X Factor 10, i momenti top e quelli flop della seconda puntata

Primi battibecchi tra i giudici del talent show, Arisa e Fedez fanno scintille in una seconda puntata di audizioni piuttosto piatta rispetto all'esordio: ecco che cosa ci è piaciuto, che cosa ci ha annoiato e che cosa ci ha fatto storcere il naso

La seconda puntata delle audizioni di X Factor 10, scevra dell'effetto «e mo' come se la caveranno, questi giudici», è risultata già un filo appesantita dal format provini fichi vs provini scemi, che va bene una volta, ma a due ha già un po' stufato. Per rinfrescare un po' l'aria stantia, quindi, oltre alla solita dose di freak e mezzi disperati che, a vari livelli, possono strappare un sorriso o al contrario farti venire voglia di strapparti i capelli, ecco puntuale arrivare la prima, tanto attesa lite tra i giudici. Quali? Ve lo diciamo qui sotto, insieme ai momenti che ci sono piaciuti e quelli che, invece, proprio no.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Pollice su per: Manuel Agnelli

Emana una giusta dose di narcisismo, ma sa far venire fuori un'indispensabile auto ironia. Azzecca un paio di battute anche in questa puntata, Manuel Agnelli, e pur senza avere, ed abusare, dell'istrionismo di Morgan, riesce a catturare interesse, attenzione e, usiamo una parola forte, rispetto nel pubblico che manco sapeva chi egli fosse. Gli rimproveriamo solo un paio di cose: l'abuso del termine "dinamica" e l'eccesso di paternalismo della sua predica alle concorrenti aspiranti showgirl.

2 Pollice giù per: Arisa

Spiace darle un pollice verso, alla cara Arisa che in realtà è una tosta, sveglia, che sa prendersi in giro e che ha la bella e naturale dote di saper guardare a tutti i provinanti senza pregiudizi di sorta. Però, ora con il siparietto già visto e rivisto (a X Factor solo nella puntata precedente, con Soler al posto di Arisa) dell'ormone impazzito per i concorrenti più carucci, ora con la difesa a spada tratta delle sopra citate aspiranti showgirl prive di qualcuno dote canora, la giudice più muta-chioma di questa edizione è uscita un po' traballante sui suoi stessi eccessi da questa seconda puntata.

Advertisement - Continue Reading Below

3 Pollice giù per: la lite Arisa vs Fedez

Poco entusiasmante, poco interessante e, già che c'erano, poco sanguigna. La lite, o meglio il battibecco, tra Arisa e Fedez, che si è già capito non essere in grande sintonia (d'altronde il rapper milanese con le giudici donne non è mai andato troppo d'accordo, ricordate le continue frecciatine, due edizioni fa, a Victoria Cabello?) è stato un fioco tentativo di mettere un po' di pepe nel piatto. Che si sono detti? Lei ha dato un sì a vanvera a una 16enne affamata di televisione, lui le ha proposto di «fare scambio di orecchie», lei ha proclamato «Siamo in un posto bigotto, questa ragazza ha personalità», Fedez chiosa «Anche mia mamma ha una personalità, ma canta di merda e non si esibirebbe mai su questo palco». Qualcuno direbbe, "che barba, che noia".

4 Pollice su per: Francesca Michielin

Non s'è capito che cosa c'è andata a fare, ma nei 10 minuti in cui ha fatto parte della seconda puntata del talent che l'ha lanciata verso il successo, la dolce "Franci" è risultata al solito emozionata, in bilico tra timidezza e imbarazzo, educata ma non affettata. Insomma, come ha detto la stessa Arisa, un tesoro.

Advertisement - Continue Reading Below

5 Pollice su per: Veronica Marchi

La più brava di queste audizioni è lei, Veronica Marchi, che ha fatto brillare gli occhi ad Agnelli con la sua versione di Walk dei Foo Fighters. Nulla di innovativo, musicalmente parlando, giusto chitarra voce e la famosa dinamica "agnelliana", ma molto di buono.

6 Pollice giù per: Mara Maionchi

Questo è un appello: tiratela fuori da quello stanzino in cui sembra la vecchia zia un po' fuori di melone, emarginata dal resto della famiglia, che le spara grosse mentre guarda la tv tutta sola, e fatela tornare in giuria.

Advertisement - Continue Reading Below

7 Pollice giù per: Kosta e Double G

Poveri, pensavano di risultare irriverenti, quasi sovversivi perché portavano un pezzo rap che parlava di sedere. E invece sono risultati grotteschi e del tutto inutili. Non perché l'argomento non fosse e non sia di grande interesse, eh, ma come ha, stavolta giustamente, detto Fedez «non basta parlare di culo per far muovere il culo». Amen.

8 Pollice su per: Marcello Cannavò

La sua esibizione è l'unico momento in cui ci si diverte davvero, dopo due ore e passa di trasmissione. Il suo pezzoDani Hoh è già un tormentone. Rovazzi, guardati le spalle.

More from Gioia!:
x-factor-11-nuovi-giudici
TV
CONDIVIDI
Cosa ci aspettiamo dal nuovo X Factor
Cosa accadrà con i nuovi giudici? Ecco su chi scommettiamo, e perché, tra Mara Maionchi, Levante, Fedez e Manuel Agnelli
TV
CONDIVIDI
Guido Caprino, l'attore mago del trasformismo
Interpreta di nuovo il leghista Bosco nella serie 1993, ma in ognuno dei suoi personaggi c'è una parte di sé (ben camuffata)
TV
CONDIVIDI
I protagonisti di Twin Peaks ieri e oggi
Nel 1990 ha stregato migliaia di telespettatori, ora la serie tv cult torna con la terza attesa stagione, ma come è cambiato il cast?
TV
CONDIVIDI
3 motivi per cui Fargo 3 è da non perdere
Scommettiamo che vi ipnotizzerà? Anche perché nel cast c'è Ewan McGregor, dall'8 maggio su Sky Atlantic
TV
CONDIVIDI
Kim Rossi Stewart: «Quando ti sale l'ansia»
Dopo 13 anni torna in tv nei panni di un commissario che lotta contro la mafia, ma lui ha un piano B per il futuro
the-influencer-docu
TV
CONDIVIDI
Come si diventa influencer? Lo spiega la tv
Il 6 maggio va in onda su Real Time The Influencer, la prima docu che spiega come diventare provetti influencer
TV
CONDIVIDI
I nuovi programmi tv da vedere a maggio
Il ritorno di Chef Rubio, la comica Virginia Raffaele in prima serata e tanti altri (fra cui i marziani di Pif)
serie-tv-maggio-twin-peaks
TV
CONDIVIDI
Tutte le serie tv da non perdere a maggio
Il titolo più atteso? Indubbiamente Twin Peaks, ma c'è anche un certo Kim Rossi Stuart
TV
CONDIVIDI
Justin Theroux: «Jennifer ti amo»
C'è chi scommette sulla sua separazione da Jennifer Aniston ma lui la porta a Parigi e svela qui il loro segreto di coppia
TV
CONDIVIDI
Gianni Boncompagni, tutto fuorché un complessato
Mandava in frantumi le nostre moraline precotte e c'era più gioco intellettuale nel suo niente che in cento programmi di libri