Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

I capelli al mare vanno protetti o lasciati liberi di respirare?

Sole e salsedine possono seccare i capelli, ma regalano anche luce e corpo alla chioma: il segreto è nel giusto equilibrio tra protezione e libertà di respiro, i consigli della tricologa, dell'hairstylist e un'esclusiva ricetta di protezione fai-da-te

capelli al mare liberi o protetti
GettyImages

Al mare lasciate i capelli liberi di respirare e di godere a piene mani dell'estate, del sole e dell'acqua di mare (ricca di sali minerali) che regalano schiariture e onde naturali.

I capelli al mare non devono essere sempre costretti con trecce, elastici, foulard, cappelli, non vanno sempre soffocati con dosi eccessive di spray protettivi e non bisogna eccedete con i lavaggi. Questo in sintesi è il pensiero di due esperti, vediamo cosa dicono in dettaglio e la ricetta per una protezione sur mesure.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Detersione: shampoo o balsamo?

«Al mare, non è necessario lavare i capelli tutti i giorni con lo shampoo, basta togliere l'acqua salata risciacquandoli con l'acqua dolce. Consiglio un lavaggio con il detergente a giorni alterni, anche ogni due giorni, per il resto solo acqua e, se necessario, un po' di balsamo per districare le chiome e renderle più morbide con la tecnica del cowash. I lavaggi quotidiani con lo shampoo possono risultare troppo aggressivi per le chiome e irritanti per il cuoio capelluto», afferma la dottoressa Roberta Carosella, medico estetico e tricologa a La Réserve di Caramanico Terme (Pescara). 

GettyImages

Mare e sole: hairstylist naturali

«Sole e salsedine non hanno solo effetti negativi sui capelli», è la voce fuori dal coro di Davide Calò, hairstylist di Extro Parrucchieri a Milano, che spiega: «Ci sono due modi di 'vivere' i capelli al mare: lasciarli godere di sole e mare o proteggerli da raggi e salsedine. Se si sceglie di usufruire di tutto ciò che di bello regalano il sole, il vento e la salsedine, le chiome conquisteranno luminosità e texture, perché i raggi che raggiungano i capelli li schiariscono in quel modo così naturale che solo il sole riesce a fare, e il poco sale rimasto sulle chiome solo sciacquate con acqua dolce a fine giornata, li texturizza, dà corpo e volume, forma e fissa onde e ricci», dice Calò. 

GettyImages

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

2 in 1: protezione &trattamento

«Se, invece, si preferisce difenderli 'tout court' da raggi e salsedine, perché sono particolarmente fragili o non si vuole in nessun modo vederne virare il colore, suggerisco un rimedio semplicissimo per averli protetti e al tempo stesso nutriti: si miscela nel palmo di una mano un cucchiaio di olio protettivo anti-UV per capelli con una grossa noce di maschera (aumentare le dosi in base al volume della chioma). Si amalgamano bene i due prodotti e si distribuisce l'emulsione ottenuta sui capelli, dalle radici alle punte. Poi si legano stretti con uno chignon o una treccia per lasciarne esposta al sole la minor quantità possibile. A fine giornata, si elimina l'emulsione dalla chioma con un solo shampoo in dose minima e si conclude con un balsamo. In questo modo i capelli saranno al riparo dalle aggressioni e resteranno morbidissimi», conclude Davide Calò. 

GettyImages

Metti una sera a cena…

Stasera si esce! Sciolti o raccolti quel che conta è che siano lucidi. «Per eliminare il crespo o l'aspetto opaco, se sono sottili distribuite sulle lunghezze un lucidante spray e lasciate asciugare, se sono più spessi massaggiate tra i palmi delle mani due/tre gocce di un prodotto a base di siliconi volatili e distribuitelo sui capelli, insistendo sulle punte ed evitando le radici», suggerisce Davide Calò. 

GettyImages

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Speciale estate