Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

E se per avere capelli sani e forti tutto l'anno (estate compresa) non bisognasse per forza tagliarli?

Nei mesi caldi la chioma ha bisogno di nutrimento e idratazione extra, più accorgimenti strategici: dalla mesoterapia che rinforza i bulbi ai rituali hi-tech, fino ai cosmetici specifici, ecco le novità da provare a casa e in salone

capelli sani e forti
Henri Pham / Unsplash.com

Per i capelli non c’è stagione più stressante dell’estate: il doppio attacco di raggi solari e lavaggi frequenti (aggravato dai bagni in mare) ne impoverisce la struttura. L’obiettivo è aiutarli a vincere la battaglia su tutti i fronti. Prima di tutto, ricordatevi i solari, anche per i capelli, sì. Poi, ci sono nuovi rituali (da provare in salone e a casa) che stanno riscrivendo le regole dell’haircare, con un solo scopo: rinvigorire i fusti in deficit di idratazione, restituendo nutrimento e vitalità e avere così capelli sani e forti. Cosa cambia? Massima attenzione per il cuoio capelluto con tecniche prese a prestito dalla medicina estetica, shampoo preceduto da trattamenti di preparazione, meno ricorso alle forbici (quindi meno tagli, anche se quelli corti quest'anno sono top) e più trattamenti salva chioma personalizzati. Scoprili insieme a noi!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Aiuta a rigenerare il cuoio capelluto con attivi di origine vegetale, Phytopolleine Botanical Scalp treatment, Phyto (€ 28,50).

Il segreto è alla radice

Una nuova consapevolezza ha guidato la ricerca dermo-tricologica degli ultimi anni: una capigliatura sana nasce da un cuoio capelluto ossigenato e ben nutrito a partire dai bulbi. «La mesoterapia capillare è il trattamento medico che interviene proprio a livello dei follicoli», spiega Maurizio Baldassari, tricologo a Torino. «Ispirata alla nota tecnica anti-cellulite, prevede l’impiego di un composto che rigenera la fibra e previene la caduta. Si tratta di un mix a base di acido ialuronico, amminoacidi, vitamine e oligoelementi che viene veicolato attraverso microiniezioni sotto cute effettuate dal medico, precedute da una leggera anestesia locale» (costo: a partire da 170 euro, info: Agorà, societamedicinaestetica.it)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Delicato: Gentle Conditioner Botanique, La Biosthetique (€ 19,50).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Pre shampoo ristrutturante, si lascia in posa per 15 minuti e poi si riscacqua: Perle di Argan, Cielo Alto (€ 18,45).

Prima dello shampoo

La scelta del detergente è fondamentale per capelli forti e sani, ma oggi ci sono trattamenti da utilizzare prima del lavaggio per contrastare opacità, crespo, forfora e prurito. «Pre shampoo è il termine che identifica questi nuovi cosmetici. A seconda di come sono formulati, si distinguono in detossinanti e restitutivi. «I primi determinano un’esfoliazione delicata del cuoio capelluto, liberandolo da tossine, sebo, polveri sottili e cellule morte», spiega Fabrizio Lepri, haistylist Aveda. «Sotto forma di lozione, scrub o maschera, si applicano sulla cute inumidita, si massaggiano e si sciacquano con cura».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Lucidante: 3 Butter control System Shampoo, Biolage (€ 21,50)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Riparatore, ristruttura la fibra: Soin Premier Thérapiste della linea Résistance, Kérastase (€ 28,90).

Contro forfora e prurito

Salvatore Riccardi, ambassador Biolage, invita a riscoprire il potere detox dell’argilla: «Purificante, utilizzata come impacco predispone la pelle ai trattamenti successivi. Si applicano invece sulle lunghezze le specialità restitutive: ricche in attivi vegetali, spesso sotto forma di oli (lino, baobab, mandorle, argan), nutrono senza appesantire, agevolano la piega, creano uno scudo contro stress termici e meccanici. Si lavorano con le mani, si lasciano agire e infine si risciacquano».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Goloso & super nutriente: Banana Hair Mask, Garnier Fructis (€ 6,99).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Anti caduta: Densi-Solutions Dercos Technique, Vichy (€ 59,90).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Ammorbidisce: Morphosis Re Structure Leave-In, Framesi (€ 14,50).

Le cure in salone

Per rinforzare la chioma oggi i parrucchieri puntano sulla personalizzazione. «Dopo aver analizzato radici e lunghezze con una micro-camera si possono scegliere i trattamenti più indicati», dice Simone Rubertelli, titolare della Head Spa di Milano, specializzata in prodotti a base di oli essenziali, idrolati e piante micronizzate. E ancora: Diag App è l’apparecchio utilizzato nei saloni Kérastase per studiare il capello e proporre il Rituale Fusiodose più giusto. È l’expertise dei professionisti Jean Louis David, invece, a delineare il percorso Go Repair: a base di estratto di caviale, rinvigorisce cuoio capelluto e lunghezze, protegge il dna cutaneo, preserva elasticità e robustezza della fibra capillare. Express Filler, invece, è il mix di acido ialuronico, collagene marino, silicio ed estratto di perla che ripara in profondità mentre districa, ammorbidisce e lucida. Il trattamento, prerogativa dei saloni Framesi, «ha un effetto istantaneo che permane a distanza di settimane», assicura l’hair stylist Sabrina Arvizzigno. Infine Jean Paul Mynè: Oxilock Plasma è il pool di sostanze organiche che rivitalizza le fibre cheratiniche danneggiate. Perfetto in vista dell’estate, viene integrato a tutti i trattamenti chimici effettuati in salone.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Fa brillare
Courtesy photo

Fa brillare le chiome: Illuminating Mask, Alfaparf Milano (€ 21,90).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Reidrata: Oxylock Believe Conditioner, Jean Paul Mynè (€ 19).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Contro le doppie punte: crema Bye-Bye Spuntatina, Elvive, L'Oréal Paris (€ 4,99).

