Abbronzatura sì ma naturale grazie ai consigli dell'esperto e alla crema solare adatta al tuo tipo di pelle

Impara a conoscere la tua pelle coi consigli dell'esperta. E sarà subito abbronzatura impeccabile

image
Getty Images

Il caldo è tornato: non vediamo l’ora di godere della stagione estiva in arrivo. Con il conto alla rovescia alle vacanze estive, non facciamo che pensare ai bikini di tendenza e gli occhiali da sole in perfetto stile diva. Ma c’è una cosa che anche quest’anno non dovremo mai dimenticare di portare in riva al mare: la crema solare. Proteggerci dai raggi UV non è un optional: è fondamentale. Ma vi siete mai chieste se la protezione solare che scegliete è quella esatta per la vostra pelle? In realtà, acquistare il fedele alleato della nostra abbronzatura da star è molto più semplice di quanto sembri. Bastano questi pochissimi accorgimenti!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

1. Che fototipo sei?

Sì, che tu sia una tipa da spiaggia non ci sono dubbi. Ma che fototipo sei? Chi impara a conoscere la propria pelle non solo non fa errori ma si abbronza anche bene e meglio. Come ci spiega Paola Bazzea, esperta skincare di Medik8 Italia, “il fototipo è la classificazione della pelle basata sulla qualità e quantità di melanina presente”. Della melanina avrete sentito parlare certamente spesso, è l’insieme dei pigmenti della pelle che la nostra esperta classifica così: “Esistono sei categorie di pelle: dalla più chiara, che necessita di accorgimenti sia prima che durante l’esposizione al sole, a quella più scura che invece ha già le sue difese fisiologiche per resistere ai raggi solari”. E sia ben chiaro: guai a chi si ricorda di proteggere la pelle soltanto in vista delle vacanze al mare. Anche prima del fondotinta, nella nostra make-up routine mattutina, dobbiamo applicare una crema viso con filtro solare: “La crema con fattore di protezione deve essere applicata tutto l’anno – spiega l’esperta - perché i raggi solari sono la prima causa dell’invecchiamento cutaneo, oltre che causa di tumori della pelle da cui dobbiamo e vogliamo proteggerci”. Quindi, se il discorso anti-age ci fa piacere, tenere alla larga le problematiche della pelle con entusiasmo e spensieratezza ci piace ancor di più. Olè!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Unsplash

2. Di che fascia di protezione hai bisogno?

La scena tipica è quella di ognuna di noi in profumeria, davanti ad un espositore di creme solari a pensare se è meglio una protezione SPF 20, 30 o persino 50 (“sennò poi mi scotto”). Paola Bazzea ci invita a semplificare il tutto spiegandoci che è meglio parlare di fascia di protezione bassa-media-alta piuttosto che SPF numerico: “La fascia di protezione della crema solare va scelta in base al fototipo e, a seconda del tempo e della durata dell’esposizione al sole, possiamo scegliere di aumentare o diminuire SPF”. Ma ecco la risposta che tutte stavamo aspettando: “Per le pelli più scure con fototipo 4-5-6 è indicata una protezione solare media. Invece, per le pelli chiare e molto chiare con fototipo 1-2-3 è più indicata una crema con fascia di protezione alta”, chiarisce l’esperta. Benissimo, adesso nessuna di noi ha più scuse.

3. Tieni lontani i luoghi comuni

Che nessuna si azzardi a non applicare la crema solare per paura di non abbronzarsi! Paola Bazzea ci mette in guardia: “Si fa spesso l’errore di pensare che più il numero della fascia di protezione è alto meno ci si abbronza: non è così!”. Anzi, dopo aver scelto una protezione solare che la nostra professionista definisce “governabile” – ovvero un prodotto asciutto che non lascia residui e non dà fastidio (non siete le sole a innervosirvi quando la sabbia si attacca alla crema che avete appena steso!) – l’ultimo accorgimento dell’esperta è applicare la protezione ogni due ore. Inutile dire, evitare l’esposizione nelle ore più calde! Pronte per scegliere il vostro solare?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo