Usare il sapone di Marsiglia sui capelli al posto dello shampoo sarà l'unica cosa che avrei voglia di fare da qui all'eternità

Proprietà e usi di questo detergente per il corpo e per il viso che dona benefici assoluti e che può essere fatto anche in casa

image
Evan Phillip / Unsplash

Il sapone di Marsiglia ha proprietà straordinarie per la cura della pelle e l'igiene intima. Ma che fosse perfetto anche come sostituto dello shampoo è una piacevolissima novità: il sapone di Marsiglia usato sui capelli infatti, è una valida alternativa a creme o impacchi usati per ridare lucentezza e forza ai capelli. Si può fare come segue: mescolare il sapone di Marsiglia con due tuorli d'uovo, due cucchiai di olio d'oliva, due cucchiai di germe di grano e due cucchiai di olio di mandorle dolci. Questo ti darà la certezza di ottenere un prodotto fatto in casa e100% naturale capace di pulire a fondo la cute e di dare vigore e nuova lucentezza ai capelli. Wow.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Esistono due tipi di sapone: uno verde e uno bianco. Il sapone verde viene prodotto con olio d'oliva, al quale vengono aggiunti olio di palma e copra. Perché è diverso dal sapone bianco? Quest'ultimo invece di olio d'oliva contiene olio di arachidi. Il sapone di Marsiglia puro contiene il 72% di questi oli, tutti completamente naturali. Esistono anche versioni profumate con lime, lavanda, caprifoglio, giglio, anice, limone. Viene solitamente venduto in pezzi da 600 grammi, ma lo possiamo trovare in altri formati (come il sapone di Marsiglia liquido, per esempio).

Benefici del sapone di Marsiglia per il viso e il corpo (e non solo)

Gli usi domestici del sapone di Marsiglia sono ampiamente conosciuti.

  1. È un prodotto ecologico, naturale e biodegradabile, non inquina l'ambiente come altri prodotti per la doccia o saponi prodotti industrialmente.
  2. È morbido e non irrita la pelle, come i saponi industriali.
  3. È ipoallergenico, disinfetta e guarisce le ferite (di solito è prescritto dai dermatologi in caso di eczema).
  4. È usato per esfoliare la pelle e lasciarla satinata.
  5. Secondo diversi studi può essere usato come dentifricio per curare le gengive; si tenga presente, però, che il sapore rimane quello del sapone e che forse potrebbe essere utile scegliere una versione alla menta nel caso in cui si decida di lavarsi i denti con il sapone di Marsiglia (ma fatelo solo dopo averne parlato con il vostro dentista di fiducia).
  6. Lavare i panni dei più piccoli con questo sapone riduce il rischio di irritazioni e allergie.
  7. Non contiene allergeni, coloranti o coadiuvanti sintetici, quindi è perfetto per persone allergiche e bambini.
  8. È indicato per gli uomini, dal momento che la sua schiuma può essere utilizzata per la rasatura.
  9. In Provenza dicono che mettere il sapone di Marsiglia (intero o in pezzi) ai piedi del letto previene raffreddori e crampi.
  10. Può essere usato ogni giorno, è più economico del tradizionale e dura quasi il doppio.
    Pubblicità - Continua a leggere di seguito

    Come fare in casa il sapone di Marsiglia

    È possibile fare in casa il sapone di Marsiglia, tenendo ben presente, però, che la soda caustica è da maneggiare con la massima attenzione. Pertanto, qualora decidiate di realizzare il sapone di Marsiglia in casa, fatelo in un luogo areato e non respirate i vapori prodotti dalla soda caustica. Per questo motivo è necessario indossare grembiule, guanti e mascherina. Bisogna procurarsi anche un termometro, che userete solo per questo scopo.

    Gli ingredienti sono: 1000 g di olio d'olia, 300 g di acqua, 128 g di soda caustica.

    Versate la soda caustica nell'acqua (attenzione: mai fare il contrario!) e attendete che la temperatura scenda a 45 gradi. Nel frattempo scaldate l'olio portandolo a 45 gradi. A questo punto versate la miscela di acqua e soda caustica nell'olio e mescolate molto rapidamente (potete usare un frullatore a immersione che avrete cura di non utilizzare per altri scopi). Bisogna ottenere una pasta densa, che fa nastro, proprio come succede quando si preparano i dolci. Versate, quindi, il sapone ottenuto negli stampi, avvolgeteli in una coperta e lasciate riposare per almeno 24 ore. Trascorso il tempo di riposo, togliete il sapone dagli stampi (sempre con i guanti), tagliate le saponette alla grandezza che preferite e lasciate stagionare per un paio di mesi in un luogo secco e arieggiato, lontano dalla luce diretta del sole.

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito
    Altri da Capelli