Spuntatina? No, grazie

La spuntatina non rinforza i capelli: lo afferma uno dei massimi esperti al mondo, Bruno Bernard, a capo della ricerca capillare L’Oréal Paris. «Ci tocchiamo i capelli tante volte al giorno, ma non li conosciamo così bene», dice il biologo. «Ad esempio, non sappiamo ancora perché, a un certo punto, crescano bianchi. Come non è chiaro come mai, dopo una pausa di circa un anno, il follicolo produca un nuovo capello». In compenso, grazie a potenti microscopi molecolari, oggi se ne sa molto di più di qualche anno fa, come è emerso all’Hair Summit 2018 di L’Orèal Paris. «Si pensava che la fibra capillare fosse composta di sola cheratina, come le unghie», continua Bernard. «In realtà è un biomateriale molto complesso: un mix di proteine, acqua e lipidi (ceramidi). Il cuore del capello è composto dalla corteccia e dalla cuticola che la ricopre: un intreccio che ricorda la struttura del cemento armato. Basti pensare che un capello può resistere a una tensione di 100 grammi: come a dire che 100.000 possono sollevare 10 tonnellate». Detto questo, i fusti sono una materia morta, ecco perché tagliarli non li rinforza. Il vero prodigio che abbiamo in testa è il follicolo: «È un organo vivente ben più complesso della pelle o del cervello. Composto da oltre 15 tipi di cellule, genera il bulbo capillare,che controlla la forma, il colore e la lunghezza dei fusti, variabili che possono cambiare nel tempo. Il bulbo è ricoperto da un involucro trasparente composto da cellule staminali che, all’occorrenza, aiutano a riparare la pelle. E questo vale anche per i peli sul corpo: per questo è sconsigliabile eliminarli in modo permanente», conclude Bruno Bernard. (A.G.)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Rinforzante: Prezioso Go Repair Shampoo all'estratto di caviale, Jean Louis David (da € 19).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Naturale: Lozione al neem per i capelli, Dr. Hauschka (€ 17,90).

Styling low impact

Per non mettere i capelli in difficoltà, anche la piega può essere ripensata. «Un look iper cool che non stressi le ciocche si ottiene asciugando solo le radici per dare volume, lasciando umide lunghezze e punte», suggerisce Zeudi Buratin, trainer Jean Louis David. «Poi si applica una crema modellante e si intrecciano i capelli, lasciandoli asciugare da soli». Chi li porta sciolti, «può utilizzare prodotti a base di oli vegetali nutrienti da distribuire su lunghezze e punte per renderle più lucide ed elastiche. Sono da evitare, invece, i raccolti molto tirati». Piastra e phon non sono un tabù: «A patto di limitarne la temperatura», suggerisce l’hairstylist milanese Alberto Coppola. «L’asciugacapelli va regolato sulla temperatura media, lo styler non deve superare i 170 gradi».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Rivitalizza, contro la caduta: Forticea Shampooing Stimulant, Furterer (€ 19,90).

Teste bioniche

Come sarà la cura dei capelli tra 30 anni? La risposta arriva dall’Hair Summit 2018 di L’Orèal Paris, dedicato alle tendenze future. Grazie alle ricerche sul microbioma, si dirà addio alla forfora. I prodotti saranno sempre più naturali, supportati dallo studio della biodiversità (in particolare degli oceani), dalla chimica biomimetica e dal plant milking, la tecnica che estrae gli attivi dalle piante senza bisogno di tagliarle. In auge il tailor made: i prodotti capillari, dalla cura al colore, saranno fatti su misura, con ingredienti freschi. Dal coating arriveranno risultati avveniristici: sarà possibile rivestire i fusti con ampia scelta di materiali (anche micro led, da accendere e spegnere a piacere) a prova di meteo avverso e capaci di memorizzare la piega! Applicando microchip sui capelli, poi, con un’app si potrà cambiare styling nell’arco della giornata. E per chiudere in bellezza, basterà una pillola per bloccare la crescita di capelli bianchi e produrne di nuovi, come extension. Ma le buone notizie riguardano anche il Pianeta: nel 2050 sarà popolato da 10 miliardi di persone e si prevedono 143 milionidi migranti climatici, in fuga per la scarsità idrica. La risposta dell’haircare? Shampoo da risciacquare con poche gocce d’acqua. Oltre a prodotti zero waste. (A.G.)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Nutre: Botanicals Infusional elements Shampoo al Cartamo, L'Oréal Paris (€ 7,99).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy photo

Detox: Deterge in profondità il cuoio capelluto Micellar Shampoo Purifying, Nivea (€ 4,49).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Capelli