana ad aver conquistato una medaglia mondiale nei tuffi, ha di recente aggiunto ancora tre medaglie d'oro al suo medagliere salendo sul gradino più alto del podio agli Europei di nuoto e tuffi 2016, per le specialità Trampolino 1 mt, Trampolino 3 mt, Trampolino sincro.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ora l'aspetta la sfida più grande: partecipare alle Olimpiadi di Rio che inizieranno il 5 agosto 2016.

Molto impegno, molto lavoro, molto allenamento e tantissime ore in acqua (clorata, perdipiù). Come concilia Tania questa attività con la bellezza di pelle e capelli?

Lo abbiamo chiesto direttamente all'interessata, da poco testimonial di Simply Gloss Nika Beauty Experience, un prodotto in spray che esalta i riflessi dei capelli naturali o colorati, mentre li nutre e li ammorbisce.

15 domande a Tania, regina dei tuffi

1. Ciao Tania, subito una curiosità: quante ore passi in acqua?

Circa 4 ore al giorno.

2. Nonostante lo sport acquatico che ti tiene in vasca tutti i giorni per molte ore, hai scelto di non tagliare i capelli, anzi… li hai mantenuti extra-lunghi, come ti organizzi per averli belli e in ordine?

Amo i miei capelli, sono l'espressione della mia femminilità, quindi li proteggo e li tratto con dolcezza. Prima di entrare in acqua applico sulle punte e sulle lunghezze un po' di olio protettivo. Dopo la piscina, li sciacquo solo con acqua dolce e li lavo con il balsamo (ndr. è la tecnica del cowash). Evito di fare lo shampoo tutti i giorni. 

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

3. Come li asciughi?

Cerco di lasciarli asciugare all'aria, ma se ho fretta uso semplicemente il phon.

4. In gara non usi la cuffia, e durante gli allenamenti?

Da alcuni anni ho l'abitudine di indossare una cuffia di lattice che mi aiuta a proteggerli almeno in parte dal cloro.

5. Durante le gare, per sentirti più bella, usi il make up?

No, mai, preferisco essere naturale.

6. Dopo le ore trascorse in vasca idrati la pelle?

Assolutamente sì! Il cloro la secca moltissimo: uso tonnellate di crema idratante per il corpo e per il viso, dopo ogni allenamento.

7. Qualche dritta sulla dieta?

Cerco di mangiare sano e leggero in settimana, se voglio concedermi uno sfizio lo faccio durante il week end.

8. Un pranzo tipo?

Se devo tornare in acqua mangio una pasta in bianco con il tonno e tanta verdura, se invece devo fare allenamento con i pesi, posso mangiare una fettina di carne o prosciutto crudo o bresaola e sempre tanta verdura. La frutta solo dopo l'allenamento, perché a fine pasto mi gonfia.

9. Pane, crackers, grissini…

Mangio pane o sostituti del pane solo in abbinata con cibi proteici come carne o simili. Se mangio la pasta, non mi faccio tentare dal pane.

10. Usi integratori alimentari?

Sì, quelli della Vegetal Progress, un'azienda che mi segue da anni, sono prodotti a base totalmente naturale. E quando sono in trasferta, se non trovo qualcosa di adeguato da magiare, uso le barrette. Per favorire il recupero muscolare, invece, prendo gli aminoacidi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

11. Il tuo rapporto con gli alcolici?

Non li bevo, mi concedo solo una birra ogni tanto. Gli alcolici ingrassano e infiammano, quindi se c'è un'infiammazione, anche piccola, ne ritardano la guarigione. Eppoi, se si vogliono scongiurare infortuni durante l'attività fisica, anche non agonistica, meglio evitare l'alcol.

12. La tua tabella di marcia per l'allenamento quotidiano?

La mattina dalle 9 alle 12,30 si fa acqua, il pomeriggio dalle 15 alle 16,30 ginnastica in palestra e fino alle 18 acqua. In alternativa, il pomeriggio si fa solo pesistica in palestra o si va in campo d'atletica.

13. Solo pesi? Niente cyclette o tapis roulant…

No, perché per la nostra disciplina serve lo scatto, la potenza. Se faccio corsa è solo per scatti di rapidità sui 100 metri (solo a settembre corro su tempi lunghi per buttare giù qualche chilo…).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

14. Per il nuoto, l'allenamento è diverso?

Sì certo, perché il nuoto è uno sport di resistenza mentre il nostro è solo di potenza.

15. Qual è il segreto per essere così eleganti durante il tuffo? A volte sembra una danza…

Bisogna curare l'armonia del movimento. Alcune colleghe, infatti, praticano anche la danza classica, proprio per curare i dettagli. Io ho la fortuna di essere elegante e pulita di mio, per cui non ho bisogno di fare danza, ma ad esempio, ci sono bambini che non hanno il collo del piede arcuato al punto giusto e a loro servirebbe proprio fare un corso di danza classica.

Grazie Tania! Tiferemo tutte per te alle prossime Olimpiadi!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo