Il modo in cui ti lavi i capelli potrebbe essere causa di acne e bacne, occhio

Un toccasana per la chioma un po' meno per la pelle

Finalmente hai trovato lo shampoo giusto, perfetto per i tuoi capelli grassi, che riesce a renderli lucenti e districarli con una semplicità mai vista (seguendo le regole giuste, magari i beauty trick delle donne francesi). La tua BFF ti ha consigliato un balsamo miracoloso che riesce a ravvivare la tua chioma e non puoi più vivere senza. Hai scovato una lacca che funziona, che mantiene l'acconciatura forever and ever. Ma ahimè, c'è un ma. Hai notato che la tua pelle non è più quella di prima e che su viso, spalle e schiena spuntano brufoli un giorno sì e l'altro pure. Pura coincidenza? Oppure sono proprio i tuoi BFF della hair routine che ti stanno facendo lo sgambetto? Come ci spiega teenvogue.com, che ha interpellato fior fiore di esperti, esistono alcune lozioni che possono far bene ai capelli ma non alla pelle del nostro corpo, facendo insorgere la tanto temuta acne, ovvero l'iper produzione di sebo, sudorazione, polvere, sporco e cellule morte che ostruiscono i pori e provocano l'insorgere di brufoli.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Alexandra Gorn/Unsplash

Prima di buttare via tutto il tuo beauty case, è necessario capire perché alcuni prodotti specifici per i capelli possono provocare l'acne. Il dott. Colbert, dermatologo del New York Dermatology Group spiega che ciò avviene in due modi: in primo luogo, ostruendo i pori, e in secondo luogo, inducendo l'infiammazione nella pelle. «Gel, creme, maschere e lacche per capelli tendono ad essere i più irritanti», racconta l'esperto. Tesi confermata da Fabian Lliguin, fondatore di Rahua Beauty. «I problemi più comuni sono dovuti all'accumulo di sostanze chimiche applicate sulla pelle o sul cuoio capelluto nel corso del tempo», così come le allergie o l'utilizzo di prodotti non adatti contemporaneamente ai capelli e all'epidermide. Per esempio i capelli sfibrati e colorati potrebbero trarre giovamento da prodotti ricchi di oli, ma per la pelle di viso, spalle e schiena (inestetismo che si chiama bacne, ricordi?) è esattamente il contrario.

In generale, quindi, i prodotti a base di olio (olio di jojoba e il burro di karité per esempo) tendono a intrappolare la maggior parte dei batteri creando un terreno fertile per l'acne. Anche i solfati (che provocano la schiuma durante lo shampoo) sono dannosi per la pelle e andrebbero eliminati dalla beauty routine. Per Rouleau, estetista delle celebs, anche il pantenolo (usato nel balsamo per rafforzare i capelli) si è rivelato essere il colpevole numero uno dei suoi problemi personali di acne. «Ho ricevuto un enorme feedback su come i prodotti senza pantenolo abbiano apportato miglioramenti drastici alla pelle dei miei clienti», racconta a teenvogue.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Soluzioni? Innanzituto continuando a cercare e cambiare prodotti finché non si trova quello più adatto e meno nocivo per la pelle, poi seguendo un principio di cui abbiamo già parlato più volte: la frequenza del lavaggio. «È meglio lavare i capelli due o tre volte a settimana», suggerisce Lliguin e non prima di andare a letto, perché il prodotto si deposita sulla federa e per forza di cosa torna sul viso. Sarebbe indicato scegliere cuscini di seta e avvolgere la testa in una sciarpa fino a quando l'acne non viene debellata del tutto. Una buona abitudine è quella di lavare prima i capelli e poi il corpo per essere sicuri di aver rimosso eventuali residui di prodotto lasciati sulla pelle. Lo stesso vale per lacche e gel: applicali sulla chioma e poi lavati mani e viso per rimuovere i residui sulla pelle. Poi, puoi passare al make up. «Inoltre, tieni i capelli lontani dalla pelle del viso ed evita di toccarti i capelli e poi la tua pelle in continuazione per non trasferire il prodotto», suggerisce il dott. Colbert.

I prodotti naturali, ovviamente, sono i più indicati per la salute dei capelli e della pelle, perché con il loro utilizzo «stai evitando l'inquinamento chimico e le reazioni allergiche», come spiega Rahua. E se la situazione sembra essere irrisolvibile, il dott. Colbert ti invita alla calma: «Per la pelle particolarmente incline all'acne o grassa, utilizzare uno shampoo a base di acido salicilico una o due volte alla settimana per aiutare a bilanciare gli oli sul viso e sul cuoio capelluto può essere la soluzione».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Capelli