Serie tv, Life in Pieces: la vita in pezzi della famiglia Usa

Da venerdì 13 maggio su Fox una nuova sit-com che parla dei problemi e vicissitudini comiche di tre generazioni di uno stesso nucleo familiare: siamo negli Stati Uniti, ma le cose non sono poi molto diverse in Italia!

Più Popolare

La famiglia americana fa ancora ridere. Parte il 13 maggio su Fox, canale nel bouquet di Sky, una nuova serie tv che promette di portare un po' di sano umorismo nelle nostre serate televisive e di entrare nella classifica delle più sit-com più divertenti di sempre: è Life in pieces che, al debutto negli Stati Uniti sulla rete Cbs lo scorso settembre, ha fatto registrare buone critiche e ottimi indici di ascolto. La serie - 22 episodi con il  taglio classico delle sit-com e una durata di 21 minuti ciascuno - racconta le divertenti vicende di tre generazioni della famiglia Short. I genitori sono due pezzi grossi del calibro di Dianne Wiest e James Brolin e insieme a loro recitano i tre figli e i numerosi nipoti con il contorno di mogli, mariti e fidanzate. 

Un'immagine del primo episodio di Life in Pieces
Advertisement - Continue Reading Below

Nella scia della numerose e fortunate sit-com sfornate dalle reti americane come, per citarne alcune, The Cosby Show, i Jefferson e le più recenti Una mamma per amica e Arrested Development, anche in Life in pieces si schiaccia l'acceleratore sulle situazioni comiche e ricorrenti della vita familiare, anche se gli Short in verità non abitano tutti insieme e due dei figli sono già sposati con prole. La particolarità di questa sit-com è però nell'architettura narrativa perché ogni episodio è diviso in 4 ministorie, ognuna narrata da uno dei personaggi mentre tutti gli altri appaiono nel ruolo di attori non protagonisti (da qui il titolo: La vita a pezzi). 

Le situazioni assurde sono normali in Life in Pieces
Più Popolare

E allora vedremo Matt alle prese con l'ex fidanzato della sua ragazza che non vuole lasciare la casa dove abitavano insieme, creando così qualche intuibile problema logistico, oppure il nonno John che per il suo 70° compleanno decide di organizzare il proprio funerale per sapere chi parlerà bene di lui. Oltre alle situazioni grottesche e al gusto della provocazione, il vero asso nella manica di Life in pieces è un cast affiatato e di tutto rispetto: oltre ai già citati  Wiest (vincitrice di due Oscar) e Brolin (due Golden Globes e un Emmy al suo attivo), fanno parte della famiglia Short anche Colin Hanks (Dexter e Fargo), Betsy Brandt (Breaking Bad), Thomas Sadoski (Law & Order e The Newsroom) e Greg Grunberg (Master of Sex e il recente Star Wars - Il risveglio della forza). 

More from Gioia!:
TV
CONDIVIDI
Justin Theroux: «Jennifer ti amo»
C'è chi scommette sulla sua separazione da Jennifer Aniston ma lui la porta a Parigi e svela qui il loro segreto di coppia
TV
CONDIVIDI
Gianni Boncompagni, tutto fuorché un complessato
Mandava in frantumi le nostre moraline precotte e c'era più gioco intellettuale nel suo niente che in cento programmi di libri
TV
CONDIVIDI
Ritorna Gossip girl? Blake Lively non nega!
Dopo 6 stagioni la serie tv cult potrebbe tornare per un reboot e la sua protagonista commenta così l'ipotesi
TV
CONDIVIDI
Valeria Bilello: «Mica male fare la sexy»
È l'unica italiana nella seconda stagione della serie più gender fluid della tv, Sense8 di Netflix, che l'ha costretta ad essere sensuale
TV
CONDIVIDI
Alessandro Roja: «Peter Pan a chi?»
Protagonista nelle fiction Di padre in figlia e Tutto può succedere 2, ci racconta come l'amore e la paternità gli hanno cambiato la vita
TV
CONDIVIDI
Come mai Matrimonio a prima vista ha successo?
Torna su SkyUno il 13 aprile 2017: tra amori riusciti e non, l'attesa per la seconda stagione è alle stelle
TV
CONDIVIDI
Una mamma per amica torna con nuovi episodi?
Siete rimaste soddisfatte del finale di Una mamma per amica? Forse ci sarà un seguito, ed ecco cosa ne pensano le Gilmore girls
Asia Kate Dillon, serie tv Billions, Emmy genderqueer
TV
CONDIVIDI
La star di Billions chiede agli Emmy un terzo genere
L'interprete genderqueer ha chiesto agli organizzatori dei premi di riconsiderare le categorie di miglior attore e miglior attrice
TV
CONDIVIDI
Ecco le foto del remake tv di Dirty dancing
I nuovi protagonisti hanno pubblicato sui social alcune immagini, così possiamo vederle in anteprima
TV
CONDIVIDI
Perché tutti parlano di 13 reasons why?
La nuova serie tv di Netflix affronta un tema non semplice: il suicidio di un'adolescente, ma poi non tutto è come sembra