Netflix svela le serie tv che creano dipendenza

​In testa ci sono i thriller come Breaking Bad e The Killing, ma anche black comedy come Orange is the New Black,​ mentre in fondo alla classifica delle serie a più alto tasso di abbuffata si piazzano le trame complesse di House of Cards e Narcos

Ci sono serie tv che predispongono all'abbuffata e altre che, invece, si gustano meglio centellinando le puntate. Ecco, a questo proposito Netflix ha da poco svelato la Binge Scale, ovvero la classifica che ci mostra quali sono i suoi prodotti seriali che vengono letteralmente fagocitati dagli utenti e quali si prestano meglio a una degustazione. Quindi, dopo aver analizzato oltre 100 serie tv in oltre 190 Paesi tra ottobre 2015 e maggio 2016, il servizio di streaming ha rilevato che chi desidera completare un'intera stagione di una serie vi dedica generalmente un po' più di due ore al giorno. E mentre i generi horror, thriller e "dramedy" sono quelli che spingono alla maratona compulsiva, gli intrecci più complessi e i drammi ambientati nel passato permettono una visione più rilassata. Ma, per capirci meglio, ecco alcuni titoli di serie tv presenti nella Binge Scale, con relativa predisposizione all'abbuffata.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Breaking Bad

In testa c'è sempre lei, la serie più amata e divorata dai tempi di Lost. L'adrenalina, i colpi di scena, la magistrale sceneggiatura e la bravura del cast fanno sì che le vicende di Walter White e Jesse Pinkman dirette alla grandissima da Vince Gilligan rendono Breaking Bad il prodotto ideale per essere guardato un episodio dietro l'altro in una maratona che scivola via a meraviglia. Predisposizione all'abbuffata: senza scampo.

2 Orphan Black

Ad altissimo tasso di dipendenza immediata anche The Orhan Black, il tostissimo telefilm fantascientifico canadese che ha dalla sua una scrittura eccezionale e una protagonista, Tatiana Malsani, di una bravura più unica che rara. Impossibile, una volta visto il pilo, non bramare una full immersion totale nel mondo di Sarah Manning e le sue sorelle. Predisposizione all'abbuffata: esponenziale, se avete poco tempo libero state alla larga.

Advertisement - Continue Reading Below

3 The Killing

Le indagini della detective Sarah Linden affiancata dal collega Stephen Holder intorno al brutale omicidio della giovane Rosie Larsen non lasciano altra scelta allo spettatore che buttarsi a capofitto in questo noir torbido e spietato che annovera tra i suoi fan più accaniti anche la sacerdotessa del rock Patti Smith. Predisposizione all'abbuffata: è un bel thriller ansiogeno con ottimi protagonisti, fate voi.

4 Orange is the new black

Ora che sta per tornare, il 17 giugno, con la sua quarta serie Orange is the new black sarà, di nuovo, la portata principale delle abbuffate seriali estive. Già, perché questo dramedy ambientato in un carcere femminile straripante personaggi ora a un passo dalla follia, ora senza scrupoli, ora deliranti ma spassosi, è uno dei più trangugiati pur senza essere un thriller. Predisposizione all'abbuffata: proporzionale alla vostra elasticità in fatto di allusioni sessuali, scene spinte, un pizzico di blasfemia, parolacce e un po' di violenza; geniale ma non per tutti.

Advertisement - Continue Reading Below

5 The Americans

Consumo più dilazionato, invece, per le complesse vicende di spionaggio ambientate ai tempi della Guerra fredda dell'apprezzato The Americans. Gioca a favore di un consumo meno "invasato" la trama piuttosto intricata, che richiede una buona soglia di attenzione per non perdersi per strada. Predisposizione all'abbuffata: media, potreste affaticarvi dovendo stare dietro a tutti quegli intrighi.

6 House of cards

Stesso discorso per i torbidi vagheggi dei coniugi Underwood, che pur protagonisti di una delle serie tv di maggiore successo degli ultimi 3 anni non sfondano a livello di finge watching. Il perché, come per The Americans, è, secondo lo studio di Netflix, è riconducibile alla complessità della trama, che nel caso di House of cards è ancora più intrigata, densa di personaggi e un po' appesantita dall'onnipresente pantano politico. Predisposizione all'abbuffata: bassa, al contrario dei tacchi che indossa anche in casa la first lady Claire Underwood.

Advertisement - Continue Reading Below

7 Unbreakable Kimmy Schmidt

Anche la pure comedy non attiva chissà quali maratone di finge watching. E così anche le surreali avventure dell' Unbreakable Kimmy Schmidt, 29enne salvata da una setta apocalittica che la teneva rinchiusa in un bunker sotterraneo che si trova a New York per iniziare una nuova vita, si fanno amare ma non guardare tutto d'un fiato. La commedia, insomma, anche nelle serie tv sembra servire a prendersi una mezz'ora di pausa dagli impegni, e non a diventare a sua volta un impegno improrogabile. Predisposizione all'abbuffata: quasi inesistente, andate tranquilli.

More from Gioia!:
Paola Barale come una leonessa difense Raz Degan sull'Isola
TV
CONDIVIDI
Paola Barale difende Raz Degan all'Isola
L'attore israeliano accusato di essere intrattabile è difeso su Instagram dalla ex compagna: questo e altro della quarta puntata
TV
CONDIVIDI
Cosa guardare in tv la sera di San Valentino?
Se nei tuoi piani c'è una serata romantica in casa niente di meglio di un bel film da vedere abbracciati
isola dei famosi terza puntata
TV
CONDIVIDI
C'è un nuovo amore all'Isola dei famosi?
Stefano Bettarini va alla conquista di Dayane Mello: ma cosa altro è successo nella terza puntata? Le nostre pagelle
TV
CONDIVIDI
Chi sale e chi scende al Festival, ma soprattutto chi lo vince!
Trionfa Francesco Gabbani, seguito a ruota da Francesca Mannoia e, per terzo, Ermal Meta
TV
CONDIVIDI
Tutto ciò che c'è da sapere su Sanremo 2017
Countdown per la finalissima: qui trovate quello che vi serve per essere super esperti del Festival (anche se non lo avete visto!)
sanremo 2017 gossip
TV
CONDIVIDI
Cosa succede a Sanremo fra una canzone e l'altra
Momento gossip con le indiscrezioni sugli amori (anche presunti) dei cantanti in gara e dei partecipanti, ma non solo
TV
CONDIVIDI
Pollici su e giù della quarta serata di Sanremo
Chi sale e chi scende al Festival, e chi ne è stato sbattuto fuori, a una manciata di ore dalla finale della 67esima edizione
TV
CONDIVIDI
Pollici su e giù della terza serata di Sanremo
Serata cover del Festival, tra paragoni impossibili, vedi alla voce Anna Oxa, e sfide andate a segno, come quella di Ermal Meta
robbie williams a sanremo 2017
TV
CONDIVIDI
Pollici su e giù alla seconda serata di Sanremo
Robbie Williams sempre il migliore, Michele Bravi emoziona e Bianca Atzei sbaglia la canzone: i nostri voti
TV
CONDIVIDI
Tutti i giovani da tenere d'occhio a Sanremo
Tra Big e Nuove Proposte, ex talent e cantautori, ecco le nuove (interessanti) facce della musica italiana.