Serie tv: arriva Lost in Paramount, un nuovo Lost fra cinema e televisione

Francesco Mandelli (l'ex solito idiota) e Carolina Crescentini sono i protagonisti di Lost in Paramount​, format che si aggiunge alle decine di produzioni in cui qualcuno è lost in qualcosa.

Francesco Mandelli e Carolina Crescentini, chiusi in una baita che affaccia su una montagna piuttosto nota. Da questo spunto parte Lost in Paramount, la prima produzione originale di Paramount Channel (e a questo punto non è difficile capire quale sia la montagna di cui abbiamo detto).

I due attori sono lì, reclusi dal più grande regista del cinema d'autore - un tale Lars, e a voi il complicatissimo compito di indovinarne il cognome. Devono seguire istruzioni piuttosto complicate da cui seguiranno situazioni surreali, va da sé, inevitabilmente comiche. Su di loro veglia, inamovibile, il monte stellato.

Lost in Paramount è fatto a pillole, con puntate che vanno da 2 a 5 minuti. Dal 19 aprile alle 21 è in onda ogni martedì, mercoledì e giovedì. Il format vuole anche essere un omaggio al cinema (dopotutto, siamo in casa Paramount). Così, i due protagonisti si lanceranno in innumerevoli citazioni di grandi e piccoli film. Sarà piuttosto divertente e stimolante provare a indovinarle.

Altrettanto stimolante sarebbe capire perché, nella storia di cinema e tv, sono così tanti a essere lost in qualcosa. Il catalogo offre davvero decine di titoli che richiamano l'idea di perdersi, di fatto o metaforicamente. Qui vogliamo ricordarne alcuni, tra cose notissime o particolari, ai quali Francesco e Carolina vanno ad aggiungersi.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Raiders of the lost ark

Che il signore sotto il turbante bianco sia Harrison Ford, non è difficile capirlo. Lo è un po' di più indovinarlo come Indiana Jones, sprovvisto degli iconici cappello, giubbotto e frusta. Lui, più che perdersi, ritrova l'arca perduta nel primo capitolo della saga che l'ha reso una star planetaria, nel 1981. Ma parlando di «lost», era davvero impossibile non considerarlo.

2 Lost in translation

Film di culto, successo commerciale incredibile a fronte del budget impiegato per realizzarlo (120 milioni di dollari contro 4). Sofia Coppola dirige il laconico e grandioso Bill Murray accanto a una Scarlett Johansson magnetica. «Lost» nell'infinito caos di Tokyo, il maturo Bob e la giovane Charlotte si conoscono e si sostengono creando quelle alchimie dietro le quali si nasconde molto più di un semplice incontro.

Advertisement - Continue Reading Below

3 Lost

Il totem. Sei stagioni (dal 2004 al 2010), 114 puntate, pioggia di premi e riconoscimenti. Per molti è la serie tv che ha riscritto le regole del genere. Dietro l'idea di J. J. Abrams c'è un incidente aereo e 48 sopravvissuti su un'isola in cui accadono cose molto strane. Così strane da inchiodare alla tv milioni di spettatori in tutto il mondo.

4 Lost in La Mancha

Quando gli hanno chiesto se Lost in Paramount si rifacesse a totem di cui sopra, Francesco Mandelli ha dichiarato: «Forse si rifà più a Lost in La Mancha, dove ci sono persone che non riescono a girare un film». Il riferimento è al documentario sull'opera incompiuta di Terry Gilliam, The man who killed Don Quixote. Un cult (il documentario, naturalmente).

Advertisement - Continue Reading Below

5 Lost river

Non si può certo dir che sia famoso, ma trattandosi dell'esordio alla regia di un certo Ryan Gosling ci è parso opportuno inserirlo in questa cinquina. Il titolo del film (2014) richiama una cittadina in cui nessuno sembra aver alcuna speranza che accada qualcosa di eccitante. In cui, insomma, a essere «lost» non è solo il fiume. Poi il protagonista - che non è Gosling - trova un passaggio che conduce a una misteriosa città sottomarina. E le cose interessanti, per magia, arrivano.

More from Gioia!:
TV
CONDIVIDI
Gianni Boncompagni, tutto fuorché un complessato
Mandava in frantumi le nostre moraline precotte e c'era più gioco intellettuale nel suo niente che in cento programmi di libri
TV
CONDIVIDI
Valeria Bilello: «Mica male fare la sexy»
È l'unica italiana nella seconda stagione della serie più gender fluid della tv, Sense8 di Netflix, che l'ha costretta ad essere sensuale
TV
CONDIVIDI
Alessandro Roja: «Peter Pan a chi?»
Protagonista nelle fiction Di padre in figlia e Tutto può succedere 2, ci racconta come l'amore e la paternità gli hanno cambiato la vita
TV
CONDIVIDI
Torna Modern family e ci stupirà di nuovo
Ecco perché la serie tv, in onda con l'ottava stagione su Fox dal 14 aprile, continua ad appassionare tutto il mondo
TV
CONDIVIDI
Come mai Matrimonio a prima vista ha successo?
Torna su SkyUno il 13 aprile 2017: tra amori riusciti e non, l'attesa per la seconda stagione è alle stelle
TV
CONDIVIDI
Una mamma per amica torna con nuovi episodi?
Siete rimaste soddisfatte del finale di Una mamma per amica? Forse ci sarà un seguito, ed ecco cosa ne pensano le Gilmore girls
Asia Kate Dillon, serie tv Billions, Emmy genderqueer
TV
CONDIVIDI
La star di Billions chiede agli Emmy un terzo genere
L'interprete genderqueer ha chiesto agli organizzatori dei premi di riconsiderare le categorie di miglior attore e miglior attrice
TV
CONDIVIDI
Ecco le foto del remake tv di Dirty dancing
I nuovi protagonisti hanno pubblicato sui social alcune immagini, così possiamo vederle in anteprima
TV
CONDIVIDI
Perché tutti parlano di 13 reasons why?
La nuova serie tv di Netflix affronta un tema non semplice: il suicidio di un'adolescente, ma poi non tutto è come sembra
quattro-matrimoni-in-italia-la-pina
TV
CONDIVIDI
Guerra all'ultimo abito da sposa con La Pina
La tatuatissima Pina torna in tv per condurre Quattro matrimoni in Italia su FoxLife e racconta in un libro l'amore per Tokyo