Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

L'olio di prugna su pelle e capelli è una vera bomba (molto molto meglio dell'olio di cocco e di argan)

Ricco di acido oleico, acido linoleico, vitamina A e E, è un importante alleato per la nostra pelle

Sharon McCutcheon / Unsplash.com

L'olio di prugna (conosciuto anche come olio di semi di prugna o olio di nocciolo di prugna ndr) è un olio vegetale spremuto a freddo, estratto dal cuore della susina, ovvero il seme contenuto all'interno del nocciolo, caratterizzato da un profumo gradevole e fruttato e da proprietà emollienti e antiossidanti. Ricco di acido oleico, acido linoleico, vitamina A e E, è otto volte più potente dell'olio di argan e sei volte più efficace dell'olio di marula, quando si tratta di proteggere la pelle e i capelli dai radicali liberi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Joanna Kosinska on Unsplash

L'olio di prugna è perfetto per ammorbidire la pelle secca, ruvida e disidratata, ma anche per contrastare l'invecchiamento cutaneo e i segni del tempo. Grazie alle sue proprietà antiossidanti ed elasticizzanti risulta perfetto per le pelli mature, che hanno perso tono ed elasticità, ma anche per quelle più reattive e sensibili. Basti pensare che le sue proprietà anti-infiammatorie e lenitive aiutano a ridurre l'aspetto di gonfiore, irritazione, macchie scure, borse sotto gli occhi, occhiaie, rughe, ma anche eczema e psoriasi. L'olio di prugna può essere usato puro o mescolato ad altri oli vegetali (imbattibile con l'olio di macadamia oppure l'olio di nocciola ma anche con il burro di avocado), aggiunto a creme per il viso o a lozioni per il corpo, oppure arricchito con oli essenziali per preparare un siero anti age o per ottenere un piacevole olio da massaggio emolliente.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Christin Hume on Unsplash

Anche labbra, capelli e unghie possono trarre benefici dall'olio di prugna. In particolare per proteggere e rinforzare la chioma, basta applicarlo sui capelli umidi prima dell'asciugatura, e poi di nuovo sulle punte secche dopo la piega, per un ulteriore effetto di idratazione e lucentezza.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo