Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Troppi selfie fanno venire le rughe!

Lo sapevi che le radiazioni dello schermo del cellulare hanno un effetto dannoso sulla pelle? Ce lo spiegano gli esperti, consigliando anche i prodotti giusti per combatterlo

Getty Images

Scattarsi tanti selfie può causare le rughe: parola dei dermatologi  intervenuti alla Face 2016 (Facial aesthetic conference and exhibition) che si è tenuta a metà giugno a Londra. «Chi si fa tanti selfie e i blogger dovrebbero preoccuparsi», afferma il dottor Simon Zokaie, direttore della Linia Skin Clinic. «La luce blu emanata dagli schermi può danneggiare la nostra pelle. Penso che nel mercato dei prodotti dermoprotettivi ci sia una lacuna, dal momento che conosco molte persone che si scattano selfie a ripetizione, blogger compresi, che vengono da me: la loro pelle è rovinata e presenta segni d'invecchiamento. Si tratta di una diversa lunghezza d'onda delle radiazioni che le protezioni solari non possono bloccare».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cellulari nemici del benessere

Non è l'unico brutto scherzo che ci giocano i nostri smartphone, responsabili anche dei dolori al collo e alla schiena, dovuti al fatto di guardare in basso verso gli schermi, o delle macchie sulla pelle, in quanto i telefonini sono pieni di batteri che ci spalmiamo letteralmente sul viso. Tutti questi fattori portano ad avere effetti deleteri sul nostro aspetto. «Nella mia osservazione clinica, posso subito dire se il paziente usa la mano destra o quella sinistra per tenere il telefono», chiosa il dottor Zein Obagi. «Su un lato del volto, infatti, si nota l'opacizzazione della pelle e la texture appare sporca».

Quali prodotti ci vengono in aiuto

Per fortuna il dottor Zokaie ha detto che le aziende stanno cercando di colmare questo gap tra i prodotti per la protezione della pelle, ma nel frattempo, tenendo presente che non è il caso di passare ore a fissare il proprio telefono giocando con le immagini, ci sono alcuni prodotti che si possono usare con buoni risultati. Ecco un breve elenco.

1. Come idratante si può usare Revitalift Magic Blur Anti-Ageing Moisturiser di L'Oréal Paris, che permette di diminuire immediatamente i sottili solchi del viso.

2. Per evitare i pori dilatati si può far ricorso al Pore Refining Solutions Instant Perfector di Clinique, una crema gel che crea un velo morbido sulla pelle ed elimina eventuali imperfezioni.

3. Per il make up si può applicare un prodotto come il  Flash Photo Powder – Estée Edit di Estée Lauder su viso, collo e décolleté: grazie ai suoi pigmenti blu riflette la luce e mantiene il colorito naturale dinanzi all'obiettivo, senza sembrare lucide.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

4. Per occhiaie e rossori è utile il correttore Boi-ing di Benefit Cosmetics disponibile in due tonalità, per coprire borse e occhiaie.

5. Per la protezione in generale il dottor Zokaie spiega che la miglior difesa è rappresentata dagli antiossidanti: un prodotto come C E Ferulic di SkinCeuticals è testato clinicamente per proteggere la pelle dai danni dei radicali liberi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo