Truccarsi diventa un'impresa facilissima se segui i consigli di questi make up artist

Il trucco è un'arma formidabile, se sai come usarla: ecco una guida completa alla scelta dei prodotti a seconda delle tue esigenze e i suggerimenti dei "pro" per applicarli al meglio

Come truccarsi fondotinta fard
Photo by Melan Cholia on Unsplash

Una cosa è certa: il trucco ci rende tutte più belle in pochi minuti.E allora impariamo come sfruttarlo al massimo. Con le dritte di tre noti professionisti, che spiegano come scegliere i prodotti più adatti alle vostre capacità, che siate alle prime armi o artiste dello smokey. Si parte dalla base, con Donatella Ferrari, national make up artist Armani .

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Base perfetta

Due step essenziali per preparare la pelle al trucco e valorizzare i volumi.

I primer

Perché: uniformano la pelle e rendono più scorrevole l'applicazione dei prodotti successivi.

Quando: Si applicano sempre prima del fondotinta, con le dita.

Texture: il primer in gel rende la pelle levigata stile Photoshop; quello in crema è più protettivo.

Primer Base, Peau Parfaite, Yves Rocher (€ 14,95).

Gli illuminanti

Perché: danno freschezza al viso e creano punti luce che accentuano i volumi (zigomi, palpebra superiore, collo, centro della bocca).

Quando: sempre dopo il fondotinta, con l'applicatore in dotazione.

Il tip in più: la scelta del colore dipende dall'effetto make up; la tonalità passepartout è l'albicocca, che scalda la carnagione.

Click & glow, Lancôme (€ 35).

Quale fondotinta?

È il prodotto must. Perché toglie il grigiore, uniforma la pelle, nasconde le discromie. E può avere un'azione mirata di trattamento: idratante, antiage, illuminante, opacizzante, liftante (o, in generale, leggero)... Le parole chiave sono tre: texture, coprenza, finish. Scegliete il vostro!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Fluido

Per chi è: è il fondo più diffuso e versatile, con strutture più o meno ricche (gli antiage sono molto cremosi) e formule per tutte le esigenze.

Il finish: è coprente, quindi adatto in caso di carnagione spenta e macchie; lascia la pelle elastica e levigata.

Come si applica: il top è stenderlo con il pennello, perché permette di ottenere un risultato uniforme senza usare tanto prodotto (effetto maschera scongiurato). Se ne mette un po' sul dorso della mano e lo si stende dal centro del viso verso l'esterno.

Il tip in più: passate il pennello con il residuo anche sulle palpebre.

Double Wear Nude, Estée Lauder (€ 49).

Compatto

Per chi è: se vi piace la pelle di porcellana (stile Kim Kardashian) questo è il fondotinta per voi; ma in caso di pelle mista o grassa, optate per la versione opacizzante.

Il finish: è il fondo più coprente, particolarmente adatto alla cute secca e sensibile, perché forma un film protettivo long lasting, che scherma bene anche dai raggi Uv.

Come si applica: facile facile, con la spugnetta in dotazione (da lavare con sapone una volta alla settimana).

Il tip in più: vista la texture corposa, scegliete bene il colore per evitare contrasti con il collo e le mani.

Sheer and Perfect Compact Foundation, Shiseido (€ 50).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

In olio

Per chi è: è il preferito da chi non ama il fondotinta. Formulato con oli secchi, non unge ma regala al viso massima luminosità con un effetto davvero nude.

Il finish: è il meno coprente, uniforma l'incarnato con estrema naturalezza, ideale per prolungare l'abbronzatura. Ma non funziona per nascondere le imperfezioni.

Come si applica: con le dita, e l'accortezza di usare poco prodotto e stenderlo bene, partendo dal centro del viso verso l'esterno.

Il tip in più: agitarlo prima dell'uso.

Maestro Fusion Make Up, Giorgio Armani Beauty (€ 55).

Cushion

Per chi è: se la praticità per voi conta più di tutto, questo è il vostro fondo. Ha il vantaggio che potete modularne la coprenza e usarlo facilmente per i ritocchi durante la giornata.

Il finish: la luminosità è il suo punto forte, in più confort e leggerezza.

Come si applica: usate la spugnetta in dotazione, considerando che più la si preme sul cuscinetto, più prodotto si preleva.

Il tip in più: se lo sguardo è affaticato a fine giornata, usatelo pure come correttore.

Aqua Nude Cushion, Guerlain (€ 47,90).

Un tocco di fard

Serve per scolpire la forma del viso - anche con l'effetto draping - seguendo una regola di base: i colori chiari (rosa e pesca) si applicano in orizzontale sullo zigomo con effetto "pomette". Quelli scuri si stendono in obliquo al di sotto della sporgenza.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

In polvere

Per chi è: è la versione più usata, anche se non è la più facile.

Come si applica: indispensabile il pennello tondo, per dosare il prodotto senza creare macchie.

Il finish:perlato (per le più giovani), mat (consigliato per le pelli mature) o satinato; ma anche la stesura conta: può essere più grafica o sfumata. Perfetto per i ritocchi.

Like a Doll Luminys Blush, Pupa (€ 15,50).

In crema

Per chi è: i make up artist lo preferiscono, non perché sia un prodotto tecnico, ma per la sua versatilità.

Come si applica: sia con le dita (più facile), sia con il pennello.

Il finish: è morbido e pittorico, ideale per il trucco del mattino (meno per i ritocchi), si dosa facilmente con un risultato molto naturale.

Phyto Blush Twist, Sisley (€ 51).

Poi la cipria

È il gesto finale, che perfeziona il trucco. Con due funzioni: opacizzare o illuminare.

Poudre Libre, Chanel (€ 47).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Compatta: è la versione più comoda, da tenere in borsa per togliere il lucido o uniformare; si applica con la spugnetta picchettando (mai strisciare, altrimenti si porta via il fondotinta)

In polvere libera:ha un risultato più trasparente; se ne stende un velo sul centro del viso (zona T), con un pennello grande rotondo.

Cushion:è la versione più nuova; applicazione super pratica, con un finish molto simile alla tradizionale cipria compatta.

Cipria compatta, Collistar (€ 30).

Effetto lipstick

Rossetto nude o rosso fuoco? In realtà, la scelta dipende anche dall'abito e dall'umore. Ma c'è un principio generale, come spiega Maurizio Calabrò, lead makeup artist Nars Italia. «Il trucco della bocca è intimamente legato a quello degli occhi: se lo sguardo è morbido e naturale, le labbra possono essere strong. E viceversa. Un esempio: se sulle palpebre si gioca con i prugna, l'indaco o il blu scuro, meglio optare per labbra chiare, nelle tonalità rosate più delicate. Ma non conta solo il colore:il finish fa la differenza. Tenendo presente che il mat segna le labbra mature, il gloss ha un effetto volumizzante e il satinato è il più democratico: sta bene a tutte».

Rossetto Matt, Korff.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E infine l'ombretto

Per la scelta dei colori, contano il gusto personale e il look che si vuole creare. Ma prima è necessario il primer, che uniforma la palpebra e fissa l'eyeshadow.

Liquido

Per chi è: è la versione più nuova, consigliata anche alle inesperte.

Il finish: leggerissimo sulla palpebra, ha un'ottima resa colore e un'aderenza long lasting.

Come si applica:con il pennellino (spesso incorporato) per un'applicazione più precisa. Si parte dell'attaccatura delle ciglia e si procede verso l'alto.

Outrageous Eyeshadow, Sephora (€ 12,90).

In crema

Per chi è: è un prodotto trasversale, indicato soprattutto per chi ha fretta e vuole un risultato d'effetto.

Il finish: che sia satinato o metallizzato, è sempre naturale ma brillante.

Come si applica: si stende con le dita (poco prodotto per evitare l'effetto "spessore") o direttamente con i pratici matitoni. Si "tira" dall'interno verso l'esterno coprendo tutta la palpebra. I toni più scuri danno profondità.

Soft Mousse Eyeshadow, Wycon (€ 6,90).

In polvere

Per chi è: è il più diffuso, anche se richiede una stesura tecnica

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il finish:si spazia dall'opaco (sta bene a tutte) al perlato (attenzione, segna le rughe); di tendenza i metallizzati, il bronzo in primis.

Come si applica: il tono scuro si sfuma dal centro dell'occhio verso l'esterno; per quello chiaro, si procede all'inverso, sia sulla palpebra mobile che sull'arcata sopraccigliare.

Lid Pop, Clinique (€ 21).

Mascara & Co.

«Mentre la matita occhi, applicata prima dell'ombretto, serve per correggere la forma dell'occhio, l'eyeliner la valorizza», spiega Claudio Fratoni di Suite 23. Esiste in forma liquida, in crema, in polvere o a pennarello, ma si applica sempre nello stesso modo, a prova di errore: dall'esterno dell'occhio verso l'interno fino a metà e poi dall'interno fino a ricongiungere la riga». E il mascara? «Si stende sulle ciglia con un movimento a zig zag dalle radici alle punte, quindi si ripassa per un effetto allungante. Va applicato sulle ciglia inferiori solo per ingrandire un occhio piccolo o se si vuole un make up più appariscente. Non si sbaglia mai con i toni classici: nero e marrone, i colori fluo solo sulle punte», conclude Fratoni. E qui trovi altri piccoli trucchi per ciglia perfette.

Con scovolino speciale in elastomero: Masterpiece Lash Crown Mascara, Max Factor (€ 18,79).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Make Up