Perché le diete non funzionano (mai) e cosa dovresti fare per dimagrire veramente

La colpa non è tua (magra consolazione)

image
Erol Ahmed / Unsplash.com

Dimagrire non è impossibile. Se la motivazione c'è, l'aiuto di un bravo dietologo o nutrizionista pure, vedere il girovita assottigliato e le maniglie dell'amore scomparire dovrebbe non essere solamente un miraggio. O almeno all'inizio è così. Il difficile in realtà arriva dopo, quando i chili in più sono stati persi e l'obiettivo è mantenere la forma fisica raggiunta con tanti sacrifici e scongiurare l'effetto yoyo. Che puntualmente arriva. Perché come spiega Kevin Klatt, esperto di Scienze della Nutrizione a Self.com i numeri parlano chiaro: 1 persona su 2 in tutto il mondo ha almeno una volta nella vita intrapreso una dieta dimagrante, e quasi la totalità ha ripreso i chili persi nei cinque anni successivi (due terzi in un anno). Ma la colpa non è solo della scarsa forza di volontà, ma nel concetto stesso di dieta. Magra consolazione. Perché se esistesse la dieta perfetta forse il problema chili di troppo sarebbe definitivamente risolto e non ci sarebbe la necessità di trovarne-provarne subito una nuova. Mentre ti documenti sulla dieta del brodo, la Dieta Dash o la Paleo, presto ci sarà un’altra dieta innovativa da provare e di cui parlare, e poi un’altra ancora. É matematico. Perché se una di queste avesse funzionato, sarebbe sopravvissuta e rimasta attuale nonostante il passare del tempo. Secondo Klatt, tutte le diete non funzionano e sono destinate a fallire perché una dieta comporta una serie di cambiamenti biologici e fisici che non dipendono in alcun modo dall'autocontrollo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
i yunmai/Unsplash

In poche parole nel lungo termine, restare a dieta è effettivamente impossibile e quindi non è colpa tua se per l'ennesima volta hai recuperato i chili persi, ma di una serie di cambiamenti che entrano in gioco una volta che si intraprende una dieta, qualsiasi essa sia. Il cervello di una persona a dieta, non solo nota più facilmente il cibo, ma lo desidera anche di più. Un croissant diventa più appetibile e resistergli diventa ancora più difficile. La risposta del cervello alla restrizione calorica tende quindi ad aumentare il desiderio di cibi altamente gratificanti riducendo di fatto la percezione di sazietà. In pratica, anche gli ormoni giocano un ruolo importante. Quando si perde peso l’equilibrio ormonale cambia, gli ormoni che di solito contribuiscono a darci una certa sensazione di pienezza diminuiscono, e aumentano quelli che invece ci fanno sentire affamati. Anche il metabolismo durante la dieta rallenta, così che il corpo si abitua a bruciare le calorie molto più lentamente. In sintesi, si mangia di meno ma si brucia anche di meno.

Jon Tyson/Unsplash
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Quindi la dieta non è tutta determinazione e gli effetti si vedono proprio nel lungo periodo. Ci sono mille variabili psicologiche che possono rendere le diete inefficaci e vanificare gli sforzi fatti (fame nervosa ti dice qualcosa?). Il fatto di essere a dieta e non poter mangiare la quantità di cibo che si desidera, o dover eliminare drasticamente tutti gli alimenti preferiti, induce alcune persone a desiderare una dose ancora più abbondante e generare un’immagine ossessiva di tutti i piatti proibiti. Combattere avendo come alleata solo la forza di volontà è una battaglia persa in partenza. La maggior parte delle diete, infatti, sono strutturate con obiettivi a breve termine e insostenibili. Le diete spesso falliscono perché «hanno un endpoint e non sono veri e propri cambiamenti nello stile di vita», come spiega Katt. Naturalmente, molti di noi desiderano che la perdita di peso a lungo termine sia semplice come seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati per sei settimane, ma gli studi e l'esperienza suggeriscono che questo approccio è destinato a fallire nella maggior parte dei casi. Mantenere uno stile di vita sano senza imporsi obiettivi irraggiungibili e concedendosi molto di più di quello che pensi, potrebbe essere la (parziale) soluzione. Ma una dieta che davvero funzioni, ricorda, non esiste e la colpa non è tua.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo