Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Perché non dovresti mai truccarti in aereo? La spiegazione (convincente) arriva da una dermatologa

Dalla disidratazione alle eruzioni cutanee, in aereo non dovresti mai non indossare make up (e la tua pelle ti ringrazierà)

areo cosa non fare make up
Killian Pham / Unsplash.com

Questa volta Instagram non ci aiuterà. Se si rivela essere una cartina tornasole per i trend dei costumi da bagno più stilosi, una giusta motivazione per non toppare la prova costume (again), e una guida turistica 2.0 al passo con i tempi (social), questa volta Instagram non ci salverà. Proprio come abbiamo imparato per il perfetto look da viaggio (che per essere davvero comodo, non farci prendere troppo freddo e evitare milioni di microbi deve essere più comfy che modaiolo), le foto di celebs super fashion con heels e minigonne in cabina non sono da prendere come esempio. Lo stesso vale per il loro make up da red carpet ad alta quota. Absolutely not. Perché il trucco in aereo non fa bene alla pelle, parola di esperti. In primis, le cabine hanno normalmente bassi livelli di umidità (secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il livello sarebbe inferiore al 20% ndr), il che può causare non solo secchezza della pelle e delle labbra, ma anche difficoltà a chi indossa le lenti a contatto. In pratica, l’ambiente secco è già un problema per la pelle senza che ci si metta pure il trucco a peggiorare la già delicata situazione. Sarebbe quindi meglio evitare i fondotinta pesanti che non permettono alla pelle di respirare, proprio come le creme con ingredienti a base di silicati, come i filler per le rughe, che tendono a seccare. Approvate invece, le creme idratanti, ancora meglio se con acido ialuronico o le BB cream, che possono aiutare il viso a mantenere l’equilibrio idrolipidico.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Mask on

A post shared by 🦋 (@bellahadid) on

«Non è solo il trucco il problema, è più la combinazione di fattori che si verificano quando saliamo su un aereo», spiega la dermatologa Frances Prenna Jones a harpersbazaar.com. «Il cambiamento della pressione atmosferica e l'aria condizionata influenzano i nostri recettori delle ghiandole sebacee che determinano la quantità di secrezioni che produciamo o non produciamo». La pelle quindi si disidrata e perde elasticità, e il trucco va ad amplificare la situazione già compromessa dall'altitudine. «Questo, oltre al trucco che spesso ha un pesante contenuto simile al talco, blocca le nostre ghiandole sebacee, aumentando la probabilità di un breakout». Conclusioni? Keep calm, per essere belle e curate (e mostrarlo su Instagram) c'è un'intera vacanza.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo