I trattamenti mirati per avere la pelle idratata solo l'unica cosa da sapere oggi, domani, sempre

Quanta sete ha la tua pelle? Le coreane, maestre della beauty routine, usano un anello per misurare il grado di umidità della loro epidermide: bere tanta acqua non risolve il problema, segui i nostri consigli per dissetare viso e corpo

image
Yoann Boyer / Unsplash.com

È il principio chiave di ogni beauty routine, l’elemento cardine su cui si gioca la lotta contro i segni del tempo: l’idratazione. Sarà per questo che le coreane, sempre un passo avanti in fatto di innovazione, sono impazzite per un piccolo anello hi-tech (si chiama Wayskin skin analyzer) che, appoggiato al viso, permette di calcolare il grado di umidità della pelle in relazione a quello ambientale. Dopotutto è quello che ci chiediamo quando scegliamo un cosmetico: sarà adatto alle nostre esigenze? Disseterà abbastanza la pelle? Come si fa a capire qual è il nostro personalissimo quoziente d’idratazione? Per trovare le risposte abbiamo interpellato Gloriana Assalti, farmacista e cosmetologa, che ha subito sfatato un luogo comune: «L’80 per cento della nostra acqua risiede nel derma, che per un processo chiamato "respiratio insensibilis" tende a evaporare e, quindi, a lasciare l’epidermide disidratata. Bere tanta acqua non risolve il problema, che invece è legato quasi esclusivamente all’utilizzo di prodotti mirati».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Tecnologia fresh

Le nuove generazioni di cosmetici hanno la capacità di regalare alla pelle un surplus d’idratazione, grazie a formule ipertecnologiche e texture leggerissime. Come Hydrogel Melting Mask di Lancôme, realizzata grazie a ricerche all’avanguardia: si tratta di una bio-matrice acquosa e solubile, che permette di far penetrare ancora più a fondo la stessa quantità di principi attivi di un intero flacone di siero antiage. La soluzione proposta da Chanel, invece, si basa sulla tecnica microfluidica, lanciata qualche anno fa, che oggi si è evoluta nel nuovo Hydra Beauty Micro Liquid Essence e permette di avere oltre 3.000 sfere di attivi in una freschissima sospensione in gel, con mille vantaggi. «In questo caso, i principi oleosi vengono microincapsulati in particelle costituite dallo stesso materiale delle nostre cellule», spiega la dottoressa Assalti. «La cute, così, riconoscendo la “capsula” come sua simile, le consente di passare, permettendo agli oli essenziali stabilizzati di raggiungere integri gli strati più profondi dell’epidermide. Dove stimoleranno la massima risposta antiage».

Getty Images

Menu cosmetici per ogni età

Prima di tutto, come si fa a stabilire quanta sete ha la nostra pelle? «Si può effettuare un check-up cutaneo che evidenzi i livelli di acqua presente nello strato corneo, la quantità di sebo e la sensibilità individuale. Poi, attraverso speciali lampade, si effettua anche una valutazione della qualità del tessuto cutaneo», spiega la dottoressa Assalti. Ma è importante tenere conto che le esigenze della pelle variano con l’età. «Dai venti ai trent’anni è molto importante puntare sulla prevenzione. L’idratazione va combinata con antiossidanti come polifenoli, resveratrolo, licopene e coenzima Q10 che blocchino l’eccessiva presenza di radicali liberi, causa dell’invecchiamento cutaneo. Dai 40 anni, invece, la pelle tende a perdere idratazione più velocemente e diventa necessario puntare su cocktail idratanti su misura: «Scegliete cosmetici che contengano retinolo e vitamina C. Oppure ozonidi, nuove molecole che, oltre ad avere una funzione antiossidante, antistress e decongestionante, agiscono stimolando intensamente i fibroblasti».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Con l’arrivo della menopausa, infine, la cute si impoverisce ulteriormente di acqua e sebo, diventando più sensibile e reattiva. Nasce quindi l’esigenza di abbinare alle creme anche sieri che ne potenzino l’azione, svolgendo un’azione più incisiva. Uno degli attivi più efficaci a questo scopo è la genisteina (un derivato della soia), che restituisce lipidi preziosi e mima l’azione degli estrogeni. E riesce inoltre a promuovere una progressiva ridensificazione, rimediando così al progressivo assottigliamento della pelle provocato dall’invecchiamento. Poi ci sono i peptidi biomimetici, in grado di favorire la neoformazione di collagene e acido ialuronico. Un esempio è il peptide che mima il fattore di crescita epidermico (Epidermal growth factor)e stimola la replicazione delle cellule staminali della pelle, rinvigorendo il turnover epidermico e ridensificando il tessuto che si assottiglia con il passare degli anni.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Pulizia gentile

Ma il capitale d’idratazione va soprattutto preservato con una detersione corretta e delicata per non stressare la pelle: «In caso di pelle sensibile o arida, è meglio evitare prodotti a base di sapone, salviettine struccanti e tonici a base di alcool, per non impoverirla ulteriormente», suggeriscela dottoressa Assalti. «La scelta più sana sono le creme e gli oli detergenti non schiumogeni oppure il classico latte detergente, che non va risciacquato con acqua, ma si elimina con un batuffolo di cotone. Obbligatorio, subito dopo, stendere la crema idratante».

Getty Images

Make up smart

Le scorte d’idratazione si fanno anche con il fondotinta giusto. Non è un caso, infatti, che proprio quelli a base di acqua siano i più desiderati da chi ama un risultato glow e luminoso, con una coprenza naturale e un morbido effetto seconda pelle. La loro caratteristica? La consistenza particolarmente fluida, un mix di pigmenti ultrafini e oli leggeri. «Per applicarli correttamente, è importante non esagerare con le quantità», consiglia Manuele Mameli, makeup artist di Laura Pausini e Chiara Ferragni. «Basta applicarne sul viso tre o quattro gocce, riscaldandole prima sul palmo della mano e stendendole poi con molta cura utilizzando i polpastrelli o un pennello a setole piatte. Una volta creata una base uniforme, il colore si può modulare, aggiungendo qualche altra goccia».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e Corpo